AICVAS
Via Francesco Ferrucci 2
20145 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                      Bibliografia Biblioteca Recensioni Musica Arte                            
                                                                                                                                                       
                            leggi Marineros                                                                       ascolta Marineros                            
                                                                                                                                                       
                            Tre volumi su Giandante X
recensiti da Rinaldo Capra
   

– Roberto Farina, Giandante X, Milieu Edizioni, 2015, pp. 272, € 14,90.

– Alessandro Capozza (a cura di), Giandante X artista della libertà, Aicvas, 2015, pp. 141, € 14,00.

– Roberto Farina (a cura di), Giandante X l’eterno viandante, Associazione Memoria Storica Giovanni Pesce, 2013, pp. 79, € 22,00.

 

Giandante X (1899-1984): prima di trovarmi tra le mani i volumi di Roberto Farina e di Alessandro Capozza, non lo avevo mai sentito nominare, non lo conoscevo. Mai visto un’opera, mai sentita una storia o incocciato in qualcuno che lo citasse o lo avesse conosciuto. Pittore, scultore, architetto, poeta, ma soprattutto militante ostinato, deciso e solitario, che ha messo al centro della sua ricerca artistica l’impegno politico senza riserva alcuna. I soggetti del suo lavoro sono archetipi epici legati alla sua visione mitologica delle grandi questioni del ‘900. I titoli sono inequivocabili ed esemplari: “Eroe”, “Verso la città futura”, “Combattente”, “Il grido del ribelle”, ecc.

Ha incarnato, di volta in volta, tutte le pulsioni di cambiamento del suo tempo, misurandosi con il rischio di cadere nella retorica, che inevitabilmente i movimenti proponevano, e nelle strumentalizzazioni politiche. Ha usato gli stilemi del Decò, del Futurismo, dell’Espressionismo tedesco, del Razionalismo italiano, ma senza mai deviare dalla sua concezione di arte militante. Anarchico per alcuni, comunista per altri, certamente è stato Ardito del Popolo, miliziano delle Brigate internazionali in Spagna e partigiano in Italia. Sempre con tutti, dove serviva, ma sempre da solo.

Eppure quest’uomo è sconosciuto ai più. Pur citato e ammirato da Sironi, Sassu, Lajolo, de Grada, Giolli, Carrà, Formaggio, Treccani, è rimasto nell’ombra. Si è autoescluso dal mercato regalando quadri o vendendoli sottocosto quando le quotazioni aumentavano.

Unica biografia pubblicata fu Giandante artista poeta combattente di Silvio Biscàro (1963) e solo ora, dopo più di cinquant’anni, ecco due pubblicazioni uscite in contemporanea, che si aggiungono a Giandante X l’eterno viandante, ancora a cura di Roberto Farina, del 2013.

Giandante, nato Dante Pescò, è figlio dell’agiata borghesia milanese; cresce tra l’anaffettività della madre e la severità del padre, che non vuole artisti in famiglia. Nel 1916 fugge di casa e rompe ogni relazione con la famiglia, studia architettura e filosofia e come scrive lui stesso: si butta sulla terribile strada fatta di fame, miseria e fango alla ricerca del Mito artistico. Nel 1919 si diploma Architetto Professore e assume il nome di Giandante X.

Giandante non è un refuso di viandante, come alcuni sostengono, ma Già-Andante, già in cammino nella vita di tutti, come un mistico che percorre la terra per costruire la sua piramide di coscienza, che in un suo scritto definisce costruita su “un’enorme zatterone di dolore”. Un cammino, per capire e lottare, fatto di semplici e umanissime cose. La X è l’incognita dell’eterno divenire, la croce della passione ideale e della compassione per gli oppressi, che non hanno cognome che li qualifichi e che in quella X sono tutti rappresentati. L’impressione è di trovarmi di fronte a un uomo con una biografia esemplare, una vita molto più rappresentativa della sua produzione artistica. (continua...)
                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                  Leggi la recensione completa                                                                  
                                                                                                                                                       
                          È andato coi rossi.
Volontari bergamaschi nella guerra civile spagnola
   

È andato coi rossi.
Volontari bergamaschi nella guerra civile spagnola.
Ed. Il Filo di Arianna, 2013.

In collaborazione con l’AICVAS (Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna) e con l’ISREC (Istituto Bergamasco per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea).

Il libro

Questo libro nasce da un lavoro di ricerca storiografica che ha impegnato l’autore per due anni e che è culminato con la discussione di una tesi di laurea nel 2003 presso l’Università Degli Studi di Milano dal titolo “Tra guerra civile spagnola e Resistenza: esperienze di volontari bergamaschi”.
Il lavoro di ricerca storica ha portato alla luce le biografie di 43 volontari antifascisti accorsi in Spagna per difendere il governo legittimo repubblicano dal golpe del Generale Franco sostenuto da Mussolini ed Hitler.
Ispirandosi alle biografie di questi volontari il libro presenta 43 brevi racconti in cui fatti e vicende realmente accaduti si intrecciano con il vissuto di questi volontari.
Ogni racconto ha un proprio ed originale stile narrativo e si conclude con una breve sintesi biografica del protagonista: finzione e realtà si intrecciano nei racconti trasportando il lettore in un viaggio temporale per un intero secolo.
Benché i protagonisti abbiano in comune l’essere nati e vissuti per alcuni periodi della loro vita in terra bergamasca, l’ambito locale lascia ben presto spazio ad una dimensione internazionale tracciando esperienze e storie di persone provenienti da tutto il mondo.
I racconti sono stati suddivisi in sei capitoli con una nota introduttiva e ripercorrono i natali dei protagonisti, la grande guerra, l’avvento del fascismo e l’emigrazione, la guerra di Spagna, la Resistenza ed il dopoguerra.
La densità dei racconti ed un linguaggio semplice rendono la lettura veloce e ne fanno un libro adatto ad una vasto pubblico. Non solo: le biografie, le numerose note documentarie e fotografie, molte delle quali inedite, fanno del libro un’importante fonte per lo studio e approfondimento di un argomento che ancora oggi suscita l’interesse di ricercatori ed appassionati di storia.
 
L’autore

Matteo Cefis nasce nel 1976 a Sedrina in Provincia di Bergamo.
Dopo aver vissuto a Barcellona per alcuni anni, si laurea in Storia nel 2003 presso l’Università degli studi di Milano.
Ha collaborato con alcune riviste storiche e quotidiani locali dove ha pubblicato articoli di carattere storico-culturale.
Dal 2006 vive a Padova dove lavora come bibliotecario presso l’Università degli Studi di Padova.
È membro del direttivo AICVAS, e collabora nel lavoro di ricerca storica e conservazione della memoria dell’associazione.

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                          Storie
della Resistenza
                               
                                                           
                                                           
                           

Una antologia inedita di racconti e testimonianze della Resistenza.
Storie e resoconti scritti a caldo, a pochi anni o mesi di distanza dagli eventi, raccolti e riscoperti grazie a un innovativo lavoro di ricerca e di archivio.

A cura di
Domenico Gallo, Italo Poma

Sellerio editore

Questa antologia raccoglie ricordi, testimonianze, racconti, appunti, ritratti, cronachette di vita, di morte e di azioni militari, tutti di protagonisti.
Storie che si desiderano salvare della Resistenza italiana, un profilo che il tempo e forse anche l’ansia di tesi preconcette rischiano di appannare: ossia il sentire genuino di chi viveva la sua giornata battendosi.

Nella realtà esistenziale che il libro vuole restituire al lettore, la lotta partigiana prima di tutto sperimentava e organizzava un modo di essere che «era – nelle parole dei curatori, Domenico Gallo e Italo Poma –semplicemente il contrario dell’insieme di regole in cui erano cresciute almeno due generazioni senza conoscere modelli alternativi».
Una vista ad altezza d’uomo del partigiano che si articola a coglierne le diverse facce: l’organizzazione e la disciplina, la mentalità discendente dalle diverse ideologie, l’etica, i sentimenti amorosi, il rapporto con le armi e la
violenza, la giustizia e il desiderio di vendetta, la comunione con il paesaggio, il tradimento, la fratellanza, la rappresaglia, la vanità, la moda.
E, a dare commovente unitarietà a tutto, l’estrema gioventù con le inquietudini ed esuberanze che ne erano il colore. E c’è, tra i vari scritti di quei giorni, un documento che forse rappresenta suggestivamente il senso di tutto il libro.
È il cosiddetto Dizionario del partigiano, un elenco alfabetico di definizioni delle cose importanti e familiari agli occhi del ribelle della montagna, scritto da un anonimo caduto. Ironico, libero, lirico, asciutto, disincantato, determinato.

 

                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            13 dicembre 1943:
il giorno nero della Resistenza vicentina
                               
                                                           
                                                           
                            Giuseppe Crestani, nato a Duisburg nel 1907 da genitori italiani e residente fin da giovane in provincia di Vicenza, nel 1936 era emigrato in Francia e da qui aveva raggiunto la Spagna per combattere il fascismo durante la guerra civile. Inquadrato nella Brigata Garibaldi, aveva ottenuto il grado di tenente dopo aver frequentato la scuola ufficiali di Pozo Rubio. Ferito sul fronte dell'Ebro, in seguito internato nei campi francesi e confinato a Ventotene; nell'autunno del 1943 era stato tra i primi organizzatori della Resistenza sulle montagne vicentine. Ma era stato ucciso il 30 dicembre 1943, assieme ad altri tre compagni, alla Malga Silvagno, in comune di Fontanelle di Conco, sull'Altopiano di Asiago.  Una storia purtroppo comune ad altri reduci della guerra civile in quegli anni, sfuggiti alla morte in Spagna per trovarla poi in Italia combattendo nelle formazioni partigiane. Ma in questo caso vi è un elemento in più che rende questa vicenda tragica ed assurda: Crestani assieme a tre compagni è stato ucciso per motivi ideologici dai componenti di una banda partigiana cattolica assieme ai quali egli cercava di organizzare una lotta comune contro nazismo e fascismo. Le “colpe” dei quattro erano di aver imposto un'accelerazione sul piano militare, con azioni che rendevano difficili gli ambigui contatti tra forze partigiane moderate ed ambienti fascisti che miravano ad una transizione indolore, ed una disciplina che tenesse conto delle basilari necessità della guerriglia. In più, erano comunisti. Particolare inquietante, ad alcuni di essi era stato chiesto se fossero o meno cattolici; al loro diniego era partito il colpo mortale. Il gruppo partigiano dopo il fatto si era ricostituito, ma era stato sorpreso meno di tre settimane dopo dai tedeschi ed alcuni dei responsabili di quelle morti erano stati fucilati. In loro memoria annualmente le associazioni partigiane tengono una cerimonia, ma nessuno ricorda i “rossi” ammazzati dal loro gruppo in precedenza. Giova pertanto qui ricordare i nomi di questi dimenticati: assieme a Crestani erano stati uccisi il friulano Ferruccio Roiatti, già condannato nel 1934 a otto anni di carcere dal Tribunale Speciale per attività comunista. Inoltre Tomaso Pontarollo, lavoratore veneto emigrante che aveva trascorso diversi anni in Algeria prima di venire arrestato in Istria nel 1936 per lo stesso motivo di Roiatti e di passare quasi sette anni tra confino e campo di internamento, ed infine un certo “Zorzi” o “Maschio”, la cui identità è destinata a rimanere ignota (continua...).
                                                                                           Marco Puppini
                                 leggi e stampa il testo completo
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            L'unità antifascista
e il ruolo dell'esperienza spagnola
   

La ricerca dell'unità antifascista nel pensiero di Silvio Trentin ed il ruolo che l'esperienza spagnola ha giocato in questa ricerca sono i temi di cui questo libro si occupa. L'autore, Carlo Verri, è dottore di ricerca presso l'Università "L'Orientale" di Napoli e si è occupato in particolare di storia dell'antifascismo non comunista. Ha collaborato con varie riviste, tra cui Italia Contemporanea, Venetica, gli Annali della Fondazione Ugo La Malfa, il Calendario del Popolo

Silvio Trentin, veneto, era stato insegnante di diritto in Italia prima di essere costretto, per sfuggire le violenze fasciste, a riparare in Francia. Qui aveva gestito per anni una libreria a Tolosa, divenuta punto di riferimento per tutti gli esuli italiani ma anche per molti politici della sinistra francese.
Esponente di quella corrente antifascista che proveniva dagli ambienti degli ex – combattenti, che evidentemente il fascismo non era riuscito a egemonizzare, aveva poi aderito a Giustizia e Libertà mantenendo però una sua larga autonomia ed indipendenza di elaborazione politica. In particolare, durante gli anni dell'esilio si era orientato in modo convinto sul tema dell'unità antifascista, unità che doveva comprendere un ampio arco di forze che andava dai libertari ai comunisti. Di conseguenza, aveva stretto una lunga serie di rapporti e di contatti in tutte le direzioni. Verri evidenzia in particolare gli scambi epistolari con Grieco, oltreché con Rosselli, Nenni ed altri rappresentanti di primo piano dell'antifascismo italiano.
Si serve in buona parte delle lettere reperito presso l'Archivio di Giustizia e Libertà, che ha già avuto modo di esaminare e presentare in diversi articoli. Gli scritti da Trentin sul periodico del movimento fondato da Rosselli sono un'altra fonte importante di cui l'autore si è avvalso, oltre all'ampia bibliografia esistente sul lungo e travagliato percorso dell'antifascismo italiano in patria e nei luoghi d'emigrazione. 

Il racconto di Verri inizia dal Congresso di Bruxelles contro la guerra d'Etiopia e dalle aspettative che l'impresa coloniale italiana aveva aperto in una possibile crisi del regime. La delusione che ne era seguita, e il successivo varo della politica comunista di “riconciliazione nazionale” con l'appello ai “fratelli in camicia nera”, aveva aperto accanite discussioni. Trentin aveva criticato la politica di riconciliazione e più in generale l'orientamento moderato del PCd'I seguito al VII° Congresso perché a suo avviso favoriva nelle masse l'illusione che la "democrazia borghese" potesse risolvere i loro bisogni (p.40). Tempo dopo, sosterrà che: “i tradizionali rappresentanti degli operai si sono fatti influenzare dalla politica (…) tipica delle democrazie borghesi” e non era un fatto positivo (p. 151).  In effetti, stando a Trentin, vi era la possibilità di uscire dalla dittatura solo con una rivoluzione guidata dal proletariato per realizzare un programma di socialismo democratico.  Verri in proposito cita l'interessante commento di Maurizio Maddalena che vede nel possibilismo di Grieco e nella intransigenza di Trentin gli effetti di una sfasatura tra “una ricerca collettiva basata su un movimento di milioni di lavoratori e una individuale, o di ristretti gruppi di persone, di carattere squisitamente intellettuale” (p. 40), tesi che sarebbe stato interessante approfondire ed anche eventualmente mettere in discussione. Nella  visione di Trentin le esigenze dalla lotta in Italia – scrive l'autore -  finivano col prevalere, ma non perché Trentin o la stessa GL avessero trascurato il piano internazionale, come invece sostenuto da altri (p. 103). La situazione europea, nelle riflessioni del libraio veneto come degli esponenti del movimento di Rosselli, sarebbe stato un fattore decisivo per l'evoluzione di quella italiana. Giustizia e Libertà però non faceva parte di un'organizzazione internazionale, come invece il PCI o il PSI, e dunque - stando a Verri - era meno condizionata da direttive esterne (p.103). (continua...)
                                                                                          
Marco Puppini
                                                                                           
                               leggi e stampa il testo completo
                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Volontari antifascisti toscani
nella guerra civile spagnola
                               
                                                           
                                                           
                           

Il 10 ottobre 2012 a Grosseto, nella bella sala della Provincia, è stato presentato il volume Volontari antifascisti toscani nella guerra civile spagnola. Il volume, frutto di una lunga ricerca condotta dall’Istituto storico della resistenza di Grosseto, è stato curato da Ilaria Cansella e Francesco Cecchetti, ricercatori dell’Isgrec.

Il libro si compone di saggi che esplorano il lungo periodo dell’impegno dei volontari toscani sia nella militanza antifascista in patria sia nell’immigrazione, la loro partecipazione alla guerra civile spagnola, la loro detenzione nei campi di concentramento nel sud della Francia e infine la presenza nelle vicende della Resistenza italiana.

Oltre agli autori, sono intervenuti, tra gli altri, Enrico Acciai dell’Università di Santander, Gianni Perona dell’Università di Torino, Italo Poma e Marco Puppini rispettivamente Presidente e Vice Presidente della nostra associazione (Aicvas).

Nell’occasione è stato presentato in anteprima un video documentario che verrà allegato come dvd alla pubblicazione unitamente alla registrazione di un concerto dei “Vincanto” dal titolo Pueblo che canta non morirà.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            Due volumi pubblicati dall'Aicvas per onorare la memoria dei caduti italiani nelle battaglie di Guadalajara e dell'Ebro                            
                            Guadalajara 1937
Gli antifascisti caduti nella battaglia di Guadalajara
    Ebro 1938 No Pasarán
I Garibaldini caduti nella battaglia dell'Ebro
                           
                                                           
                                                           
                            Indimenticabile Guadalajara!
In concomitanza con la "Prima marcia della battaglia di Guadalajara", l'Aicvas ha pubblicato il libro che documenta le fasi della vittoriosa battaglia di Guadalajara e rende omaggio agli antifascisti italiani caduti per difendere la Repubblica di Spagna e la libertà in Europa.

Ebro 1938 No Pasarán è il volume edito dall'Aicvas e uscito, nella ricorrenza del 75° anniversario della guerra civile, per onorare quei giovani italiani che diedero la vita per la libertà e la democrazia in Spagna.
I caduti in Spagna sono i primi partigiani che combatterono contro il fascismo e il nazismo. La loro lotta preparò quei quadri che poi diressero in Italia, come in tutta Europa, la Resistenza e la Liberazione dei loro paesi.
                           
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                       
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                           

Dalla Despedida alla Resistenza
L'ultimo libro di Pietro Ramella

                               
                                                           
                                                           
                           

È uscito proprio questo 25 Aprile 2012 l’ultimo libro di Pietro Ramella, quarta e ultima sua fatica sulla Guerra di Spagna, come dice l’Autore nella sua prefazione “perché ho da poco superato gli ottanta anni e l’età rende tutto più difficile”.
 

Il libro racconta il viaggio dei volontari antifascisti italiani dai centri di raccolta della Catalogna dopo il loro ritiro dalla guerra di Spagna, e la loro partecipazione alla resistenza europea. Viaggio, durato quasi cinque anni, con prolungate soste in campi d’internamento francesi e italiani prima di riprendere le armi contro il nemico di sempre: il nazifascismo.
 

Uomini che affrontarono con ferma determinazione la fame, il freddo e le angherie, che parteciparono alla lotta per la Libertà e la democrazia in Europa, come era stato in Spagna, pagando con il sangue di molti di loro, questa partecipazione.
                                 
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                                                   
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            Pubblicato il libro di Vittorio Tomasin
Antifascisti Polesani nella guerra di Spagna
   

Quando Vittorio Tomasin mi ha inviato il suo lavoro di ricerca sugli Antifascisti Polesani nella guerra di Spagna, chiedendo di esprimere una mia opinione, pensavo che mi sarei trovato a confrontarmi semplicemente con uno degli innumerevoli studi, preziosi e necessari, di ricostruzione storica delle figure dei nostri combattenti per la libertà della Spagna.

Ho dovuto invece fare i conti con una lettura nella quale, oltre alla imponente documentazione a supporto della  descrizione minuziosa di ognuno dei diciassette combattenti, ogni scheda diventava un piccolo romanzo della vita di questi splendidi personaggi.

Il racconto, perché di questo si tratta, che si snoda attraverso le figure dei protagonisti, è sempre intenso, le necessarie precisazioni documentaristiche non ne interrompono mai la trama, fino a condurci per mano alla conclusione di ogni esperienza.

Colpisce soprattutto la “ polesanità”, l’essere riuscito, Tomasin, a far vivere quei personaggi nella loro terra, il legame di quegli operai, braccianti, minatori, anche quando costretti lontani dall’immigrazione, con le loro famiglie.

Il racconto che emerge da queste pagine, non è solo legato agli avvenimenti della guerra di Spagna, ma attraverso queste “comparse” come le definisce Saverio Galante nella sua bella prefazione, noi veniamo condotti nel mondo della lotta antifascista, prima in Italia e poi nella Resistenza, e in alcuni casi poi nelle vicende della costruzione della democrazia nel nostro paese, ove alcuni continuarono ad essere sorvegliati perché “pericolosi per l’ordinamento democratico”.

Interessante è quindi constatare la continuità politica di queste storie, la lotta nella clandestinità prima, e poi l’esperienza della migrazione politica a seguito delle persecuzioni in Italia, l’esperienza nei gruppi di lingua italiana, la Spagna, i campi di prigionia, la Resistenza in Italia.

Ma il libro di Tomasin ci conferma, se ancora a 75 anni da quegli avvenimenti ce ne fosse bisogno, che la guerra di Spagna non fu semplicemente una guerra civile, quelle biografie ci dicono che quella guerra fu la prima fase della resistenza dei popoli al fascismo.

Come disse Luigi Longo nel 1938, in occasione della partenza delle Brigate “abbiamo imparato in Spagna la lezione dell’unità delle forze popolari e antifasciste”, che furono poi i principi che ispirarono la lotta di Liberazione in Italia.

Purtroppo il popolo spagnolo, pur con il suo milione di morti, non beneficiò della vittoria sul nazifascismo in Europa, ad esso fu negata, ancora per altri 30 anni, la libertà dalla dittatura franchista, ed ancora oggi vi è in corso una campagna di revisionismo storico tendente ad equiparare i difensori della libertà con i suoi aggressori.

L’amnesia generalizzata, che fu imposta poi alla morte di Franco per portare a compimento la Transizione, non aiuta a comprendere cosa sia successo veramente in quel paese prima, durante e dopo la guerra.

Il lavoro di Tomasin quindi è tanto più valido in quanto ci aiuta, attraverso i suoi personaggi, a percorrerne insieme un tratto importante e decisivo.

Francesco Vaia, Presidente Aicvas

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Le storie dei 166 italiani
morti contro la Falange
    Recensione di Bianca Bracci Torsi su "Liberazione" del nostro volume
"Ebro 1938 No Pasarán. I Garibaldini caduti nella battaglia dell'Ebro".
leggi l'articolo riportato sul sito "Marx XXI"
o scarica e stampa il pdf
                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Il pane bianco.
Libro autobiografico di Onorina Brambilla
                               
                                                           
                                                           
                           

In questi giorni è uscito dalle edizioni Arterigere la storia della partigiana Onorina Brambilla Sandra, presidente onoraria della nostra associazione. Un giovane studioso, Roberto Farina, è riuscita a convincerla a scrivere le sue memorie, dopo essere rimasta vedova del “suo” comandante Giovanni Pesce, per anni presidente dell’AICVAS.

Nori Pesce racconta con semplicità e quasi distacco, ma con un linguaggio crudo ed essenziale, avvenimenti della sua vita di partigiana come l’arresto a Milano, la vita nel campo di Bolzano, le torture, la richiesta alla madre di quel pane bianco, che era la cosa che più desiderava.

Nori venne liberata il 30 Aprile del 1945 e continuò e continua la sua battaglia per la difesa dei diritti dei più deboli, fino ai giorni nostri, con impegno, trasmettendo alle nuove generazioni i valori per i quali si era battuta. Questo libro l’ho scritto, ci ha detto, per i giovani, sono loro la speranza per il futuro del nostro paese.

Grazie Nori per questo regalo.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            A sessant'anni dalla battaglia dell'Ebro
leggi e stampa il testo completo
    La partecipazione ebraica
leggi e stampa il testo completo
                           
                                                           
                                                           
                            Guerra civile di Spagna - A sessant'anni dalla battaglia dell'Ebro
Dalla rivista "Il presente e la storia" dell'istituto della storia della Resistenza di Cuneo. n. 53, giugno 1998
Luigi Tozzi  -  Passato e Presente  -  07/10/2002

Il 1938 è certamente l’anno in cui agli avvenimenti della guerra di Spagna (1936-1939) danno maggiori preoccupazioni a Mussolini. Ce ne fornisce notizia soprattutto Galeazzo Ciano nel suo diario (G. Ciano; Diario 1937-1943 a cura di Renzo De Felice – Rizzoli 1980) una fonte memorialistica di primaria importanza, secondo il curatore.
Ciano, come è noto, scrisse il diario durante il periodo in cui fu ministro degli esteri e precisamente dal 10 giugno 1936 all’8 febbraio 1943. Ma le agende, a causa degli eventi bellici, ebbero vicissitudini varie. Quelle, per esempio, riguardanti il periodo 1 gennaio 1939 – 8 febbraio 1943 “ritenute le più importanti per documentare l’atteggiamento politico del marito, furono messe in salvo – scrive De Felice – nel gennaio 1944 da Edda Ciano in Svizzera”. Le agende invece che riportavano gli scritti dal 10 giugno 1936 al 22 agosto 1937 sono andate perdute perché “non essendo stato possibile metterle in salvo in Svizzera, caddero in mano aitedeschi e andarono successivamente distrutte. Salvate si sono invece le fotocopie relative al periodo 23 agosto 1937-31 dicembre 1938 fatte “clandestinamente”. (1)
Le ansie mussoliniane attengono essenzialmente a due ordini di motivi: uno è il modo del generale Franco di condurre le operazioni di guerra senza rapidità e senza sicurezza; l’altro è la poca fiducia nelle virtù militari dei volontari legionari. I motivi di malumore sono però già presenti nel 1937. Il 5 ottobre di quell’anno Alberto Pariani, sottosegretario alla guerra e capo di stato maggiore dell’esercito, nel riferire a Ciano sulla situazione in Spagna, dice che sarebbe d’avviso di mandare le truppe alpine per sfondare su Valencia. Ma Ciano teme le reazioni franco-britanniche, sebbene la situazione spagnola sia grave e meriti soluzione rapida.
Il 22 settembre infatti, sul fronte aragonese, i repubblicani avevano ripreso l’offensiva – dopo gli attacchi dell’agosto fra Saragozza e Belchite – e attaccarono sul fiume Gallego ai piedi dei Pirenei dove i combattimenti si svolsero con estrema durezza. L’offensiva inoltre delle forze nazionaliste contro Gijon nelle Asturie, iniziata il 1 settembre, aveva incontrato sui monti di Leòn la vigorosa resistenza dei repubblicani. (continua...)
 
                             leggi e stampa il testo completo
   

La partecipazione ebraica alla Guerra civile spagnola
Italiani nella guerra di Spagna
Luciano Tas  -  Italiani nella guerra di Spagna  -  04/12/2002

Uno dei primi provvedimenti presi da Hitler contro gli ebrei dopo la sua ascesa al potere nel 1933 è l’espulsione dalla Germania degli ebrei polacchi presenti nel paese. Si tratta di una minoranza di considerevole entità, spesso saldamente inserita e con una lingua, lo yiddish, tanto affine al tedesco. In Germania si trovano da ormai molto tempo, almeno dopo lo sbandamento seguito alla prima guerra mondiale; alcuni da molto prima.
Una parte di questi ebrei polacchi ritorna in Polonia, certamente non accolta con entusiasmo dal governo e dal popolo.
Un’altra parte trova provvisorio rifugio in Francia o in altri paesi europei. Un parte infine coglie l’occasione che le viene offerta da un decreto del governo repubblicano spagnolo che nel 1926 aveva annullato la proibizione per gli ebrei di mettere piede in Spagna. Una proibizione che risaliva al 1492. Non sono tuttavia in gran numero gli ebrei polacchi che riparano in Spagna tra il 1933 ed il 1936: alcune centinaia di operai, artigiani, tutti politicizzati e tutti militanti della sinistra. La maggior parte di loro si trova a Barcellona dove danno vita ad una “Unione culturale” a cui partecipano intellettuali di valore, come Jacques Penczyna e Ishai Kinderman. C’è un altro gruppo ebraico in Spagna nell’estate del 1936.
Si tratta di giovani, in maggioranza belgi e francesi, venuti qui per partecipare alle “Olimpiadi dello sport e della cultura”. Quando il 18 luglio di quel 1936 il generale Francisco Franco dà il via alla rivolta partendo dai possedimenti nordafricani della Spagna, in varie città spagnole elementi militari filofranchisti si sollevano contro il governo legittimo repubblicano. E’ il primo giorno della guerra civile.
Gli ebrei presenti in Spagna, gli operai polacchi ed i ragazzi belgi e francesi, scendono immediatamente in campo, fin dal primo giorno, a fianco del governo e contro la sedizione fascista. E’ il seme delle Brigate Internazionali. Gli ebrei polacchi costituiscono subito un gruppo di combattimento che assume il nome di “Gruppo ebraico Thaelmann”, per ricordare Ernst Thaelmann, il segretario del partito comunista tedesco, tra le prime vittime del nazismo. Questo gruppo confluirà poi nella “Centuria Thaelmann” fondata poi da un altro ebreo, tedesco questa volta, Marx Friedemann.
(continua...)
 
                               leggi e stampa il testo completo

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            Politica per amore     Libri sulla guerra civile spagnola                            
                                                           
                                                           
                           

È uscito il libro di Giuseppe Scotti dal titolo "Politica per amore" con la splendida storia di Francesco Scotti, suo papà, uno dei primi combattenti della libertà in Spagna, che accorsero in difesa della repubblica, contro la dittatura di F. Franco.
E' con piacere che invitiamo ... all'acquisto. Francesco Scotti 1910-1973 - Politica per amore - Scotti Giuseppe, Luigi Cosmacini
K. C.  -  aicvas  -  02/03/2010

Francesco Scotti 1910-1973
Politica per amore
Scotti Giuseppe, Luigi Cosmacini

€ 27,00

      Una serie di appunti di Orwell sulla guerra di Spagna. Un testo propedeutico alla lettura di Omaggio alla Catalogna: il libro maestro dello scrittore inglese sulla sua partecipazione alla guerra civile spagnola, nelle file del POUM (Partido Obrero de Unificacion Marxista), di orientamento trotskista. Nel testo in oggetto, Orwell mette assieme ricordi, impressioni, articoli che stigmatizzano la guerra cui partecipa. Sono spunti politici che introducono temi e prendono di mira una sovraesposizione ideologica della politica alla guerra. Sia da destra che da sinistra la guerra in effetti è stata cannibalizzata dalle necessità politiche delle varie fazioni in lotta. Forse una migliore precisione nella curatela del libro sarebbe stata utile, ma ad ogni modo lo stile di Orwell offre sempre spunti per meglio studiare la prova gergale della seconda guerra mondiale, così come fu definita la guerra di Spagna (!936-1939).                              
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                            Francesco Scotti nasce nel 1910 in una modesta casa di Casalpusterlengo, quinto figlio di madre casalinga e di padre artigiano. Studente di medicina a Milano, si accende di passione per la “causa” degli operai e braccianti della sua terra. Per opporsi al fascismo, organizza il locale Partito comunista italiano.
Arrestato, è condannato dal tribunale speciale a cinque anni di reclusione nel penitenziario di Civitavecchia. Tornato in libertà, riprende gli studi e l’attività cospirativa, indi espatria a Parigi. È tra i primi ad accorrere in Spagna quando la repubblica democratica spagnola subisce il golpe militare di Francisco Franco. Combatte alla testa dei miliziani sui fronti di Aragona, di Madrid e dell’Ebro, fino alla retirada aldilà dei Pirenei. Dopo una esperienza da “ortolano” clandestino nel sud-ovest della Francia, combatte il nazifa-scismo nelle file del maquis e l’8 settembre 1943 rientra in Italia dove prende parte alla Resistenza come comandante “garibaldino” prima in Lombardia poi in Piemonte. Dopo la Liberazione, è parlamentare comunista all’Assemblea Costituente e poi per quattro legislature alla Camera e al Senato. Intensa è la sua attività di custode della memoria partigiana, di assertore e promotore di riforme sociali, di infaticabile vessillifero della pace nel mondo, aperto al dialogo con tutti i democratici. Si spegne nel 1973 all’Istituto dei tumori di Milano.
    Gorge Orwell, Ricordi della guerra di Spagna, Datanews, Roma, 2005, p. 93, € 10,33.
La guerra civile di Spagna, la lotta internazionale contro il fascismo spagnolo. Questo lo scenario nel quale possiamo trovare centinaia di eroi combattenti. Uno di questi, Vincevo Tonelli, ha incontrato recentemente alcuni studenti di un liceo di Varese in visita ai luoghi della guerra Spagna degli anni ’30, ed ha con loro ricordato quell’esperienza. Un combattente che ha agito in tre Paesi, Spagna, Francia ed Italia e che ha dovuto abbandonare la sua cittadinanza italiana, cui tiene ancora moltissimo, per potere aver certezza di residenza in Francia. Una situazione che dovrebbe sparire con l’esistenza, ora, dell’Unione europea. Un testo incalzante, una presenza viva nelle pagine del libro. Rivivono senari conosciuti ma non per questo scontati. Tonelli, nome di battaglia Remo, è nato nel 1916 a Castelnuovo del Friuli.
Vincenzo Tonelli, Un comunista, combattente dell’antifascismo europeo, a cura di Fabio Minazzi, La città del sole, Napoli, 2005, p. 128, € 8.

Un altro testo che percorre una vita intensa da combattente è questo di Giannantoni e Paolucci che riguarda Giovanni Pesce. Notissimo comandante ed uomo politico di grande notorietà, medaglia d’oro al valor militare. Visone, questo è il suo nome da partigiano che riprende il nome del paese, in provincia di Alessandria, dove Pesce è nato, nel febbraio 1918, si spende nel raccontare l’intera sua vita. Spagna, Resistenza italiana, lotta politica nel dopoguerra, nelle file del PCI e poi di Rifondazione comunista. Un testo significativo per allargare il proprio orizzonte conoscitivo sulle azioni che rasentano la leggenda, di un combattente per la libertà. Giovanissimo in Spagna e poi in Italia, nelle file della Resistenza, quale comandante dei Gap di Torino e poi di Milano. Il testo è correlato di un utile apparato iconografico. Fotografie che ripercorrono la vita di Pesce ritratto con uomini politici di sinistra che hanno fatto la storia dell’Italia nel dopoguerra. Nelle foto appare anche Giangiacomo Feltrinelli la cui Casa editrice cha ha pubblicato alcuni libri del nostro.
Franco Giannantoni-Ibio Paolucci, Giovanni Pesce “Visone” un comunista che ha fatto l’Italia, Edizioni Arterigere-Essezeta, Varese (tel. 0332239678), 2005, p. 365, € 14.

Un testo che incontra i primi due indicati. Un libro a quattro mani tra Giovanni Pesce e Fabio Minazzi. Già il titolo è parte del patrimonio valoriale dell’ANPI, Attualità dell’antifascismo. Una lezione scolastica di Pesce a studenti di un liceo italiano ed una analisi approfondita delle tematica di fondo, da parte di Minazzi. Nel libro risulta centrale la figura di Dante Di Nanni, ricordato da Pesce, che è stato amico, compagno d’armi e testimone della sua precoce morte. Di Nanni, di origini pugliesi, fu ucciso a Torino il 18 maggio 1944, in uno scontro a fuoco con i fascisti dopo ore di eroica resistenza condotta da solo verso un numero impressionante di assalitori. Insignito, alla memoria, della medaglia d’oro al valore militare.
Temi centrali del libro: la violenza, l’uccisione del nemico, il fascismo, la necessità di mantenere una dirittura morale positiva in qualsiasi situazione. Un testo di discussione. Giovanni Pesce-Fabio Minazzi, Attualità dell’antifascismo, La città del sole, Napoli, 2004, p. 199, € 10.
                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                            Nostra Spagna                                
                                                           
                                                           
                           

"NOSTRA SPAGNA", di Gianni Alasia, scritto nel 2002
Anni 36/39. Contro il sollevamento fascista. Anni 70. Declino del franchismo, espansione delle multinazionali: nuove lotte.
Recensione di Ketty Carraffa - Pietro Margheri   11/02/2003

Anni 1936 – 1939. Contro il sollevamento fascista.
Anni 1970. Declino del franchismo espansione delle multinazionali: nuove lotte
.

Prefazione di Rocco Papandreu, Bianca Guidetti Serra, Alberto Tridente, con una testimonianza sulla Guerra civile spagnola, di Giovanni Pesce.

GIANNI ALASIA, ex partigiano, di Torino, dirigente del movimento operaio, ex deputato del PCI, ha scritto il libro “NOSTRA SPAGNA”, nel 2002.

Alasia è stato protagonista della storica lotta di

                                 
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                                                                           
                           

trentamesi contro la mobilitazione dell’azienda (Fiat) e dell’attività continua e costante, di supporto, ai sindacati e ai lavoratori spagnoli, sotto il regime di Franco.
Per le sue lotte, venne licenziato per rappresaglia antisindacale.
Il libro è una testimonianza, uno sforzo per ricollegarsi con pezzi di storia del movimento operaio, della sua storia concreta, affinché episodi e fatti importanti non vengano dimenticati ma si fissino nella nostra memoria e ci siano di aiuto per la nostra azione quotidiana. Ma è attuale perché si connette con una nuova fase di lotta, di movimenti che si percepiscono come globali mondiali.
Nel libro si percepisce la forza del movimento di critica, internazionalista, che si è scontrato con le contraddizioni del tempo. I movimenti di liberazione si sono rivelati importanti, genuini e spontanei, anche per la creazione aver caratterizzato le grandi svolte.

Un filo rosso
di Pietro Margheri

Gianni Alasia ha scritto Nostra Spagna (Emmelibri, Novara, dicembre 2002) e rimane tra i primi a ricostruire, con razionalità e passione autentiche, il filo rosso che lega la guerra civile spagnola agli anni ’70; allora, fu osservatore diretto della fine del franchismo e della transizione spagnola. Un filo rosso che collega la solidarietà straordinaria, concreta e forte del movimento operaio italiano, spagnolo e catalano; non in termini declamatori, ma con la ricerca di piattaforme rivendicative comuni, con il coordinamento delle lotte e degli scioperi, in un’epoca durissima per il movimento operaio spagnolo. Una solidarietà che si esprimeva, per esempio, nei Comitati per la Spagna libera, che hanno una storia alle spalle tutta da scrivere. Un solidarietà che Alasia conosceva nel nella Camera del lavoro di Torino, nel Psi e nel Psiup - di cui è stato fondatore - e nel Pci poi. Un filo rosso che collega la straordinaria esperienza internazionalista di tutti i democratici alla guerra di civile spagnola con la Resitenza europea. Una storia che ci mostra il grande lavoro della ricostruzione democratica, le lotte del movimento operaio di Torino e di Barcellona dagli anni ’50 agli anni ’70, quando Alasia fu un protagonista a Torino, come segretario della Camera del Lavoro, e nel Piemonte, tra l’altro divenendo Assessore regionale al lavoro e all’industria. Gli operai di cui ci parla Gianni Alasia, conoscevano bene la dimensione internazionale del capitalismo e le varie ramificazioni politiche, economiche e sociali (Fiat – Seat, ma anche Michelin – Pirelli ...). Un filo rosso che collega le lotte contro il franchismo alle lotte sociali italiane. L’antifranchismo si intrecciò alle grandi lotte operaie e ha cementato in Italia, non solo nell’Aicvas ma anche nel movimento sindacale, un fronte antifascista democratico, che portava con sé grandi esperienze umane e grandi ideali. Non a caso, intellettuali come Pablo Picasso e Bertrand Russell facevano parte del comitato d’onore delle manifestazioni organizzate dall’Aicvas, spesso con la Cgil, in particolare con la Flm. Un filo rosso che testimonia di un grande fronte unitario e del valore universale della democrazia, per cui combatterono duramente i lavoratori di tutti i Paesi europei e tutti i volontari antifascisti che furono in Spagna e nella Resistenza europea. Da queste storie e da questi documenti, che Alasia ha raccolto, si possono trarre moltissimi insegnamenti molto utili per tutti i giovani, per i movimenti no-global di oggi, per le forze politiche e sindacali di sinistra.

Gli internazionalisti sono uomini che hanno un’anima senza frontiere
Miguel Hernandez

Il nazionalista ha un odio enorme e un minuscolo amore
di André Gide
La dimensione internazionale delle lotte operaie e dell’impegno antifascista contro il franchismo in un libro di Gianni Alasia
Nel volume di Gianni Alasia, Nostra Spagna, con la prefazione di Rocco Papandrea, si trovano storie di solidarietà internazionale, legate alla lotta antifranchista e alle lotte operaie dal 1936 al 1981, in Italia, soprattutto a Torino e in Piemonte, in Catalogna e in Spagna. Le testimonianze, le persone ricordate e gli interventi trascritti mostrano chiaramente la dimensione globale dell’impegno del movimento operaio e antifascista. Innanzitutto Alasia riconosce nella guerra civile l’origine della Resistenza europea e l’origine di quell’impegno antifascista che era internazionalista senza annullare le prime esperienze delle democrazie nazionali europee. Proprio la guerra fu l’esempio dei primi confronti della democrazia itlaiana in lotta contro il nazifascismo. Alasia cita il discorso di addio di Dolore Ibarruri del 15 novembre del 1938: voi siete la storia, siete la leggenda, siete l’esempio eroico della solidarietà e dell’universalità della democrazia. Poi la lotta contro il franchismo che porta in Italia esuli e intellettuali spagnoli. E la solidarietà della classe operaia italiana con la classe operaia spagnola e catalana. Alasia è Segretario della Camera del lavoro di Torino quando nel 1971 vede il declino del franchismo e dal 1975 vede la transizione alla democrazia della Spagna; due momenti essenziali per capire la Spagna e la Catalogna di oggi. Lavoratori socialisti e comunisti, la Flm, la Cgil, la Cisl e la Uil, furono uniti negli anni ’60 e ’70 per sostenere prima il movimento democratico spagnolo in esilio e le Comisiones Obreras, la Ugt (Union General Trabajadores), la Uso (Union sindacal obrera); fu storico il convegno unitario del 1974 a Candia. Vennero studiate piattaforme comuni e vennero concordati gli stessi scioperi. I problemi delle lotte negli stabilimenti delle multinazionali (Michelin) erano gli stessi nei diversi paesi; i rapporti tra Fiat e Seat crearono un ponte naturale tra Torino e Barcellona. Si crearono legami istituzionali democratici e federalisti tra la Regione Piemonte e la Generalitad de Catalunya, legami e anticipatori della dimensione europea della politica dei democratici e dei comunisti. Segnaliamo inoltre le belle testimonianze di Giovanni Pesce, sempre particolare nel trasmettere le forti emozioni che nascevano nell’esercito popolare più amato del Novecento: le Brigate internazionali. Ecco il Battaglione Garibaldi, I luoghi della guerra civile: la grande difesa di Madrid – Mirabueno, Majadahonda, la valle del Jarama e la battaglia del ponte di Arganda, Boadilla del Monte, Guadalajara (che merita di essere ricordata con iniziative e feste popolari ancor oggi), Morata de Taiuña; ancora a Casa de Campo (Madrid), Cifuente; in Aragona, a Caspe e poi a Huesca o a Brunete;.dopo il ferimento a Torrelodones, a Farlete o nella grande battaglia dell’Ebro. Ecco le figure di Teresa Noce (Estella), Giuliano Pajetta, Luigi Longo, Vittorio Vidali. La Resistenza nei Gruppi d’azione patriottica (Gap), a Torino con Dante Di Nanni e a Milano. Grazie alla testimonianza di Pesce si possono fare ancora molte scoperte e molti studi per ricostruire la memoria democratica che dalla guerra civile porta alla resistenza, poi alla Costituzione e alla storia del Pci.. Bianca Guidetti Serra delegata, con Paolo Pini, come osservatrice straniera in un processo a carico di dieci prigionieri accusati di aver fatto parte delle Comisiones obreras (CC. OO.). Alberto Tridente che narra degli straordinari sforzi di solidarietà nei primi anni ’70, tra gli operai di aziende italiane o multinazionali con gli operaispagnoli delle CC. OO., grazie all’azione unitaria condotta in tre Paesi (Francia, Spagna, Italia) e da sette sindacati,come la Cgt e la Cfdt, Comisiones obreras, Cgil cisl e Uil, unite nelle federazioni unitarie di categoria. Ecco la Michelin, che aveva stabilimenti in Italia (Trento) ma anche in Spagna, gli operai dell’Italsider che aiutavano i comitati clandestini di Bilbao, i cantieristi di Genova aiutavano i delegati sindacali di Cadice, ma anche i lavoratori dell’alimentazione che aiutarono i sindacati clandestini di Jeres de A Frontera , in Andalusia, i bancari (molto sindacalizzati in spagna) o gli edili.

Breve biografia e bibiliografia di Gianni Alasia
a cura di Pietro Margheri

Gianni Alasia nacque a Torino nel 1927; suo padre era un muratore e sua madre lavora come portiera; entrò nel Partito socialista nel 1944 e fu partigiano nelle Brigate Matteotti, Divisione Bruno Buozzi, partecipando alla liberazione di Torino. Ancora in fabbrica si sposa con Pierina Baima nel 1950 e con lei, oggi, vive a Torino. Dal Congresso di Torino del 1956 è membro del Comitato centrale del Psi. I momenti più straordinari, e forse più duri, li vive dal 1959 al 1974 come Segretario della Camera del lavoro di Torino. È tra i fondatori del Psiup nel 1964 con Vittorio Foa e insieme a persone come Lucio Libertini, Tullio Vecchietti, Andrea Margheri, Dario Valori, Vincenzo Gatto, Andrea Filippa in Piemonte. Nel 1972 sceglie di confluire nel Pci, dopo lo scioglimento del Psiup. Viene eletto a Torino, consigliere provinciale (56-60), consigliere comunale (60-64); diviene consigliere del Comitato Economico sociale della Comunità europea (72-74), per la Cgil; Vine eletto nella regione Piemonte e diviene Assessore al lavoro e all’industria, dal 1976 al 1980. Viene eletto alla Camera dei deputati nel 1983 nelle liste del Partito comunista italiano. Oggi lavora nel Comitato regionale del Piemonte del Prc, Partito della rifondazione comunista.
 
Bibliografia minima

Gianni Alasia, Socialisti, centro sinistra, lotte operaie: nei documenti torinesi inediti degli anni ’50 –’60, ed. Cooperativa di cultura L. Milani, Torino, 1984.

Gianni Alasia, Le ville dei pescicani, ed. Cooperativa di cultura L. Milani, Torino, 1990; introduzione di Bianca Guidetti Serra.

Gianni Alasia, Partito amato, amaro partito, Edizioni Emmelibri, Novara, 1999; con la prefazione di Fausto Bertinotti.

Gianni Alasia, Il fascino discreto della classe operaia. Anni 1960-1970 le lotte per le riforme, Edizioni Emmelibri, Novara, 2000; con la prefazione di Vittorio Rieser.

Gianni Alasia, Il caso della Venchi Unica: un patrimonio dilapidato, Edizioni Emmelibri, Novara, 2001; con la prefazione di Rocco Papandrea.

Gianni Alasia, Nostra Spagna, Edizioni Emmelibri, Novara, dicembre 2002; con la prefazione di Rocco Papandrea.

    La retirada.
L'odissea di 500.000 repubblicani spagnoli
                           
                                                           
                                                           
                               

LA RETIRADA. L’odissea di 500.000 Repubblicani spagnoli. Esuli dopo la guerra civile. (1939/1945)
E' uscito l'ultimo libro di Pietro Ramella, storico della guerra civile spagnola.

Pubbichiamo un'introduzione dell'autore.
L’odissesa di 500.000 Repubblicani spagnoli Esuli dopo la guerra civile (1939/1945)

Lampi di Stampa - Milano

Questo libro colma una lacuna storica, infatti i libri di storia concludono la Guerra di Spagna il 1° aprile 1939, con la conquista di Madrid da parte delle armate franchiste. Ma se le armi tacquero la tragedia del popolo spagnolo continuò. Francisco Franco mise in atto una repressione tanto feroce da essere ricordato come il più sanguinario dittatore in tempo di pace che l’Europa occidentale abbia conosciuto: oltre 150.000 esecuzioni e 110.000 forzati nei battaglioni di lavoro.
Non meno drammatico fu il destino dei repubblicani spagnoli, che tentarono con la

  Pietro Ramella
con Giovanni Pesce