AICVAS
Via Francesco Ferrucci 2
20145 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                                                                                             
                            leggi Coplas de la defensa de Madrid                                                   ascolta Coplas de la defensa de Madrid                            
                                                                                                                                                       
                            2017                            
                                                       
                                                                                                                                                       
                            In ricordo di Lino Marega
il libro di Josep Almudéver
                                 
                                                             
                                                             
                            Il 14 dicembre a Villesse (Gorizia), in ricordo di Lino Marega, Marco Puppini, Vicepresidente Aicvas ha presentato il libro di Josep Almudéver: Memoria di un miliziano e brigatista internazionale alla Guerra di Spagna.
Mariangela Pacorig ha letto brani del libro e dellll’intervista realizzata a Lino Marega da Leopoldo Gasparini.
Il trio NO – BEL suonerà musiche e canzoni della Resistenza italiana ed internazionale
                                 
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Museo Audiovisivo della Resistenza
di Fosdinovo
                               
                                                           
                                                           
                            Il 25 novembre, nell’ambito dell’'iniziativa organizzata dal Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo, è stato presentato il web-documentario La lunga Resistenza. 1936-1945, gli antifascisti italiani dalla guerra di Spagna alla Resistenza, regia di Luciano D'Onofrio,con l'intervento di Italo Poma e una cena-concerto con Ángeles Aguado López, che ha presentato il Cd Al pueblo y a la flor, dedicato ai canti nati dalla voce dei combattenti repubblicani spagnoli e delle Brigate Internazionali.
Nel solito e accogliente ambiente, accompagnati dall’ottima cucina, sul finire della serata, il bravissimo cantautore Davide Giromini, presente all’iniziativa, in modo spontaneo si è esibito alla chitarra insieme ad Ángeles in un duetto del tutto improvvisato, che ha riscosso la simpatia del pubblico.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Guerra di Spagna
e letteratura
   

partecipanti sulle più recenti realizzazioni di AICVAS, tra le quali particolare rilievo hanno il web doc La lunga Resistenza, il CD di canzoni spagnole repubblicane e la Banca dati biografica dei combattenti italiani antifascisti di Spagna.
Ha quindi preso la parola Gabriele Morelli, docente di Letteratura spagnola all’Università di Bergamo, che ha tracciato una panoramica di opere di scrittori e poeti che hanno scritto sulla Guerra Civile. Morelli ha poi interrogato i tre scrittori che hanno partecipato all’incontro.
Maurizio Lo Re, autore di Domani a Guadalajara, ha parlato della grande battaglia che lo ha ispirato, ricostruendone vividamente le varie e complesse fasi, che videro gli italiani della Brigata Garibaldi combattere in prima linea per fermare l’attacco delle truppe fasciste italiane.
Pablo Rossi, autore de Il sangue e l’oro, ha spiegato perché per il suo libro è ricorso alla formula del noir, considerata efficace per ricostruire vicende della Guerra Civile e ha accennato brevemente alla storia dell’oro spagnolo, consegnato all’URSS per acquistare armi per la Repubblica.
Sergio Alonge, autore de L’uomo degli aeroplani, ha guardato al conflitto dall’altra parte, raccontando come un criminale bombardamento dell’Aviazione legionaria italiana apre una crisi che inciderà all’interno della stessa aviazione fascista italiana. Al termine degli interventi degli scrittori, Morelli ha concluso l’incontro, ricordando che quest’anno ricorrono i 75 anni dalla morte di Miguel Hernández, importante poeta e drammaturgo spagnolo, che si batté per la Repubblica Spagnola e che morì nel 1942 a 31 anni nel carcere di Alicante.

                           
                                                           
                                                           
                           

Lunedì 27 novembre 2017 ha avuto luogo a Milano l’incontro Spagna in fiamme, narrazioni italiane della Guerra Civile organizzato da AICVAS e Circolo di Via De Amicis 17 con il patrocinio dell’Instituto Cervantes di Milano e di ANPI, FIAP e Anppia.
Con questa iniziativa, che rientra tra quelle organizzate per ricordare l’80° anniversario della Guerra Civile spagnola, AICVAS ha  cominciato a sperimentare un nuovo e diverso approccio allo scontro feroce che dilaniò la Spagna tra il 1936 e il 1939. In questo caso si è affiancata alle ricostruzioni storiche una ricerca delle modalità con cui la letteratura italiana affronta, interpreta e ripercorre questo conflitto.
L’incontro è stato introdotto da Mario Artali, Presidente del Circolo De Amicis e della FIAP, che ha collocato l’argomento della serata tra le aree tematiche che sono al centro dell’attività di un Circolo a vocazione socialista.
A sua volta Italo Poma, Presidente di AICVAS, ha ricordato l’intensa attività sviluppata dall’Associazione per ricostruire dinamicamente il conflitto spagnolo e le sue implicazioni culturali, belliche, storiche, anche musicali, naturalmente sempre con uno sguardo attento al contributo degli italiani alla difesa della Repubblica spagnola. In particolare Poma ha richiamato l'attenzione dei

                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Incontro con i familiari dei combattenti di Spagna
originari della Carnia e Alto Friuli
                               
                                                           
                                                           
                            Il 21 ottobre scorso si  è svolto a Tolmezzo, in provincia di Udine, un incontro con i familiari dei 27 combattenti antifascisti di Spagna originari della Carnia e dell’Alto Friuli, territorio montano vicino al confine con l’Austria che ha però dato in proporzione ai residenti molti volontari alla lotta antifascista. Di questi, cinque erano caduti o dispersi in Spagna, uno era un grande mutilato, con perdita di entrambe le braccia sul fronte di Madrid, uno è morto in campo di sterminio a Dachau. L’incontro era organizzato dall’Aicvas e dall’Anpi di Tolmezzo con il patrocinio dell’Anpi provinciale di Udine e dell’UTI della Carnia. Ha preso parte all’evento un centinaio di persone. All’incontro ha partecipato anche la Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, che ha portato un saluto ricordando il difficile momento politico ed economico attuale a livello interno ed internazionale. A sua volta, Guido Nadalutti, in rappresentanza dell’Anpi provinciale, ha ricordato come quei volontari hanno anticipato l’idea di Europa unita e democratica. La manifestazione è proseguita con gli interventi di Marco Puppini (Aicvas) che ha parlato del contesto locale ed internazionale in cui i volontari friulani si sono trovati ad operare, ed  Almudena Cros (Asociación Amigos de las Brigadas Internacionales) che ha parlato della memoria dei combattenti internazionali nella Spagna di oggi.
In seguito Almudena Cros, ha nome della Spagna democratica ed antifascista, ha consegnato una targa in ricordo ed in onore di ciascun combattente ai familiari intervenuti. Tra loro anche Roland Tomat, figlio di Domenico Tomat, che ha avuto una lunghissima carriera di combattente e attivista antifascista in mezza Europa, e che ha comandato l’intera Brigata Garibaldi sul fronte di Estremadura. Roland era arrivato a Tolmezzo da Marsiglia, dove abita. E Denise Pellizzari, figlia di Ardito Pellizzari, combattente nel battaglione Dimitrov e poi attivo antifascista in Germania, Francia ed Italia, giunta per l’occasione da Roma. Di alcuni volontari (fra cui tre fratelli ed un padre con il figlio) emigrati prima della seconda guerra mondiale e mai rientrati, non è stato possibile rintracciare i familiari. Il gruppo musicale Ovce, di Trieste, ha inframezzato con canti della Resistenza internazionale le vari fasi della manifestazione ed è intervenuto pure in chiusura. Ha coordinato Pasquale D’Avolio, segretario dell’Anpi di Tolmezzo, assieme a Pierpaolo Lupieri, senza il cui grande lavoro di ricerca dei familiari dei diversi volontari questa manifestazione non sarebbe stata possibile.
                                                                                          Marco Puppini


Didascalie delle foto:
1 – Il pubblico presente.
2 – Gli intervenuti, da sinistra a destra Pierpaolo Lupieri (Anpi Tolmezzo), il presidente dell’Anpi di Tolmezzo Pasquale D’Avolio, la presidente della Regione Friuli V.G. Debora Serracchiani, Almudena Cros (AABI) Marco Puppini (Aicvas), Guido Nadalutti (Anpi Udine).
3 – Un momento della consegna delle targhe ai familiari.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                              1                            
                                                                                                         
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                              2                            
                                                                                                         
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                              3                            
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Presentate all'Aquila le mostre
"Catalogna bombardata" e "La Spagna nel cuore"
                             
                                                         
                                                         
                           

Il 14 Novembre si è svolta una presentazione congiunta delle mostre “Catalogna bombardata” e “La Spagna nel cuore” presso la Casa del Teatro de L’Aquila. L’iniziativa è stata organizzata da Roberto Aleandri, Presidente dell’ANPPIA provinciale, in collaborazione con il Circolo ARCI “Querencia”.
Dopo i saluti di Serena Colonna, dell’ANPPIA Nazionale è intervenuto lo storico Raffaele Colapietra, che ha fatto una panoramica della Storia di Spagna. Successivamente, Italo Poma, ha presentato la mostra e le attività della AICVAS e inquadrato le vicende dei combattenti internazionalisti. A seguire, Riccardo Lolli,
dell’ANPPIA locale, ha illustrato le vicende dei combattenti aquilani nella Guerra di Spagna.
Il pubblico ha partecipato con interesse al dibattito che è seguito alla presentazione.
La manifestazione si è conclusa con una cena sociale preparata dal Circolo ARCI “Querencia”, che ringraziamo per la calorosa ospitalità.

                             
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                                80 anni dopo, Sacile ricorda
la Guerra di Spagna (1936-1939)
                           
                                                           
                                                           
                               

Venerdì 27 ottobre 2017, alle ore 18.00, Palazzo Ragazzoni, Sacile (PN)
Pomeriggio storico-letterario
in ricordo degli 80 anni dalla guerra di Spagna (1936 -1939).

Con Marco Puppini, Vicepresidente dell'Aicvas.
                                                       guarda la locandina

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            "Dal Friuli alla Spagna". Tolmezzo ricorda
i volontari internazionalisti antifascisti della Carnia
                               
                                                           
                                                           
                           

MANIFESTAZIONE IN RICORDO DEI VOLONTARI INTERNAZIONALISTI ANTIFASCISTI CHE DALLA CARNIA E DALL’ALTO FRIULI PARTECIPARONO ALLA GUERRA DI SPAGNA A FIANCO DEL POPOLO SPAGNOLO E DELLE ISTITUZIONI DEMOCRATICAMENTE ELETTE IN QUEL PAESE.

                               
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                               

Riunione annuale a Berlino,
ospiti del KFSR: 6-8 ottobre 2017

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                            Dal 6 all'8 ottobre scorsi ha avuto luogo a Berlino la riunione annuale della nostra associazione sorella in Germania, la KFSR (Kämpfer und Freunde der Spanischen Republik – Combattenti ed Amici della Repubblica Spagnola). La riunione di Berlino ha da tempo una rilevanza internazionale poiché anche in questa occasione vi hanno preso parte, come negli anni precedenti, delegazioni e rappresentanti di altre organizzazioni sorelle in Francia, Regno Unito, Danimarca, Irlanda e Paesi Bassi. Per l'AICVAS vi ha preso parte il vicepresidente Marco Puppini (continua...).

                                     leggi l'intera relazione sull'incontro
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Eusebio e Vitale Giambone
due fulgidi esempi di militanza antifascista
                               
                                                           
                                                           
                           

Il giorno 7 maggio, a Camagna (Alessandria), si è svolta una celebrazione in ricordo dei fratelli Giambone.
I fratelli Giambone furono due fulgidi esempi di militanza antifascista. Il più noto dei due, Eusebio, fu il rappresentante del Partito Comunista presso il Comitato Militare del CLN piemontese.
Catturato insieme agli altri membri del Comitato, fu fucilato al Martinetto, il 5 aprile 1944.
Di lui rimangono delle bellissime lettere inviate alla moglie e alla figlia prima di morire, contenute nel volume Lettere dei condannati a morte della Resistenza. Vitale Giambone fu tenente della Brigata Garibaldi in Spagna e cadde il 16 giugno del 1937 a Huesca.
Insieme a lui andò in Spagna la moglie Margherita Gellato, infermiera nel Servizio Sanitario delle Brigate Internazionali.
Il Comune di Camagna e la sezione ANPI locale hanno voluto ricordare questa famiglia, nella cui casa natale è in via di allestimento un piccolo museo, con una manifestazione pubblica.
Nonostante la pioggia, un pubblico numeroso, con delegazioni dell’ANPI di Torino, Tortona, Alessandria e Monterosso, ha partecipato a un breve corteo che si è concluso nella Sala Consigliare del Municipio.

Ivi, presentati dal Sindaco, sono intervenuti il Presidente dell’ANPI Provinciale, Roberto Rossi, il vice-presidente del Consiglio Regionale, Nino Boeti, e Italo Poma, in rappresentanza dell’AICVAS, che ha ricordato il contributo degli antifascisti italiani alla guerra di Spagna e alla Resistenza.

                                           vai alla locandina
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Donne, coraggio
e Resistenza
                               
                                                           
                                                           
                            A cura della Associazione 360º e dell'ANPI di Alpignano, nell'ambito della iniziativa "Aspettando il 25 Aprile..." si terrà un evento tutto al femminile intitolato "Donne, coraggio e Resistenza". 
Tra le attività in programma, ci sarà la presentazione del libro "Non avendo mai preso un fucile tra le mani", di Augusto Cantaluppi e Marco Puppini.

                                        vai alla locandina
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            80° anniversario della battaglia di Guadalajara
Le iniziative del 24 e 25 marzo
                                 
                                                             
                                                             
                           

Il 24 ed il 25 marzo si sono svolte nella città di Guadalajara, capitale dell’Alcarria, in Castiglia, alcune iniziative in ricordo dell’80° anniversario della omonima battaglia che vide nel marzo 1937, esattamente 80 anni fa, le truppe fasciste sconfitte dall’Esercito Popolare Repubblicano spagnolo, in particolare dalla XI^ Brigata e dalla XII^, di cui facevano parte i garibaldini italiani che ebbero nella battaglia un ruolo importante. Fu questa la prima sconfitta militare del fascismo italiano. Le iniziative sono state organizzate dal Foro por la Memoria di Guadalajara, in particolare dai fratelli Xulio e Pedro Garcia Bilbao, e dell’Associazione Amigos de las Brigadas Internacionales di Marid. Per l’Aicvas ha partecipato il vicepresidente Marco Puppini.
Il giorno 24 al pomeriggio nel Palazzo di Davalos sede della Biblioteca Pubblica di Guadalajara si è svolto un convegno sulla battaglia con le relazioni di Pedro Garcia (Miti e leggende della battaglia di Guadalajara) e Marco Puppini (i garibaldini italiani nella battaglia di Guadalajara). Ha assistito alla conferenza almeno un centinaio di persone. Il giorno successivo, sabato 25 marzo, è iniziato con una manifestazione pubblica nella piazza principale di Brihuega, con il saluto ufficiale del sindaco della cittadina, Luis Manuel Viejo alla delegazione di un’ottantina di persone presenti che includeva oltre a rappresentanti del Foro por la Memoria anche della AABI (Severiano Montero ed altri), dell’Aicvas (Puppini), due compagni tedeschi, Manfred ed Eva Fischer quest’ultima figlia di Hans Kahle, che comandò durante la battaglia l’ XI^ Brigata Internazionale,  e di varie forze politiche e sociali. Tra gli altri erano presenti Juan Ramón Crespo, coordinatore regionale di Izquierda Unida,  Juan Manuel Román, segretario del partito de Los Verdes, Eduard Gushchin corrispondente della Komsomolskaya Pravda, esponenti della lista civica di sinistra Ahora Brihuega, della CNT, del PCE e della Joventud Socialista Unificada. Ce l’ha fatta a venire anche Balbino Villalba, veterano combattente repubblicano di 96 anni di età. Brihuega è stata la sede del quartier generale delle truppe fasciste sino alla riconquista repubblicana del 18 marzo. La cerimonia è poi proseguita al cimitero della città, in ricordo degli abitanti fucilati per rappresaglia dai franchisti in buona parte mentre alle porte della cittadina si svolgevano i combattimenti. Infine vi è stata la salita a piedi, nonostante il vento veramente gelido, alla cima del cerro de San Cristobal, dal quale tra l’altro militari franchisti spararono il 5 gennaio del 1937 uccidendo Guido Picelli che si trovava sulla cima di un colle vicino. La giornata si è conclusa con un pranzo di fraternità in comune di Mirabueno e la visita ad alcuni bunker lungo la strada per Saragozza.  L’Aicvas ringrazia gli organizzatori di queste giornate, Xulio e Pedro Garcia Bilbao, del Foro por la Memoria di Guadalajara. Pedro tra l’altro è stato infaticabile durante tutta la giornata nell’illustrare l’importanza dei luoghi che andavamo visitando.
                                                                                          Marco Puppini

                                 
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                Foto: Foro por la Memoria di Guadalajara Foto: Foro por la Memoria di Guadalajara                            
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                Foto: Foro por la Memoria di Guadalajara   Foto: Bernard Kolter                            
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                Foto: Bernard Kolter   Foto: Bernard Kolter                            
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            Sulle barricate della libertà
80° anniversario della morte di Guido Picelli
  È l’estate 1936 quando da tutto il mondo, da oltre cinquanta nazioni, cominciano ad arrivare in Spagna migliaia di uomini e donne. Vengono a difendere la Repubblica spagnola dai generali ribelli capeggiati da Francisco Franco. Vengono a combattere, da volontari, il fascismo. Oltre a Guido Picelli e Antonio Cieri, ci                            
                                                         
                                                         
                             

sono anche altri parmigiani e parmensi che formano un gruppo cospicuo. In totale, i combattenti antifascisti nati a Parma e provincia sono 46 di cui nove hanno partecipato alle Barricate dell’agosto 1922, nell’Oltretorrente.
Il 4 e 5 gennaio 2017 Parma, in occasione dell'80° anniversario della morte in combattimento di Guido Picelli ha ricordato con un importante programma tutti loro.
Quatto le iniziative in programma che hanno registrato un'importante presenza di pubblico e Autorità.
Mercoledì 4 gennaio 2017 alle ore 17.00 nella Sala del Consiglio comunale - Palazzo del Municipio si è svolto l'incontro ufficiale con le delegazioni di Barcellona, Guadalajara, Madrid e Mirabueno con le associazioni antifasciste e le autorità di Parma, Regione Emilia Romagna e Camera dei deputati.
Nella sala del Consiglio comunale, erano presenti, oltre al Sindaco di Parma Federico Pizzarotti e al vice Presidente del Consiglio Ettore Manno, che hanno salutato i partecipanti e ricordato l'importanza di Guido Picelli, ancor oggi, per la Città di Parma, il Prefetto Giuseppe Forlani, la deputata Patrizia Maestri in rappresentanza del Presidente della Camera Boldrini, il senatore Giorgio Pagliari, l'Assessore alla Cultura della Regione Emilia Romagna Massimo Mezzetti, il vice Presidente Nazionale di AICVAS Marco Puppini e il vice Presidente Nazionale di ANPPIA Massimo Meliconi, oltre ai rappresentanti delle Associazioni Antifasciste di Parma.Le delegazioni spagnole e catalane sono state rappresentate da: Almudena Cros, Dottore in Storia dell'Arte Università di Warwick (Inghilterra), insegna storia dell'Arte nell'Università americana di Madrid ed è Presidente dell'AABI (Associazione degli Amici delle Brigate Internazionali di Madrid). Antonio e Celia Rodriguez. Antonio è giudice di pace e memoria storica di Mirabueno, lui e Celia hanno accompagnato, sin dagli anni Settanta, chiunque visitasse quei luoghi dove è caduto Picelli, alla ricerca delle sue tracce. José Ángel Morales de la Llana dal 2015 Consigliere Comunale di Guadalajara. Appartiene ed è il portavoce di Ahora Guadalajara (coalizione elettorale tra Podemos, Izquierda Unida, EQUO e altre Piattaforme di partecipazione cittadina) e membro delle CC.OO. di Castilla La Mancha, della ONG de Desarrollo Asamblea de Cooperación por la Paz, così come del Foro por la Memoria de Guadalajara. Carlos Sainz Cidoncha, Scrittore, giornalista, dottore in fisica, diritto e scienze dell'informazione, militante dell'opposizione politica al Franchismo. Ha vissuto e lavorato per molti anni in Guinea Equatoriale ed è stato particolarmente influenzato dall'esperienza coloniale e dalla posteriore decolonizzazione, la visione del mondo africano influisce poderosamente sulla sua narrativa. Pedro Garcia Bilbao, professore titolare dell'Università Rey Juan Carlos di Madrid. Presidente del Foro por la memoria de Guadalajara (Federación Estatal de Foros por la memoria). Scrittore, pubblicista collabora con Università europee e sudamericane. Ed infine Carles Vallejo Calderon. (continua...)

               
Leggi il documento completo