AICVAS
Via Francesco Ferrucci 2
20145 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                Recensioni Biblioteca Bibliografia Musica Arte                            
                                                                                                                                                       
                            leggi La plaza de Tetuán                                                               ascolta La plaza de Tetuán                            
                                                                                                                                                       
                                    I manifesti della Repubblica spagnola
guarda il fotovideo
                                   
                                                                       
                                                                                                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                                                                                                       
                                    A disposizione degli eventuali aventi diritto.                                    
                                                                                                                                                       
                                    L'impegno per la cultura nella Repubblica di Spagna                                    
                                                                       
                                                                       
                                    Lo stato repubblicano dedicò una cura particolare al progresso culturale, a cominciare dalla lotta contro l'analfabetismo, e la popolazione aderì con entusiasmo a questo progetto.
“C’era nelle masse una ferma volontà, quasi una cupa volontà, di conquista della cultura. E c’era negli intellettuali un bisogno che ogni giorno diventava più preciso, di portare la cultura spagnola su una base nuova, e di avere, nella cultura, nuovi scopi per cui lavorare, diversi da quelli che la cultura spagnola aveva ereditato dalla sua storia” (Elio Vittorini, “Cultura popolare, La cultura spagnola durante la guerra civile”, Il Politecnico, n. 27, marzo 1946).
I miliziani alternavano i loro obblighi militari con conferenze, rappresentazioni teatrali, creazioni di biblioteche, proiezioni di pellicole ecc. Iniziative pubblicizzate da manifesti affissi in ogni angolo del paese, realizzati da grandi artisti. Le unità del nuovo esercito repubblicano pubblicarono pure una serie innumerevole di riviste e di periodici. E non era raro che vi collaborassero scrittori e poeti di grande valore, come, per citarne solo qualcuno tra i tanti, Rafael Alberti, Antonio Aparicio e Pablo de la Fuerte.
Come servirono la causa popolare gli uomini di cultura? Con la solidarietà appassionata con la lotta del popolo, con la partecipazione diretta alla militanza politica: “fin d'ora l'intellettuale si impegna a rinunciare ad essere maestro (o padrone) e a diventare compagno, però,
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                   

come pretende di chiamarsi compagno l'intellettuale che  cieco alla vita della strada, che non ha saputo creare niente di profondamente radicato alla realtà che lo circonda?”
Servire la causa popolare significa rivendicare l’universalità della cultura; fare della cultura il patrimonio universale dell’immensa maggioranza:
“Scrivere per il popolo, che cosa ci può essere di meglio! Scrivi per il popolo, impara da lui quanto puoi, molto meno – sia ben chiaro – di ciò che lui sa.
Scrivere per il popolo è scrivere per l’uomo della nostra razza, della nostra terra, della nostra lingua, tre cose di inestimabile contenuto che non riusciremo mai a conoscere esaurientemente.
Ed è molto di più, perché scrivere per il popolo ci obbliga a varcare le frontiere della nostra patria, è quindi scrivere anche per gli uomini di altre razze, di altre terre e di altre lingue. Scrivere per il popolo è chiamarsi Cervantes in Spagna, Shakespeare in Inghilterra, Tolstoi in Russia” (Antonio Machado, “Sobre la defensa y la difusión de la cultura”. Discorso pronunciato a Valenza nella seduta conclusiva del Congresso Internazionale degli Scrittori, H. de E. n. VIII, Valenza, agosto 1937).

Ecco, infine, alcune poesie di rara bellezza e intensità, pubblicate sulla rivista Hora de España, in cui l'adesione alla lotta in difesa della Repubblica e la denuncia degli orrori della guerra fascista di cui fu vittima il popolo spagnolo sono totali e senza riserve.
(Dobbiamo queste informazioni allo storico spagnolo Angel Sanchez-Gijon.
A lui, alla sua memoria, vanno i nostri ringraziamenti)

                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                           

“La Bandiera”, León Felipe (H. de E., n. 5, maggio 1937) 

“Qui, qui,

di fronte alla Storia,

di fronte alla Storia grande,

sotto la luce delle stelle,
sopra la terra pristina ed eterna del mondo

e nella presenza stessa di Dio

qui,

parliamo qui

dell’affare spagnolo rivoluzionario”

 

“Popolo tradito”, Arturo Serrano Plaja (H. de E., n. 6, giugno 1937)

“Giunto a quel momento l’odio fu battaglia

e l’astioso pugnale tanto cupo di sangue

si cambiò in fiotti di pericolo,

di furia giustiziera come un galoppo altero”

 

“Parole ai morti”, Juan Gil-Albert (H. de E., n. 5, maggio 1937)
“Riposate!

Oh innumerevoli tombe socchiuse!

corpi crivellati le cui ali spezzate

vi consegnano orrendi

alla lenta consunzione colla terra che avete difeso”

 

“Città assediata. Quattro romanze della guerra civile",
Emilio Prados (H. de E., n. 11, febbraio 1937

“Ah città, città assediata,

città del mio stesso petto:

se ti calpesta il nemico

prima dovrà vedermi morto!”

 

“Morte ultima. Linee di fuoco", Manuel Altolaguirre
(H. de E., n. 3, marzo 1937) 

“Quando si allontani, salga, ci coroni

questo spazio di tempo incandescente,

questa guerra fiammeggiante in cui stiamo,

cambierò con la sua pioggia e col suo fuoco,

gli sterili campi della Storia”

 

“Capitale della gloria. A Nebbia, mio cane”, Rafael Alberti
(H. de E., n. 11, febbraio 1937) 

“Nebbia, mio compagno, benché tu non lo sappia,

ci rimane ancora,

in mezzo a questa eroica pena bombardata,

la fede che è allegria, allegria, allegria”

“Visione di Siviglia e Giuramento della allegria”, Miguel Hernández 
(H. de E., n. 9, settembre 1937)

“Si è offuscato il giglio,

meraviglia fiorita:

patiboli e carceri decapitano i lamenti,

la gioventù e l’aria di Siviglia”.
...........

“È un pieno di aprile,

una primaverile cavalleria,

che inonda di galoppi i profili

della Spagna: è l’esercito del sole, dell’allegria”

 

Antonio Machado, (H. de E, n. 18, giugno 1938)

“Qualcuno ha venduto la pietra dei lari

al pesante teutone,

al moro affamato

e all’italiano le porte dei mari,

odio e paura alla stirpe redentrice

che macina il frutto degli ulivi,

e digiuna e solca, e semina e canta e piange”

 

“Capitale della Gloria. Alle Brigate internazionali”, Rafael Alberti 
(H. de E., n. 5, maggio 1937)

“Restate, così vogliono gli alberi, le pianure,

i più piccoli frammenti della luce che ravviva

un solo sentimento che agita il mare: Fratelli!

Madrid nel vostro nome si innalza e si illumina”

 

“Elegia a un poeta morto”, Luis Cernuda
(H. de E., n. 6, giugno 1937
 

“Il sale del nostro mondo eri,

vivo eri come un raggio di sole...

Così come nella roccia mai vedremo

Il luminoso fiore schiudersi

In un popolo fosco e duro

Non brilla leggiadramente

Il fresco e fulgido ornamento della città,

per questo ti uccisero, perché eri

il verde nella nostra terra arida

già azzurro nel nostro oscuro cielo”