AICVAS
Via San Marco 49
20121 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                                                                                                       
                                    OPINIONI & DIBATTITI                                    
                                                                       
                                                                                                                                                       
                                    Alcune precisazioni di Michele Ferri...                                    
                                   

Raccomandata personale

Manfredonia, 20 marzo 2014

Gent.mo Sig. Italo Poma - Presidente
Aicvas

Gent.mo Sig. Marco Puppini - vice Presidente Aicvas

Milano

Ho potuto casualmente prendere visione della scheda relativa alla scrittrice Maria Albini, apparsa nella recente pubblicazione edita dall’Aicvas, “Non avendo mai preso un fucile tra le mani”: Antifasciste italiane alla guerra civile spagnola 1936-1939, Milano, 2014, e ho notato il mio nominativo, accanto a quello dell’Aicvas. Di conseguenza, chi si trovi a leggere la pagina sarà indotto a ritenere che Michele Ferri sia stato in parte, se non in tutto, il redattore della scheda.

Vorrei, pertanto, precisare di essermi rivolto, nel 2013, sia al Sig. Poma sia al Sig. Puppini, per conoscere la fonte dell’Aicvas da cui emergeva l’appartenenza di Maria Albini ai volontari antifascisti in Spagna, e la mia richiesta era soprattutto dovuta al fatto che vari testi lasciavano (e lasciano) intendere che ella avesse addirittura combattuto in Spagna. Nel corso di qualche telefonata e scambio di e-mail ho espresso le mie perplessità riguardo alla fondatezza di queste congetture, sulla base di quanto di mia conoscenza (in primo luogo, le memorie autobiografiche di Maria Albini e dell’ex marito, l’avv. Pierre Brandon).

Noto che la scheda riporta che Maria Albini si sarebbe recata “con ogni probabilità” anche in Spagna, e il tono alquanto dubitativo mi sembra accettabile, poiché l’Ufficio Controspionaggio del C. T. V. si era limitato a segnalare che ella aveva aderito al movimento rosso nella Spagna repubblicana, e ciò non implica affatto che ella sia stata in Spagna o che addirittura via abbia combattuto.

È molto probabile, quindi, che Maria Albini, attiva antifascista a Parigi tra il 1937 e il 1939, avesse avuto un ruolo nell’opera di assistenza ai reduci dalla Spagna e in precedenza, all’interno della Lidu di Luigi Campolonghi, si fosse anche prestata per raccogliere aiuti per i combattenti antifascisti in Spagna.

In conclusione, il contenuto della scheda mi sembra sostanzialmente corretto. Suscitano, invece, perplessità:
(a)
           il fatto di avermi presentato come redattore della scheda, essendomi, in realtà, limitato a fornire qualche notizia biografica su Maria Albini (che mi onoro aver incontrato a Parigi nel giugno del 1968 e con cui ho intrattenuto una lunga corrispondenza fino ai suoi ultimi giorni nel 1995); meglio sarebbe stato se il redattore della scheda (Marco Puppini) avesse precisato qualcosa come: “da Michele Ferri si apprende che...” riportando le notizie da me fornite tra virgolette;
(b)           Marco Puppini, quale curatore del libro, avrebbe dovuto, secondo me, corredare la foto di Maria Albini collocata all’inizio della scheda, a p. 43, con la citazione della fonte della foto medesima, ossia l’Archivio dell’Aicvas, al quale deve essere pervenuta, ritengo, dai documenti dell’Archivio centrale dello Stato di Roma; infatti, dovrebbe trattarsi della foto segnaletica di Maria Albini, che fu iscritta dalla Polizia politica come antifascista nella «rubrica di frontiera» perché venisse trattenuta e arrestata; il non aver indicato la natura e la provenienza della foto segnaletica può dare l’impressione al lettore non informato, mi sembra, che Maria Albini, con quel numero in sovraimpressione, fosse una sorta di ricercata per delitti comuni;
(c)           mi sarei astenuto, infine, dal riportare la nota del 26 aprile 1939 del Ministero Affari Esteri, con la quale si “rende nota l’espulsione di Albini Maria dai ranghi del Partito Nazionale Fascista, cui era evidentemente iscritta in precedenza”; non so se Maria Albini fosse mai stata, per qualche tempo, iscritta al PNF e avrei qualche dubbio in proposito considerando che l’unica fonte della sua pretesa iscrizione è, in ultima analisi, il PNF stesso.
Vorrei invitare il Sig. Italo Poma, Presidente dell’Aicvas, che ha pubblicato il libro, e i curatori del libro stesso, in particolare il Signor Marco Puppini, redattore della scheda biografica su Albini, ad assicurare che in una eventuale riedizione o ristampa del libro si provvederà alle opportune precisazioni in merito alle questioni sollevate e chiedo che intanto si provveda a inserire nella presente edizione, a p. 43, una nota che contenga in sintesi le precisazioni di seguito suggerite:

[
La foto segnaletica di Maria Albini e le notizie riguardanti la sua adesione «al movimento rosso nella Spagna repubblicana» provengono dall’Aicvas e, indirettamente, dall’Archivio centrale dello Stato di Roma; le altre notizie biografiche sono state fornite da M. Ferri per il tramite di M. Puppini, che ha redatto la scheda]
Nell’attesa di un riscontro porgo distinti saluti,

                                                                                                                                                                                                                                Michele Ferri
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                    ...La replica dell'autore                                    
                                   

Gentile Michele Ferri,

Ho letto con attenzione la Sua del 20 marzo scorso pervenuta via mail. Alcune Sue osservazioni ed in particolare quella di essere stato indicato come co – autore della scheda, mi fanno pensare di non essere stato abbastanza preciso nella parte introduttiva del libro. E' chiaro che ogni scheda è frutto degli autori, ed i nomi delle persone come degli archivi citati al termine delle stesse sono le fonti alle quali si è attinto per compilarla (ed era quindi assolutamente doveroso citarle). Così avevo precisato a p.6 (“I libri utilizzati per la redazione di ciascuna scheda biografica sono stati trascritti in calce con il solo cognome dell'autore”). È vero che in alcuni casi ci sono stati aiuti da parte di alcuni collaboratori, che però sono stati segnalati come tali, citandone i nomi per esteso e ricordando il contributo di ciascuno con i dovuti ringraziamenti sempre a p.6 (dove il suo nome non compare). Mi pareva dunque che non potessero esserci dubbi per i lettori, ma evidentemente non sono riuscito ad essere abbastanza chiaro.
Per quanto riguarda la foto di Maria Albini, quella pubblicata era quella che avevamo a disposizione. Altre donne schedate nel libro sono finite in carcere o internate per lunghi periodi, ma questo significa (come risulta dal piano complessivo del lavoro ed anche dalle finalità della nostra associazione) che erano dalla parte giusta ed hanno affrontato sacrifici spesso pesanti per testimoniarlo. Se la Albini fosse stata incarcerata per delitti comuni non avremmo avuto problemi (ed anzi avremmo avuto il dovere) di ricordarlo, ma così non è. Pensiamo quindi che la foto non possa creare equivoci. Quanto alla sua espulsione dal PNF, questo risulta dalla scheda compilata a suo tempo dall'AICVAS. Il problema non è che Albini fosse stata iscritta, molti lo erano obbligatoriamente, talvolta senza neppure saperlo, mentre l'espulsione è senz'altro un ulteriore elemento a suo merito.
In questo momento, avendo edito poche copie del libro, esso è in via di esaurimento e non vedo opportuno inserire un foglio con la correzione che Lei ha proposto. Se Lei è d'accordo, è nostra intenzione pubblicare la sua lettera e questa nostra risposta (ovviamente senza quest'ultimo paragrafo) sul nostro sito web (aicvas.org) e Facebook. Se Lei fosse in possesso di qualche foto di Maria Albini meritevole di pubblicazione o volesse scrivere una (breve) scheda della stessa e avesse eventualmente interesse a pubblicarla sul nostro sito, ce le invii pure (ovviamente metteremo nella debita evidenza la provenienza).
È nostro intento presentare il libro in Puglia, ma abbiamo molto pochi contatti in questa regione. Le saremmo grati se volesse indicarcene alcuni per poter organizzare – nella terra di Di Vittorio – un incontro o un evento in grado non solo di far conoscere questo libro, ma anche l'attività complessiva dell'associazione e la sua storia.

Distinti saluti
                                                                                                                                                                                                                                 Marco Puppini

                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                                                                                                       
                                    Donne... su tre lati della barricata                                    
                                   

Diana Johnstone, Hillary Clinton Regina del Caos, Zambon Editore, Francoforte sul Meno 2016, pp.250, € 15,00
Augusto Cantaluppi – Marco Puppini, “Non avendo mai preso un fucile tra le mani” Antifasciste italiane alla guerra civile spagnola 1936-1939, Www.Aicvas.org, Milano, 2014. pp. 160, Sip.
Sono due libri molto diversi quelli che vengono qui proposti, sia per contenuto che per finalità.
Il primo è destinato a smontare, se mai ce ne fosse ancora bisogno, l’immagine della candidata “democratica” Hillary Rodham Clinton alla Casa Bianca sia come rappresentante di una politica anche solo vagamente progressista, sia come portavoce delle istanze femminili nella società e nel mondo della politica.
Il secondo ricostruisce, attraverso 67 schede biografiche, le vicende fino ad ora in gran parte sconosciute delle donne italiane che parteciparono in qualche modo alla guerra di Spagna schierandosi orgogliosamente e coscientemente dalla parte della Repubblica e, soprattutto nel caso delle anarchiche (che risultarono essere anche le più numerose), della Rivoluzione.
Pur nella loro diversità di intenti, però, i due testi pongono, il primo in maniera abbastanza esplicita mentre il secondo indirettamente, la questione del “genere” all’interno di un percorso di liberazione che nel voler realizzare le principali istanze femministe o LGBT tenga conto, o meno, di una più generale liberazione della specie dai lacci e dalle schiavitù economiche, politiche, sociali, morali e religiose che impediscono agli individui di realizzarsi pienamente al di fuori delle leggi dell’accumulazione capitalistica e delle società (tutte) divise in classi.
Da questo punto di vista il testo di Diana Johnstone, americana che da decenni risiede in Europa, è, allo stesso tempo, il più esplicito e il più problematico. Non a caso, poiché la figura di Hilllary Clinton è stata e rimane centrale all’interno dell’establishment americano per quella sorta di autorappresentazione degli Stati Uniti e dei loro governi come difensori dei “diritti umani”, anche a costo di guerre “disumane”, tesa a giustificarne le ingerenze politiche e gli interventi militari e a nasconderne i reali moventi economici e politici.
Proprio per questo motivo Susan Sarandon, attrice da sempre impegnata nella critica degli abusi operati dagli USA, ha potuto dichiarare recentemente che sarebbe “meglio una vittoria di Donald Trump se il candidato dei democratici fosse Hillary Clinton”.1 Infatti la figura della ex-First Lady e ex-Segretario di Stato statunitense rappresenta, oggi, la migliore opzione alla Presidenza degli Stati Uniti per quello che la Johnstone chiama esplicitamente il “partito della guerra”.
Partito della guerra che ha fatto della difesa dei generici “diritti umani”, della multiculturalità (ovunque questa, naturalmente, si adegui agli interessi dell’impero americano) e della “società aperta” lo strumento ideale, sia dal punto di vista politico che massmediatico, per la penetrazione nella coscienza dei cittadini e l’ingerenza (sempre più spesso militare) all’interno degli stati e dei governi che non si adattino o si contrappongano agli interessi e ai dettami del capitalismo finanziario anglo-americano.
Hillary sbandiera al vento il suo voler “sfondare il soffitto di vetro” che separa le donne dagli incarichi di rilievo a beneficio di tutte le cittadine americane, facendone una sorta di battaglia femminista qualificata. Dimenticando però, come ricorda l’autrice del libro, che da anni sono donne a ricoprire importanti ed aggressivi ruoli proprio nella politica estera americana (Condoleeza Rice, Madeleine Albright, Susan Rice, la stessa Clinton ed altre ancora) e che questo non ha affatto segnato una svolta in senso meno militarista delle politiche statunitensi. Anzi.
Lo stesso smart power che la Clinton presenta come sua caratteristica di “governo” non significa altro che la promessa di tenere conto di tutte le possibili soluzioni per risolvere i contrasti o i conflitti creati ad hoc, compresa e soprattutto quella di carattere militare. E basta dare un’occhiata ai principali finanziatori/donatori della Clinton Foundation per comprendere come la parte più avanzata del movimento femminista americano abbia da tempo denunciato la falsità delle proposte della Clinton.
Arabia Saudita, Kuwait, Exxon Mobil, Qatar, Boeing, Doe, Goldman Sachs, Walmart , Emirati Arabi Uniti sono solo alcuni tra quelli che partecipano alla Fondazione con cifre dagli otto ai sette zeri. Mentre tra gli “spilorci”, che hanno versato soltanto mezzo milione o poco più di dollari, troviamo Bank of America, Chevron, Monsanto e l’immancabile Fondazione Soros. Il fior fiore del capitalismo americano, dell’élite petrolifera mondiale e della speculazione finanziaria internazionale.
Nonostante il testo della Johstone, figlia di collaboratori di Franklin Delano Roosvelt all’epoca del New Deal, sia pesantemente inficiato da inspiegabili e talvolta assurde affermazioni nei confronti dell’anarchismo e dell’internazionalismo e da una difesa sin troppo esplicita delle ragioni di Putin, la sua lettura può rappresentare un significativo momento di riflessione sulle attuali politiche di comunicazione che, attraverso la semplificazione del discorso sui generici “diritti” e l’uso di strumenti quali Twitter, seminano la confusione tra interessi generali e particolari contribuendo a far scambiare per sinistra o progressismo ciò che è soltanto, ancora una volta, una politica di divisione all’interno della grande maggioranza degli sfruttati di ogni genere, razza e nazione.
Il secondo testo, che entra a far parte della ricostruzione delle vite e dei percorsi dei combattenti nella guerra civile spagnola portata avanti da tempo dall’AIVACS (Associazione Italiana Volontari Antifascisti Combattenti in Spagna), pur non essendo privo di lacune e rimozioni e pur sposando in toto la causa antifascista e repubblicana a discapito dell’ipotesi rivoluzionaria all’interno del conflitto che insanguinò la Spagna tra il 1936 e il 1939, porta anch’esso a riflettere sulle problematiche di genere all’interno di un percorso di liberazione collettiva.
Anche se di alcune di quelle donne, che affluirono tra le file degli antifascisti e dei rivoluzionari spagnoli ed internazionali, non ci rimane oltre al nome e cognome altra testimonianza se non la sintetica constatazione “Caduta in combattimento in prima linea” dovuta ai fascicoli degli archivi della Polizia di Stato, è chiaro che la partecipazione femminile a quel conflitto fu estremamente significativa ed ebbe molte cause.
Cause che differiscono sia per motivazioni politiche che di classe. Oltre a quella comune di rivendicare un maggiore spazio e ruolo per le donne nella politica e nella società.
Una prima differenza che salta immediatamente agli occhi scorrendo le schede biografiche è quella dovuta al fatto che mentre molte donne anarchiche accorsero in Spagna come “volontarie”, quelle legate al Partito Comunista (e tra queste primeggiano donne famose come Rita Montagnana, Teresa Noce o Tina Modotti) furono spesso inviate lì in qualità di funzionarie o/e per incarico del Partito.
Molte di loro, sia di una fazione che dell’altra, arrivarono in Spagna a seguito dei compagni o dei mariti, ma tutte, una volta arrivate lì, si sarebbero date ampiamente da fare assumendo le più diverse e svariate funzioni e mansioni. Molte arrivarono per combattere, soprattutto le anarchiche che avrebbero trovato nelle formazioni rosso-nere e soprattutto nella Colonna di Ferro di Buenaventura Durruti lo spazio e il ruolo combattente richiesto.
Saranno i Decreti sulla militarizzazione del 30 settembre e del 7 ottobre 1936, emanati dal governo di Largo Caballero con il voto favorevole dei comunisti e la contrarietà del POUM, degli anarchici e dei socialisti, a definire la cosiddetta “militarizzazione” che avrà come conseguenza l’inquadramento delle milizie nelle truppe regolari della Repubblica, il ristabilimento della disciplina e dell’obbligo di saluto, la leva obbligatoria e l’espulsione delle donne dalle file dei combattenti.

Disciplina militare borghese, controllo del Partito su tutte le strutture e le iniziative potenzialmente rivoluzionarie, eliminazione anche fisica degli avversari politici nello stesso schieramento e ridimensionamento del ruolo e dell’autonomia delle donne nel contesto della guerra civile andranno così di pari passo, fino alle ultime drammatiche conseguenze. Eliminazione dell’autonomia di classe e ridimensionamento delle istanze di genere sembrano così convergere, anche se il testo, mantenendo la struttura a schede e non affrontando, se non in maniera scontata, la questione evita di sfiorare o approfondire l’argomento.
Una altro aspetto che, all’interno del testo, sembra sottolineare le differenze di classe oltre che di scelte tra le donne stesse è proprio quello delle differenti condizioni sociali e delle differenti motivazioni che spingono le donne in Spagna, già prima della guerra. Tale differenza di condizioni è ben esplicato attraverso le biografie di chi poteva vantare titoli nobiliari nel proprio casato, oppure acquisiti attraverso il matrimonio, che, magari, garantivano una funzione direttiva nelle strutture di soccorso inglesi “alle vittime” e di coloro, invece, che si erano già trovate in drammatiche condizioni economiche durante l’esilio in Francia negli anni Trenta proprio per l’origine proletaria e il lavoro salariato mal pagato a cui avevano dovuto sottoporsi. La radicalità della scelta derivava così non da una ben ponderata riflessione di carattere ideologico, ma direttamente dalle condizioni di vita, di cui veniva a costituire il naturale corollario.
Allora, come oggi, il profugo o l’emigrato politico non poteva avere molti diritti nelle nazioni che lo ospitavano, mentre era facilmente ricattabile col foglio di via qualora avesse potuto anche solo lontanamente rappresentare un problema dal punto di vista sindacale. Da qui la scarsa fiducia nell’istituzione o nell’ordine costituito, repubblicano borghese o partitico che fosse.
Due testi per alcuni versi imperfetti, ma stimolanti per le riflessioni che, direttamente o indirettamente, impongono, chiedendoci di considerare che la barricata sulla quale le donne sono spesso state chiamate a schierarsi ha sempre avuto almeno tre lati: uno di genere e due di classe.

                                                                                                                                                                                                                                         Sandro Moiso