AICVAS
Via San Marco 49
20121 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                                                                                             
                            leggi Coplas de la defensa de Madrid                                                   ascolta Coplas de la defensa de Madrid                            
                                                                                                                                                       
                            2014                            
                                                       
                                                                                                                                                       
                            Presentata l'edizione digitale di
"Non avendo mai preso un fucile tra le mani"
   

Il nostro volume “Non avendo mai preso un fucile tra le mani” è uscito anche in edizione digitale. L’e-book è stato pubblicato da enciclopediadelledonne.it nel catalogo Donne nella storia. È stato presentato da Francesco Vaia il 15 novembre presso l’Aula magna della Società d’Incoraggiamento d’Arti e

                           
                                                           
                                                           
                              Mestieri nell’ambito della manifestazione Bookcity svoltasi a Milano dal 13 al 16 novembre.
Oltre al nostro volume, sono state presentate altre quattro novità editoriali appartenenti alla stessa collana. In una sorta di staffetta – per citare le parole dell’editore – “fra autrici, curatrici e curatori per presentare signore e signorine
che abitano zone diverse della storia: dalla Francia del V secolo al Cinquecento veneziano, dal Risorgimento fino alla Guerra civile di Spagna e agli anni Settanta e Ottanta del Novecento.
Perché ogni biografia è un romanzo della realtà che apre il sipario su un brano di storia collettiva che vale la pena conoscere.

Con le letture di Alessandra De Luca, attrice e doppiatrice”.

La formula di Bookcity, nata qualche anno fa a Milano con l’obiettivo di ridare al libro lo spazio culturale che merita avvicinando il pubblico dei lettori agli autori e agli editori, sta incontrando un successo crescente.
Come dimostrato dalla presenza in sala di un pubblico attento e partecipe.
                           
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                         
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Nel centenario della nascita di Anello Poma
presentazione del libro Il secolo breve spagnolo
   

                           
                                                           
                                                           
                            Il volume racconta i settantasette anni che vanno dal 1898 al 1975, in cui la Spagna si svegliò da un sonno millenario, con la presa di coscienza delle classi più emarginate. Si trattò di un periodo turbolento, che vide la perdita delle ultime vestigia di un impero immenso, le guerre marocchine, l’avvento della seconda Repubblica, l’emergere di figure culturali di assoluto valore mondiale, il tentativo riuscito di generali faziosi di abbattere le prime conquiste sociali ottenute dal popolo spagnolo, la guerra, la natura della quale una corrente di pensiero ha ora modificato da "civile" in "incivile", a causa delle violenze e brutalità perpetrate dalle due parti in lotta e dall’inumana repressione compiuta dai vincitori nel dopoguerra. Una storia tanto appassionata che si arricchisce continuamente di nuovi aspetti e nuove rivelazioni, cui l’autore propone il suo contributo teso a far conoscere nel suo insieme le vicende che hanno portato la Spagna a essere libera e democratica, anche se le ferite dell’incivile guerra non si sono completamente sanate, in larga parte per la resistenza opposta dagli eredi di uno dei più feroci dittatori che la storia umana ricordi: Francisco Franco Bahamonde.
 

Anello Poma nasce il 27 luglio 1914 a Biella. Operaio attaccafili, abbraccia l’idea comunista. Arruolatosi come volontario nelle brigate internazionali in Spagna, prende parte a vari combattimenti ed è ferito due volte. In seguito alla vittoria delle truppe franchiste viene internato in campi di concentramento francesi e successivamente, rimpatriato, è condannato al confino. Inviato a Ventotene, viene liberato alla fine di agosto 1943, in seguito alla caduta del fascismo.

Tra i principali promotori della Resistenza nel Biellese, raggiunge il grado di commissario politico del Comando zona.

Nel dopoguerra è impegnato nell’attività politica e sindacale: consigliere comunale a Biella (e per un certo periodo anche assessore), segretario della Federazione comunista di Vercelli, vicesegretario di quella biellese e valsesiana, membro della commissione nazionale di organizzazione del Pci, direttore del settimanale Vita nuova, segretario della Camera del lavoro di Biella e membro della segreteria regionale del Pci.

In seguito è attivo nelle associazioni antifasciste, partigiane e degli ex garibaldini di Spagna e scrive – con Gianni Perona – uno dei testi fondamentali sulla Resistenza biellese.

È per vent’anni presidente del comitato provinciale dell’Anpi di Biella e inoltre dirigente nazionale della stessa associazione, dell’Anppia e dell’Aicvas.

Dal 1974 al 1989 è consigliere scientifico dell’Istituto e per parecchi anni collabora a “l’impegno”, rivista dell’Istituto.

Muore a Nervi il 18 dicembre 2001.

Pietro Ramella, laureato in Economia presso l’Università di Torino, è stato funzionario di un istituto di credito fino al collocamento in quiescenza a fine giugno 1991. Nell’ottobre dello stesso anno si è iscritto alla Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Pavia, dove si è laureato nel giugno 1995, discutendo una tesi sulla guerra di Spagna. Collaboratore di riviste di indirizzo antifascista, ha curato il diario della guerra di Spagna di Aldo Morandi pubblicato nel 2002 da Mursia con il titolo In nome della Libertà. Ha inoltre pubblicato La Retirada. L’odissea di 500.000 repubblicani spagnoli esuli dopo la fine della guerra civile (1939/1945), edito da Lampi di Stampa, Milano, nel 2003; Francesco Fausto Nitti. L'uomo che beffò Hitler e Mussolini e Dalla Despedida alla Resistenza. Il ritorno dei volontari antifascisti dalla guerra di Spagna e la loro partecipazione alla lotta di liberazione, editi da Aracne, Roma, rispettivamente nel 2007 e nel 2012.
Collabora da anni con l’impegno, rivista dell’Istituto, nella quale ha pubblicato numerosi saggi, in gran parte su temi legati alla guerra civile spagnola.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                                                                                                                                                     
                            Settimana di iniziative a Barcellona
sul contributo italiano alla difesa della repubblica
                             
                                                         
                                                         
                           

Venerdì 14 novembre: presentazione dei lavori di Giuseppe Aragno sulla famiglia Grossi e sull'antifascismo nel sud.
Libreria Le Nuvole di Barcellona - ore 19:30.

Sabato 15 novembre: spettacolo teatrale sulla Famiglia Grossi (Ada è stata la voce di Radio Libertà Barcellona, che trasmetteva in italiano le notizie sulla Guerra di Spagna). 
Teatro del Centro Sociale de les Cotxeres Borrell - ore 18
in collaborazione con il Memorial Democràtic.

Martedì 18 novembre: presentazione della traduzione dal castillano del libro di Claudio Venza su Tommasini, il ciabattino anarchico e presentazione del documentario An Anarchist Life.
Centro Sociale Pou de la Figuera - ore 19.

Giovedì 20 novembre: Il cattivo tedesco e il buon italiano (e spagnolo).
Mancato riconoscimento dei crimini di guerra e identità nazionale.
Dibattito con gli storici Filippo Focardi, Xavi Domenènec, Alfons Aragoneses.
Università Pompeu Fabra - ore 19.

Venerdì 21 novembre: Italiani "brava gente".
Conferenza in italiano del professor Focardi dell'Università di Padova.
Liceo Italiano (o Casa degli Italiani) - ore 17 
in collaborazione con il Memorial Democràtic.

 

                             
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Assemblea annuale internazionale di Berlino
17-19 ottobre 2014
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                           

Dal 17 al 19 ottobre  si è tenuta a Berlino la riunione annuale del Kämpfer und Freunde  der Spanischen Republik – KFSR,  cui erano invitate anche le altre associazioni  internazionali rappresentative dei combattenti antifascisti della guerra di Spagna. Per conto dell'AICVAS ha partecipato all'incontro il vicepresidente Marco Puppini. Erano presenti rappresentanti di varie associazioni provenienti dalla Francia, con la delegazione dell'ACER (Pascal.Gabay, Georges Bertrant.Puig, Joseph Almudevér ed altri) dalla Danimarca (Allan Christiansen), dalla Russia (Inna.lvovna), Angel Rojo dalla Spagna per conto dell'Asociación Amigos de las Brigadas Internacionales – AABI, ma anche Marc Navarro dalla Catalogna, una rappresentante del movimento “15 M in Berlino” (che appoggia in Spagna la lotta degli “indignados”)  ed altri esponenti spagnoli, ed infine, per la prima volta, dalla Cechia (Pavel Vranský). Della delegazione francese faceva parte anche Joseph Almudevér, combattente durante la guerra di Spagna nell'Artiglieria Internazionale. Batteria Rosselli. Nella Batteria nel 1938 aveva conosciuto alcuni italiani tra cui il commissario politico Lino Marega.
Il pomeriggio del giorno 17 è stato presentato il libro di Kostantin Seifert, insegnante di Jena,  dedicato al medico tedesco Hans Serelmann, comunista ed ebreo, combattente di Spagna e caduto nella Resistenza francese. La mattina del giorno seguente è stato presentato il musical “Goodbye Barcelona”, tratto dall'omonima piece teatrale, con successivo dibattito assieme all'autore e regista Lewkowicz. Nel pomeriggio si è svolta la manifestazione di fronte al monumento in onore delle Brigate Internazionali sito nel parco di Friedrichshain, con il saluto delle varie delegazioni e la posa di omaggi floreali. Era presente la deputata al Parlamento tedesco Gesine Lötzsch, eletta nelle file del partito Die Linke, che ha portato un saluto. Puppini ha portato il saluto dell'AICVAS.
La mattina del 19 si è svolta l'assemblea generale della KFSR preceduta da una relazione sulla politica della memoria nella Spagna di oggi svolta da Silke Hüneke. Il pomeriggio è invece stato dedicato alla discussione dei progetti in cantiere da parte delle varie associazioni sia per il 2015 che per il 2016 (ottantesimo anniversario dell'inizio della guerra civile spagnola e della

   

formazione delle Brigate). Per il 2015 il KFSR ha presentato due progetti. Il primo è della Federazione Internazionale della Resistenza - FIR, e prevede la formazione di un treno di giovani da tutta Europa in partenza da Bruxelles ed in arrivo al campo di Auschwitz .In Italia la FIR ha già preso contatti con l'ANPI. Inoltre l'associazione familiari delle vittime di Buchenwald sta organizzando un'altra iniziativa per ricordare la liberazione del campo. Entrambe sono previste per i primi di maggio del 2015. E' possibile che l'AICVAS partecipi all'iniziativa su Buchenwald anche in considerazione del fatto che del Comitato Internazionale Antifascista del campo, nel 1945, faceva parte un ex combattente di Spagna italiano, Renato Bertolini.
Per il 2016 i progetti sono in via di definizione ma vi è la volontà di solennizzare la ricorrenza con manifestazioni ed eventi in Spagna. L'ACER intende organizzare un treno con partenza da Parigi ed arrivo a Madrid e Barcellona. Inoltre, proporrà al governo francese di dichiarare il 22 ottobre giornata delle Brigate Internazionali (ufficialmente istituite dal governo repubblicano di Largo Caballero il 22 ottobre 1936). Il KFSR realizzerà un dizionario biografico di tutti i volontari tedeschi combattenti per la Repubblica, per “seguire l'esempio degli italiani”; effettivamente la pubblicazione nel 1996 del dizionario biografico dei volontari italiani è stata di stimolo ed esempio per altre associazioni. La KFSR prevede anche la pubblicazione di un lavoro su tutte le donne, internazionali e no, che presero parte alla guerra di Spagna. L'ACVAS intende partecipare alle manifestazioni ed eventi che verranno realizzati proponendo di integrarli con iniziative dedicate in particolare agli italiani. E' stata anche firmata dalle associazioni partecipanti una lettera indirizzata dalla KFSR a sindaco e consiglieri domunali della cittadina di Elde, in Francia, per protestare contro la decisione di cancellare i nomi di alcune vie dedicate a personalità che avevano combattuto per gli ideali di giustizia ed uguaglianza.
La giornata è terminata con una festa al caffè – salone di the “La Boheme” dedicato in realtà all'artista e combattente di Spagna italiana Tina Modotti.

                                                                                          Marco Puppini

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            La guerra civile in Spagna
e la coscienza dell'Europa
                               
                                                           
                                                           
                           

Dal 31 luglio al 5 agosto si è svolta la decima edizione del festival "Fino al cuore della rivolta" presso il Museo della Resistenza di Fosdinovo. Il festival è stato frequentato da un pubblico numeroso composto in gran parte da giovani con dibattiti, presentazione di libri, concerti.
Il 5 agosto si è tenuto un dibattito dal titolo "La guerra civile in Spagna e la coscienza dell'Europa" con lo storico Angelo D'orsi dell'Università di Torino e Italo Poma presidente Aicvas .Il dibattito con un folto e partecipe pubblico si è avvalso della partecipazione estemporanea di Ascanio Celestini che ha letto poesie della guerra di Spagna.

                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            Ad Arcola una lapide intitolata
ai combattenti arcolani della guerra di Spagna
 

Il comune di Arcola in provincia di La Spezia ha dato i natali a nove antifascisti che hanno partecipato alla guerra di Spagna, due dei quali, Ugo Muccini e Renzo Picedi, caduti nel corso della guerra.
Tra di essi vi erano anarchici, comunisti e socialisti. Il contributo degli antifascisti

                           
                                                         
                                                         
                             

arcolani alla battaglia antifascista risulta molto elevato in relazione al numero di abitanti confermando la vocazione libertaria della popolazione di quella zona.
Il comune di Arcola, l'Anpi di La Spezia e l'Aicvas hanno indetto una manifestazione in occasione della scopertura di una lapide commemorativa sabato 27 settembre alle h. 10,30 in p.zza 2 giugno.

Parleranno:
Emiliana Orlandi sindaco di Arcola
Antonio Bianchi dell'Anpi di La Spezia
Italo Poma presidente Aicvas.
L'Aicvas invita i soci e i simpatizzanti a partecipare.

                           
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Importante mostra
allestita a Villanueva de Cordoba
                             
                                                         
                                                         
                           

In occasione della presentazione, nel mese di maggio, del libro “ La victoria sangriente 1939-1945” di Francesco Moreno è stata allestita una mostra delle foto di Morandi, custodite dalla nipote Miuccia Gigante, per la prima volta esposte al pubblico.
La mostra era costituta da più di ottanta foto e ha avuto un grande successo di pubblico.
Morandi fu comandante prima del 20° battaglione internazionale, poi della 86a Brigata Mixta e infine della 63a Divisione.
Morandi riuscì a trasformare una ritirata in un contrattacco passato alla storia come la battaglia di Pozoblanco.
Nel febbraio del 1939 dirige l’evacuazione in Francia della Garibaldi finendo egli stesso internato a St Ciprien.

                             
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                         
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            Mostra fotografica di Francesco Pinzi in Francia
a Portet sur Garonne (Tolosa)
                             
                                                         
                                                         
                           

Nella serata di mercoledì 30 luglio, nel Musée de la Mémoire di Portet sur Garonne (realizzato nell’unica baracca ancora esistente del campo di concentramento di Récébédou) è stata presentata la mostra del fotografo cremonese Francesco Pinzi: Dalla despedida alla deportazione. Il lungo viaggio degli antifascisti dalla Spagna verso la prigionia e la deportazione.
Le pareti della sala, ricoperte dalle fotografie dei campi di internamento per i rifugiati spagnoli e non solo, comunicavano l’ immagine di una Francia spesso irriconoscibile per gli stessi visitatori francesi.
La mostra, curata da Ilde Bottoli e realizzata in collaborazione con AICVAS (Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna), era già stata esposta a Milano nel novembre scorso.
Thierry Suaud, sindaco di Portet sur Garonne e consigliere della regione Midi-Pyrénés, ha preso la parola di fronte a un pubblico numeroso. Dopo aver ringraziato il fotografo e gli organizzatori della mostra, ha espresso una profonda soddisfazione per aver potuto effettuare un’iniziativa così significativa e importante in un luogo di memoria, come la baracca del campo, trasformata in museo, nella quale è esposta la mostra. Ha poi sottolineato quanto sia doveroso per chi si è visto affidare dagli elettori la responsabilità di governare l’impegno per far crescere i valori della democrazia. Ha auspicato che possa svilupparsi ulteriormente un rapporto con i giovani studenti italiani (e in particolare di Cremona), considerate le migliaia di combattenti italiani antifascisti internati nei campi del sud-ovest della Francia e anche in quello di Récébédou.
Infine si è impegnato per la costruzione di un percorso di Memoria con gli altri comuni della regione, dove c’è stata la presenza di numerosi campi di internamento e di concentramento del governo di Vichy.
Ilde Bottoli, referente del progetto Memoria della Rete delle scuole superiori della provincia di Cremona, dopo aver ringraziato il sindaco di Portet, Karina Hernandez e Sindy Diallo, collaboratrici del Museo della Memoria, si è soffermata sulle ragioni che hanno originato la mostra.
A partire dal 1939 nei campi di internamento e di concentramento francesi furono rinchiusi migliaia di esiliati spagnoli e di combattenti delle Brigate Internazionali sconfitti dal Franchismo, compresi molti italiani. In questi stessi campi furono imprigionati gli “stranieri indesiderabili”, i Sinti e i Rom e gli Ebrei rastrellati dal governo collaborazionista di Vichy e consegnati ai nazisti per essere deportati e uccisi nei campi di sterminio in Polonia. Dallo stesso campo di Récébédou partirono convogli per Drancy e Auschwitz con 749 Ebrei e numerose sono le tombe nel cimitero ebraico di Portet sur Garonne di ebrei morti nel campo. Infine ha ricordato come la mostra sui campi francesi sia parte di un lavoro di ricerca molto più ampio che comprende la documentazione fotografica di 80 campi in tutta Europa.
Italo Poma, presidente dell’ Aicvas, nel suo intervento ha ricordato le vicende degli antifascisti delle Brigate Internazionali nella guerra civile spagnola. Ha ricordato la figura del padre, Anello Poma, combattente nelle Brigate Internazionali in Spagna, deportato nei campi francesi di Gurs e Le Vernet, confinato all’isola di Ventotene fino all’agosto del 1943 e diventato poi comandante partigiano nel Biellese.
Francesco Pinzi ha “parlato” con un’emozionante proiezione di sue fotografie sui campi di concentramento francesi, sui campi nazisti in Germania, dove molti spagnoli furono deportati e sui campi di sterminio in Polonia.

La proiezione è stata accompagnata dal racconto di Ilde Bottoli, compagna di questo lungo “viaggio” nel Sistema Concentrazionario Nazi-fascista in Europa. Un “viaggio” nel dolore, ma anche nella speranza, rappresentata dalle migliaia
                             
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                             

di giovani cremonesi che hanno partecipato ai Viaggi della Memoria organizzati dalla rete di scuole superiori della provincia di Cremona. Il pubblico ha partecipato con grande interesse e commozione all’iniziativa.
La mostra, aperta il due luglio, proseguirà fino al 12 ottobre, giorno dell’inaugurazione di una stele che ricorda i convogli di ebrei partiti dalla stazione di Portet sur Garonne per il campo di sterminio di Auschwitz, via Drancy.

31 luglio 2014       

Portet sur Garonne (Tolosa) - Francia
                           
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                     
                            Presentazione del libro alla Camera del Lavoro
di Milano con musica e letture tratte dalle biografie
    Il 21 giugno, nell’ambito della Assemblea Nazionale Aicvas che ha eletto le nuove cariche istituzionali, alla Camera del Lavoro di Milano si è tenuta la presentazione del libro “Non avendo mai preso un fucile tra le mani”. Antifasciste italiane alla guerra civile di Spagna. L'iniziativa, realizzata in                            
                                                           
                                                           
                              collaborazione con Cgil Milano, Associazione SecondoMaggio, Anpi Sez Greppi, Archivio dl Lavoro, si è tenuta alla sala De Carlini. Il numeroso pubblico ha completamente riempito la sala e la manifestazione è stata aperta dal musicista Alessio Lega. La moderatrice Debora Migliucci ha dato poi la parola per la relazione allo storico spagnolo Jorge Torre e alla storica italiana Fiorella Imprenti. Sono poi intervenuti gli autori, Augusto Cantaluppi  e Marco Puppini, che hanno illustrato le problematiche incontrate nella realizzazione di questa opera, unica nel suo genere in Italia, che sta riscontrando un grande interesse di pubblico e di critica. Gli attori Adele Pellegatta e Silvano Piccardi hanno interpretato letture tratte dalle biografie, privilegiando quelle delle protagoniste meno conosciute e più emblematiche. Ha portato il suo saluto il Console Generale di Spagna a Milano Emilio Fernandez e infine, sulle note del cantante Alessio Lega, si è chiusa questa importante e partecipata iniziativa.                            
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                               
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Presentazione del libro a Rovato
alla festa dell'Anpi di Brescia
                             
                                                         
                                                         
                           

Il 14 giugno, durante la festa dell’Anpi di Brescia che si è svolta nell’area di Rovato, alla presenza di un pubblico attento e numeroso, è stato presentato il libro sulle donne che andarono a difendere la repubblica spagnola.
Dopo la relazione introduttiva tenuta da Francesco Vaia, è intervenuto uno degli autori del volume, Augusto Cantaluppi, che ha illustrato le linee guida di questa importante ricerca.
Ha concluso Andrea Andrico dell’Anpi di Brescia, che ha illustrato la figura di Filippini Maria, una delle biografie più interessanti ed emblematiche del libro.

                             
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Antifasciste italiane in Spagna per la libertà
Presentazione del libro a Roma
                               
                                                           
                                                           
                            Giovedì 29 maggio l'Aicvas, dopo anni di assenza, è ritornata nella città di Roma, con i suoi presidente e vicepresidente per presentare il libro di Cantaluppi e Puppini "Non avendo mai preso un fucile tra le mani". Il volume è stato illustrato ai giornalisti spagnoli presso la sede della stampa estera dove è stato apprezzato e ha suscitato curiosità e interesse nei confronti della nostra associazione e delle sue attività. Nel pomeriggio è stato riproposto presso l'Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico di Roma con una bella presentazione di Luciana Castellina insieme a Puppini e Poma. Gli amici dell'Aamod, con cui intendiamo avviare una proficua collaborazione, hanno tratto dal loro repertorio immagini video di antifasciste spagnole. Il tutto intervallato dalla recita di alcuni brani del libro da parte di lettrici dell'associazione "Donne di carta". Ringraziamo l'Aamod, Luciana Castellina e le “Donne di carta” per questa iniziativa molto partecipata che ci ha permesso di ritrovare i nostri iscritti e di stabilire nuovi contatti.                                
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Antifasciste italiane in Spagna per la libertà
Presentazione del libro a Fosdinovo
                               
                                                           
                                                           
                            Sabato 17 maggio nella bella e suggestiva sede del museo audiovisivo della resistenza di Fosdinovo, sulle montagne tra Sarzana e Massa, si è svolta una simpatica iniziativa a cura del museo e dell'Aicvas. Italo Poma e Marco Puppini hanno presentato il libro di Cantaluppi e Puppini con le biografie delle antifasciste italiane che parteciparono alla guerra di Spagna. A seguire una cena tematica con le ricette desunte dal libro La cuoca di Buenaventura Durruti e un concerto del cantautore Alessio Lega con canti della guerra civile e della lotta antifascista.                                
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            A Dergano presentazione del libro
alla festa popolare "Una finestra sul mondo"
 

Nell’ambito della festa popolare “Una finestra sul mondo”, domenica 1 Giugno si è svolta la presentazione del libro di  Cantaluppi e Puppini, “Non avendo mai preso un fucile tra le mani”, antifasciste italiane alla guerra civile spagnola.
In una splendida mattinata di sole, nella verde cornice del parco Nicolò Savarino a Milano, un attento pubblico ha dibattuto sul ruolo delle donne italiane nella difesa della repubblica spagnola.

La presentazione, moderata dalla Presidente  della Associazione Culturale Rosvaldo Muratori, Nadia Branca, ha visto le relazioni della storica Debora Migliucci, di Vaia Francesco dell’Aicvas e dell’autore Augusto Cantaluppi.