AICVAS
Via Francesco Ferrucci 2
20145 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                                                                                                       
                            leggi A las barricadas                                                               ascolta A las barricadas                            
                                                                                                                                                       
                            In memoria di Bela Frank,
alias Mate Zalka, il “generale Lukacs”
   

L’11 di giugno 1937, ottant’anni fa, moriva sul fronte di Huesca il generale Lukacs, il primo comandante della XII^ Brigata Internazionale, la Garibaldi. Sino a poche settimane prima la Garibaldi aveva combattuto sul fronte di Madrid ed era appena stata spostata su quello di Huesca, in Aragona, per partecipare ad una operazione volta ad alleggerire la pressione delle truppe franchiste sul fronte nord. Lukacs stava ispezionando il fronte a bordo di un’automobile, con grave rischio personale ma si trattava di una operazione indispensabile per raccogliere le informazioni necessarie a programmare l’attacco alla cittadina aragonese, tenuta e fortificata dai franchisti. Con lui a bordo c’era il commissario della XII^, il tedesco Gustav Regler, il funzionario militare sovietico Pavel Batov e l’autista, lo spagnolo Vittorio Saornil. Un proiettile sparato da un cannone franchista nei pressi della cittadina esplodeva sulla parte anteriore dell’automobile scaraventandola sulle rocce a lato della strada. Regler e Batov, seduti sul sedile posteriore, erano gravemente feriti. Lukacs e l’autista restavano invece a terra uccisi.
Lukacs si chiamava in realtà Béla Frank, era nato in Ungheria, aveva iniziato a far carriera militare come ussaro nell’esercito austro ungarico. Aveva combattuto nel corso della prima guerra mondiale in primo luogo sul fronte di Doberdò, nei pressi di Gorizia, dove le truppe italiane e ungheresi si erano massacrate reciprocamente per lungo tempo (ancora oggi in quella zona c’è una cappella “degli ungheresi” che ricorda quel massacro). In seguito era stato fatto prigioniero dalle truppe russe ed internato in Ucraina. Qui aveva vissuto la rivoluzione sovietica, aveva aderito al partito Comunista ed era entrato a far parte dell’Armata Rossa combattendo nel corso della guerra civile sovietica contro i “bianchi”. Da quel momento aveva cambiato definitivamente il suo nome in Mate Zalka. E come Mate Zalka era infatti conosciuto in Spagna nei cerchi più ristretti di ufficiali e funzionari internazionali e sovietici.
In seguito aveva svolto l’attività di corriere diplomatico in vari paesi. Ma si era interessato anche di teatro e di letteratura, scrivendo una serie di novelle. L’ultima intitolata proprio “Doberdò” si riferiva alle vicende vissute durante la prima guerra mondiale su quel fronte.
Arriva in Spagna probabilmente a fine ottobre del 1936 con il compito di guidare la guerriglia dietro le linee nemiche. Ma viene invece nominato comandante della seconda brigata internazionale, ancora in formazione, la XII^ dell’Esercito Popolare repubblicano, di cui faceva parte anche il battaglione italiano Garibaldi. Guida la brigata nelle varie battaglie sul fronte di Madrid. Con la ristrutturazione di fine aprile 1937, è confermato al comando della XII^, destinata a diventare unità italo – spagnola, la brigata Garibaldi. Con la sua morte, i garibaldini, gli italiani che si trovavano in Spagna a combattere contro il fascismo italiano ed internazionale, perdevano un comandante dei più amati e stimati.

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            RICEVIAMO... PUBBLICHIAMO... E RISPONDIAMO                            
                            Riceviamo da Massimo Varengo, presidente FAI (Federazione Anarchica Italiana), e pubblichiamo. Perché dare spazio a un testo che ricostruisce una biografia politica di Vittorio Vidali basata su documenti storici parziali e su ipotesi prive di riscontri? Lo facciamo perché non abbiamo paura della verità. E, fatti storici inoppugnabili alla mano, gli rispondiamo. In modo pacato e con spirito unitario. Con l'intento di contribuire a mettere fine a polemiche e divisioni tra anarchici e comunisti che durante la guerra civile spagnola indebolirono il fronte repubblicano.                            
                                                       
                                                       
                            Una biografia politica di Vittorio Vidali
di Patrick Karlsen
    Un punto di vista che non condividiamo
di Marco Puppini
                           
                                                           
                                                           
                            leggi il testo     leggi nostra la risposta                            
                                                                                                                                                       
                            Volontari                                                       Volontari                            
                                  "Le quattromila biografie dei volontari italiani che combatterono per difendere la Repubblica dall'attacco franchista preparando così il ritorno della libertà e della democrazia nel nostro paese", pubblicate nel volume La Spagna
nel nostro cuore.
1936-1939,
tre anni di storia
da non dimenticare
, sono ora disponibili online dalla A alla Z.
                               
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                 
                                                                                                               
                                A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z                                
                                  Nominativi senza annotazioni anagrafiche                                  
                                        Nominativi senza annotazioni anagrafiche divisi per province                                        
                            <<clicca per ingrandire>>                                                         <<clicca per ingrandire>>                            
                                                                                                                                                       
                                Memoria ai caduti
per la libertà


La guerra civile Spagnola,
i nomi, le date, i luoghi,
i famigliari dei caduti
della guerra civile spagnola.
 
Marco Puppini  
Memorie di Spagna
  Fondo e Archivio AICVAS

Accordo tra l’INSMLI 
(Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia)

e l’AICVAS per la gestione
del Fondo e dell’Archivio
della nostra associazione.

(Consulta il Fondo - Consulta l'Archivio)
 
  Livornesi
oltre i Pirenei


I volontari livornesi
nella guerra antifascista
di Spagna 1936-1939.
"Grande è la differenza
fra vivere di ricordi e...
conservare la memoria!"

(Scarica e leggi il libro)
  I Forlivesi
garibaldini in Spagna


Andarono in Ispagna, a combattere per il proprio ed altrui riscatto, repubblicani, socialisti, cattolici, comunisti, anarchici, senza partito. (Scarica e leggi il libro)
  Lezioni politiche su
la guerra di Spagna


"Molto si è scritto della partecipazione dei volontari italiani garibaldini
alla guerra di Spagna..."
di
Giuliano Pajetta

(Scarica e leggi il testo)
                               
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Brevi biografie dei combattenti di Spagna
leggi e stampa il testo completo
                                 
                                                             
                                                             
                           

Giuseppe Alberganti, nato a Stradella (Pv) il 24.7.1898. Meccanico ferroviere, comunista, più volte arrestato dalle autorità fasciste. Espatriato in Francia, assume nel Var e nella zona di Tolone la guida del movimento comunista. Nel 1937 è a Barcellona nella Delegazione delle Brigate Internazionali. Internato al Vernet dopo la ritirata dalla Spagna, torna in Italia ed è confinato a Ventotene. Membro del Triumvirato insurrezionale dell'Emilia Romagna. Parlamentare e segretario della Federazione del Pci di Milano.


Vittorio Bardini, nato a Sovicille (Si) il 15.9.1903. Muratore, comunista. Sconta cinque anni di confino per una condanna nel 1928 del Tribunale Speciale per la difesa dello Stato. In Spagna è tenente della Batteria "Antonio Gramsci". Internato nel Vernet, tradotto in Italia, viene trasferito a Ventotene. Combatte nella Resistenza come comandante dei Gap di Milano. Deportato a Mauthausen. E' deputato alla Costituente e senatore della Repubblica. (continua...)
                                    leggi e stampa il testo completo

                                 
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                                                                                                                       
                            Homenaje a los republicanos     Anniversari spagnoli e il battaglione della morte
leggi e stampa il testo completo
                           
                                                           
                                                           
                            Texto que leyó la escritora Almudena Grandes en la celebración del concierto homenaje a los republicanos y republicanas que se celebró en Rivas Vaciamadrid, (per il 14 aprile)

HOMENAJE A LOS REPUBLICANOS
ALMUDENA GRANDES , SCRITTRICE  
KETTY CARRAFFA - AICVAS  -16/04/2009
      CONTRIBUTO DI PIETRO RAMELLA, DEDICATO AL 70° DELLA GUERRA CIVILE
LA STORIA, I COMMENTI RIFERITI AL TEMPO DELLA GUERRA CIVILE:
Anniversari spagnoli e il battaglione della morte
PIETRO RAMELLA  -  AICVAS  -  11/05/2006


Anniversari Spagnoli. Ricorrono quest’anno due anniversari importanti nella storia millenaria della Spagna, due avvenimenti che ne mutarono profondamente la struttura sociopolitica e la proiettarono dal Medioevo nella modernità:
- la proclamazione della Repubblica (la niña
                             
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                                                               
                           

Recuérdalo tú y recuérdalo a otros, Cuando asqueados de la bajeza humana, Cuando iracundos de la dureza humana: Este hombre solo, este acto solo, esta fe sola. Recuérdalo tú y recuérdalo a otros.
Luis Cernuda escribió estos versos en 1961, cuando al terminar una lectura de poemas en una remota universidad norteamericana, se le acercó un hombre de su edad, un antiguo soldado de la Brigada Lincoln. El poema se titula 1936, y debería estar incluído entre las lecturas obligatorias de todos los libros de texto que se publican en España, porque no es sólo un poema sobre la Guerra Civil, ni sobre lo que aquella guerra representó para millones de demócratas en el mundo entero. Es un poema que habla de la fe, de la dignidad y de la nobleza, de lo mejor de los seres humanos.
Eso significó aquella lucha para Cernuda, que la vivió, y eso representa para mí, que la recuerdo hoy, y la recuerdo a otros, acatando el mandato del poeta. Eso es lo que el sueño de la II República representa para muchos españoles de mi generación, que crecimos en un país oscuro e inmóvil, que llegamos a creer que España había sido condenada desde siempre a la oscuridad de la caverna, a la inmovilidad de los años iguales, feos, grises, y que sólo mucho después descubrimos en vosotros, en vuestra fe, en vuestra dignidad, en vuestro coraje, un motivo para estar orgullosos de haber nacido aquí, el orgullo de heredaros y el deber de recordar.
"Que mi nombre no se borre en la historia". Esta fue la última frase que escribió Julia Conesa, una modista de 19 años que fue fusilada junto con 55 de sus compañeros, 43 hombres y otras 12 mujeres de las Juventudes Socialistas Unificadas de Madrid, el 5 de agosto de 1939, en las tapias de la vergüenza, las tristemente célebres tapias del Cementerio del Este, donde el régimen fascista ejecutó a casi 3.000 republicanos entre 1939 y 1944. "Tened en cuenta que no muero por criminal ni ladrona, sino por una idea". Eso nos pidió Dionisia Manzanero, otra de las 13 Rosas, y eso es lo que le debemos a ambas, y a todos quienes, como ellas, dieron la vida por nosotros, por la justicia, por el progreso, por la democracia y por el futuro de este país. Eso es lo que le seguimos debiendo a la mejor generación de españoles que ha existido jamás. Una generación, la vuestra, con la que España mantiene una deuda eterna, y eternamente pendiente. Nosotros somos la historia a la que se confió Julia Conesa. Nosotros somos el fruto de vuestra fe, de vuestra lucha, de la ejemplar dignidad con la que afrontásteis la traición y la derrota. Y nosotros estamos hoy, aquí, para daros las gracias por ser lo que sois. Estamos aquí para recordar, y para recordárselo a otros. Para afirmar que ya va siendo hora de que la historia se ponga a la altura de sus protagonistas. Para que acabemos de una vez y para siempre con las turbias sospechas que empañan sin justicia alguna la imprescindible tradición del republicanismo español. Para que se deje de llamar nacional al ejército golpista, para que se reconozca que el único ejército nacional que combatió en la Guerra Civil fue el que defendía la República legalmente constituída, y para que se deje de aplicar la tramposa ley del cincuenta por ciento -ese famoso "los dos bandos hicieron cosas horribles"- a lo que sucedió en este país por la exclusiva y absoluta responsabilidad de Francisco Franco y de quienes secundaron su rebelión. Porque la II República Española no se merece la memoria de edificios en llamas, descontrol y rapiña que fijaron sus verdugos y que seguimos tolerando entre todos. Y porque sólo cuando se recuerde lo que significó de verdad aquel proyecto que asombró al mundo, que derramó luz y justicia sobre un pueblo que nunca había sabido lo que era vivir con dignidad y en libertad, y que situó a España, por primera y única vez en muchos siglos, a la cabeza del progreso de las naciones, sólo cuando eso ocurra, podremos miraros a los ojos sin avergonzarnos.
Ningún monumento brilla tanto como la verdad y ningún homenaje es más justo que la limpia reivindicación de la memoria. Por eso, quiero terminar mi intervención con los últimos versos de ese poema de Luis Cernuda que he escogido para comenzarla.
Gracias, compañero, gracias
Por el ejemplo. Gracias porque me dices
Que el hombre es noble.
Nada importa que tan pocos lo sean:
Uno, uno tan sólo basta
Como testigo irrefutable
De toda la nobleza humana.

Lo recuerdo yo, y lo recuerdo a otros.
    bonita) dopo le elezioni amministrative del 16 febbraio 1931 vinte dai partiti di tendenza repubblicana, che indussero il re Alfonso XIII a lasciare la Spagna per l’esilio,
- l’inizio della Guerra Civile il 17 luglio 1936 con la rivolta dei generali a seguito della vittoria del Frente Popular alle elezioni politiche del 16 febbraio dello stesso anno.
Sono trascorsi rispettivamente settantacinque e settanta anni dai due avvenimenti sopra ricordati e vorrei in quest’occasione formulare un’ipotesi su come avrebbe potuto evolversi la Storia se le parti in causa avessero assunto un atteggiamento più deciso nei confronti di quelli che potremmo chiamarei cobelligeranti della parte avversa:
- il governo repubblicano spagnolo durante la guerra civile verso la Germania e l’Italia, dichiarate sostenitrici dell’Alzamiento,
- il governo sovietico durante la seconda guerra mondiale verso il governo franchista per il sostegno dato all’aggressione nazista dell’ URSS.
L’appoggio delle dittature nazifasciste alle forze reazionarie fu sempre palese e si dimostrò determinante per la loro vittoria. Il governo di Mussolini intervenne massicciamente nel conflitto con l’invio di 78.848 uomini inquadrati nel Corpo Truppe Volontarie, impiegato al Sud (conquista di Malaga), al centro (sconfitta di Guadalajara) e al Nord (conquista di Santander e della Catalogna). Importante fu la fornitura di armi e materiale bellico, tra cui 7.500 automezzi, 1.800 cannoni, 5.000 mortai e mitragliatrici, 3.200.000 munizioni di ogni tipo, nonché un fondamentale supporto logistico. A sostegno delle truppe furono inviati in Spagna 213 bombardieri, 414 caccia e 132 aerei diversi, che si distinsero sia nell’appoggio alle truppe sia nei pesanti bombardamenti sulle città spagnole, che costarono la vita a migliaia di vittime civili come quelli su Barcellona del 16, 17 e 18 marzo 1938.
La marina italiana oltre a trasportare dalla madrepatria uomini e materiale, attuò il blocco delle coste spagnole disposto dal Comitato di non-intervento in modo unilaterale a favore di Franco ed i suoi sommergibili si macchiarono in operazioni di pirateria affondando navi dirette ai porti repubblicani. I tedeschi inviarono un numero più limitato di soldati, ma altamente specializzati, nonché materiale bellico di ultima generazione. I famosi cannoni da 88 mm. furono utilizzati per la prima volta in Spagna ed i carri armati tedeschi furono i soli in grado di tenere testa ai carri sovietici. Gli aerei della Legione Condor oltre al supporto alle operazioni belliche si distinsero nel bombardamento di città inermi, il caso più eclatante fu quello di Guernica del 16 aprile 1937 che distrusse la città basca causando la morte di 1.800 civili. Ora davanti ad un tale palese ingerenza negli affari interni della Repubblica, impegnata a difendere il governo legittimamente eletto in libere elezioni viene da chiedersi perché non venne dichiarata guerra ad Italia e Germania? Occorre ricordare che il governo spagnolo di fronte ai massicci bombardamenti delle sue città esaminò la possibilità di bombardare per rappresaglia le città italiane ma ne fu dissuaso dai governi inglese e francese che prospettarono il pericolo che l’Italia avrebbe risposto in maniera ancor più terrificante. Forse questo timore evitò la dichiarazione di guerra che in seguito avrebbe potuto portare ad un diverso equilibrio della scena mondiale. Allo scoppio della seconda guerra mondiale il governo repubblicano si sarebbe trovato automaticamente a fianco di Francia ed Inghilterra e gli esiliati spagnoli, anziché combattere sotto le bandiere di quelle nazioni o nella Resistenza, avrebbero potuto essere inquadrati sotto la bandiera spagnola, come d’altronde successe ai cittadini polacchi. La presenza a pieno titolo di spagnoli a fianco degli Alleati avrebbe forse indotto Franco a limitare le esorbitanti richieste avanzate ad Hitler nell’incontro di Hendaye ed a schierarsi militarmente con le forze dell’Asse, il che avrebbe potuto cambiare il corso della guerra in quanto gli Alleati avrebbero privilegiato l’invasione della Spagna, più vicina al Nord Africa dell’Italia e con un terreno meno accidentato di quello della nostra penisola, quindi più adatto al movimento dei mezzi corazzati. La fine della guerra con la sconfitta dell’Asse avrebbe portato alla resa dei conti con Francisco Franco, la cui dittatura sarebbe così durata solo cinque anzichè trentasette. Da parte inglese giocò la paura che un’entrata in guerra della Spagna avrebbe comportato la perdita immediata di Gibilterra con gravi conseguenza per il traffico marittimo transitnte in quello stretto. Ma anche questa perdita avrebbe potuto essere evitata predisponendo l’invio di truppe e materiali per rinforzarne la guarnigione e così resistere al prevedibile attacco tedesco-spagnolo fino allo sbarco di una forza d’invasione sul territorio iberico (continua...).

                                      leggi e stampa il testo completo
                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            I comunisti italiani alla guerra di Spagna     Sulla strada dei campi di concentramento                            
                                                           
                                                           
                            Memorie di Spagna. Memorie garibaldine. A cura di Pietro Margheri e Marco Puppini
I COMUNISTI ITALIANI ALLA GUERRA DI SPAGNA (1)1. Di Edoardo D’Onofrio - 1971
PIETRO MARGHERI - MARCO PUPPINI  -memoriedispagna  -  31/10/2003

Prima questione. Quali persone c’erano in Spagna con le quali collaboravo e che cosa facevano. Dal 1937 in Spagna c’erano tre persone italiane, dirigenti con funzioni diverse e naturalmente, anche di valore diverso. Il compagno Togliatti era rappresentante della Internazionale Comunista presso il Partito comunista spagnolo. Era il vero e proprio rappresentante – sul piano politico - della Internazionale Comunista presso il Partito comunista spagnolo. È vero che il compagno Togliatti non era il solo a rappresentare l’I.C. Vi era il compagno
      PIETRO MARGHERI - MARCO PUPPINI  -  memoriedispagna  -  07/04/2003
SULLA STRADA DEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO
Di Carlo Bacca

Siamo sulla strada che da Port Bou sale alla frontiera francese. Alle nostre spalle si odono già i canti delle truppe di Franco. La Repubblica spagnola aveva sostenuto per tre anni una guerra sanguinosa con la forza del suo popolo e la solidarietà internazionale delle masse lavoratrici e intellettuali, mentre i governi democratici di Francia e Inghilterra applicavano quella nefasta politica del “non intervento”, che in realtà facilitava l’aggressione fascista. Vincere il fascismo in Spagna avrebbe dato un nuovo impulso alle forze democratiche e il corso della storia si sarebbe modificato perché “la seconda guerra mondiale poteva essere evitata”. Così si esprimeva Santiago Carrillo, segretario generale del Partito comunista spagnolo, ed era quello che la reazione non voleva.
L’11 febbraio del 1939, verso le 16,00 del pomeriggio, io ed i miei compagni passammo la frontiera francese, tra una schiera di guardie mobili, che ci guidavano per una scorciatoia che scendeva fino a Cerbère, la prima città dopo il confine. Sotto un hangar raggiungiamo la folla dei rifugiati arrivati prima di noi, dai quali avevano già separati le donne ed i bambini. Ci tenevano lontani dalla popolazione che voleva portarci dei soccorsi e testimoniarci la loro simpatia. Il freddo era pungente. Avevamo fame e i feriti o ammalati necessitavano cure. Essi non erano curati con il pretesto che l’ospedale già pieno non poteva accoglierli, “però giunti a destinazione avrebbero trovato tutto quello che necessitavano”. Ripensai alle parole di Negrin e della Passionaria, quando ci dicevano che “la strada della frontiera conduce alla schiavitù”.
La mattina dopo verso le otto, cominciò la marcia dolorosa di quaranta chilometri, che doveva farci arrivare al nostro destino. Inutile dire che durante la marcia le soste si facevano sempre fuori dai centri abitati per evitare il contatto con le popolazioni.
Finalmente, stanchi ed affamati, arrivammo in un luogo che non potemmo subito identificare, soprattutto per l’oscurità quasi totale in cui era sommerso. Dopo essere passati davanti ad una baracca debolmente illuminata, le guardie ci lasciarono dicendoci “Arrangiatevi”.
Eravamo sulla spiaggia di Argelés sur Mer, dove i freddi venti dell’inverno, venendo dalla terra e dal mare, sollevavano nubi di sabbia umida che gelavano le ossa. Abbandonati dai nostri guardiani, cercavamo di distinguere tutto ciò che ci circondava, mentre il vento urlava. Qua e là piccole luci brillavano nell’oscurità della notte, mentre s’udiva qualche lamento e il pianto di un bambino. Ma i freddo vivo, la stanchezza della lunga marcia fecero sparire la nostra curiosità, onde cercare un riparo al corpo stanco ed intirizzito. Ci mettemmo a scavare un buco nella sabbia umida, poi, serrati l’uno contro l’altro, ci coprimmo con le nostre coperte.
Dormire non era possibile. Quando l’alba rischiarò quella lingua di spiaggia, uscii dal rifugio con le ossa rotte. Lo spettacolo era più che rattristante, doloroso. La prima cosa che pensai fu ai poliziotti. Quando passammo la frontiera ci avevano detto con mal celata ironia: “non preoccupatevi, sarete ben ricevuti, perché la Francia fa per voi un grande sacrificio finanziario”.
Vedemmo un recinto di fili spinati dietro i quali passeggiavano giovani neri armati di fucile e di una sciabola. Donne e bambini dormivano sulla sabbia. Da una baracca vidi uscire molta gente, più del doppio di quanto ne poteva contenere. Uomini donne, soldati, ragazzi e vecchie cominciavano ad animare quel triste luog, chi correndo verso la spiaggia per i loro bisogni, chi cercando materiale per accendere un fuoco. Il vento si era calmato un po’, una orribile puzza veniva dalla spiaggia vicina portata dal vento del mare, che passando su una larga crosta di escrementi si diffondeva per il campo. Quanti erano gli abitanti di quello che veniva cinicamente definito camp d’accueil? Si è detto cinquantamila, ma credo molti di più. Era un groviglio umano indescrivibile. Dall’entrata alla fine del campo non vi erano più di seicento o settecento metri. Oltre la baracca della po,lizia, qualche altra dove venivano stipati un numero esagerato di persone. Il resto era accampato sulla sabbia riparandosi con stracci o coperte, come meglio si poteva.
Ma il dramma non finiva lì. In quella città del dolore concentrato e della fame, uno sciame di corvi rodeva intorno per approfittare della miseria umana. Mercanti senza scrupoli, tollerati dalla polizia, offrivano del pane o una scatola di latte a delle madri in cambio non di denaro, ma di gioielli che, con dolore, le donne si strappavano dalle dita o dalle orecchie. Se qualche povera donna affamata protestava per l’ingiusto cambio, gli rispondevano che quell’oro non valeva nulla. Se era un soldato a vendere un gioiello o un moneta d’argento, per non pagarli al loro giusto valore, gli dicevano che tanto era oro rubato. Non bastava il vergognoso mercato lo accompagnavano con insulti.
No! La Francia non era quella, la vera, quella di Valmy, della Comune e del suo popolo generoso amante della libertà. Quella Francia era stata presente nella lotta sulle trincee di Spagna coi suoi volontari della XIV Brigata, e che seppero battersi e morire col popolo spagnolo per la libertà. La distribuzione del pane fu una cosa veramente vergognosa. Verso le quattordici del pomeriggio, un camion si installò nel mezzo del campo circondato subito da una folla di affamati. Invece di distribuirlo, cominciarono a gettarlo, come lo si getta ai lebbrosi. Ma il sadico gesto non ebbe l’effetto desiderato su quella gente bisognosa anche nella miseria. Appena un uomo o una donna aveva il su pane se ne andava o aiutava un’altra a raccoglierlo, e alla fine, se qualcuno era rimasto senza pane, si dividevano quello raccolto, affinché ciascuno avesse la sua parte. Contro quella provocazione e umiliazione i rifugiati risposero con calma esemplare e dignitosa. I pretesti invocati per quella distribuzione erano l’improvviso afflusso di una massa enorme di rifugiati e il tempo occorrente per organizzare le cose. Anche i gabinetti furono installati tre o quattro giorni dopo. Tuttavia se quell’afflusso poteva giustificare qualche imprevidenza, lo spirito poliziesco di quella organizzazione era la sola ragione che determinava le direttive. Si voleva fare del rifugiato spagnolo un paria, per spingerlo a ritornare in Spagna sotto la ferula franchista.
La stampa di destra francese sosteneva con virulenza che tutti quei rifugiati costavano caro allo stato, ma non diceva che la stragrande maggioranza di quella gente sarebbe stata accolta da paesi democratici come il Messico o altri paesi, e che proprio il governo francese ne impediva la partenza. Anche noi, delle Brigate Internazionali, dopo essere stati controllati dalla Commissione di Non intervento, quando ci ritirarono dal fronte, per volere della repubblica spagnola, potevamo partire verso paesi liberi che ci accoglievano. Ma le autorità preferirono tenerci nei campi di Argelés sur Mer, St Cyprien ed in seguito Gurs, nel disegno ben chiaro di impedire all’antifascismo di continuare la lotta.
Nei primi giorni potevamo girare liberamente nel campo e mescolarci coi nostri compagni spagnoli, ma dopo ci separarono mettendoci alla estremità del campo, in una zona cintata da fili spinati. Era questa la prima misura efficace della polizia, per meglio sorvegliarci. Si comprendeva che ci tenevano a sorvegliarci. Dopo la distribuzione delle tende militari, ci ritrovammo sotto una di queste in cinque compagni (dove avrebbero dovuto starci in due): io, Morbiot (Berti di Imola), Quarantotto, Francioli e Foti. Eravamo sporchi, pieni di pidocchi, dato che senza sapone non ci si poteva lavare, ma il morale era buono. Tutti ridevamo per le facezie di Morbiot, salvo Quarantotto, sempre serio e brontolone. Il vento e il freddo ci immobilizzavano sotto la tenda in interminabili discussioni. La guerra che il fascismo preparava era il tema generale delle nostre discussioni. Tre anni di lotta sulla terra di Spagna ci avevano dato coscienza della minaccia che pesava sull’umanità. Non avevamo fiducia nei governi democratici per opporsi ai progetti criminali di Hitler e Mussolini. Il governo francese non solo aveva riconosciuto Franco fin dai primi giorni della disfatta repubblicana, ma gli aveva inviato come ambasciatore il Maresciallo Petain.
Intanto sulla linea Maginot i soldati francesi cantavano e facevano asciugare la biancheria sugli spalti, mentre una repressione feroce si scatenava contro l’antifascismo e tutti i partiti che denunciavano il pericolo di una nuova guerra, preludendo già alla drôle de guerre. Lo spirito e gli scopi della reazione noi li sentivamo nel comportamento della polizia, nell’organizzazione stessa di questi campi d’accueil per i rifugiati spagnoli e per noi, che rappresentavamo l’antifascismo più attivo che aveva preso le armi contro il fascismo a fianco del popolo spagnolo. Tra di noi c’era una cera tendenza all’evasione e ciò no sarebbe stato tanto difficile, ma ordini venuti dall’esterno ci dicevano di non farlo, perché avremmo messo in imbarazzo le organizzazioni. A malincuore accettavamo più per spirito di disciplina che per convinzione.
Tre mesi dopo il nostro arrivo fummo trasferiti a Gurs, nei Bassi Pirenei, in un altro campo, edificato senza economia dato il numero di baracche e con un’organizzazione dalla quale si poteva dedurre che non vi era nulla di provvisorio, anzi che era stato costruito proprio per una lunga permanenza. Ci restammo 18 mesi, cioè fino allo scoppio della guerra.
                           
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                            Stepanov (bulgaro, naturalizzato sovietico, professore, funzionario del Comintern per il settore di lingua latina), il quale, nel passato, si era anche occupato delle questioni prprie del nostro partito e del nostro paese. Aveva funzioni di assistenza politica, e fino all’arrivo di Togliatti, le sue funzioni politiche erano preminenti. Inoltre vi era il compagno Gherö, che più tardi fu insieme al compagno Rakosci, dirigente comunista in Ungheria e ministro dell’Interno, ma che finì male nel 1956, dopo essere stato lungamente esaltato per aver diretto la ricostruzione dei ponti sul Danubio, a Budapest, rovinati dalla guerra. Gherö è ancora vivente e dopo un lungo periodo di esilio in URSS, trovasi in Ungheria e lavora per il partito e per la Repubblica. Gherö in Spagna era incaricato dall’I.C. di curare il Partito Socialista Unificato di Catalogna, del quale era diventato anche un effettivo dirigente. Contribuì non poco alla unificazione della gioventù socialista e comunista spagnola, in una organizzazione unica ed unificata.
Vi era, inoltre, André Marty, anche lui dell’I.C., ma con l’incarico specifico di occuparsi delle Brigate Internazionali. Tutti questi personaggi, politicamente e, diciamo pure una brutta parola “gerarchicamente” erano subordinati a Togliatti, il quale, per altro – che io sappia – non ha mai fatto valere in modo amministrativo questa posizione, ponendo sempre le questioni in modo politico e lasciando ai compagni spagnoli, al P.C.S., la responsabilità delle decisioni e la funzione primaria. Togliatti era legatissimo al P.C.S, a Pepe Diaz, a Checa, alla Ibarruri, ai dirigenti massimi del P.C.S. Era l’ispiratore politico per eccellenza; scriveva articoli sui giornali, ispirava prese di posizione e discorsi. Partecipava alle riunioni della Commissione politico-militare del partito e non disdegnava partecipare alle elaborazioni di qualche piano militare. Togliatti era, inoltre, collegato con gli specialisti sovietici in campo militare venuti in aiuto dei repubblicani spagnoli. La politica del Partito comunista spagnolo, deve a Togliatti moltissimo. Togliatti non è mai apparso pubblicamente, non ha mai partecipato a manifestazioni in modo aperto, né di partito né fuori. Aveva nel partito lo pseudonimo di Alfredo e legalmente era un giornalista, corrispondente di una grande agenzia di stampa. Nella pubblicistica storica viene, talvolta, presentato come un dirigente delle Brigate Internazionali. In quella foto, in realtà, Togliatti – per la prima volta durante la sua permanenza in Spagna – fece uno strappo alla regola che si era imposto e venne a Torrilla, in catalogna, ad un raduno di garibaldini, nel momento della smobilitazione delle B.I., e quindi della stessa Brigata Garibaldi, per salutare i compagni e ricevere il fazzoletto garibaldino, tricolore con i colori della bandiera spagnola repubblicana aggiunti. Togliatti partecipò a quelle manifestazione come compagno italiano e in qualità di italiano. Ero presente alla manifestazione e so quel che dico: non è perciò male che certi giornalisti faciloni siano corretti, almeno nei documenti di stria del PCI. La Brigata Garibaldi aveva, in quel momento, come commissario politico il compagno Suardi e come comandante militare un compagno spagnolo, ma suo sostituto in quel momento era il compagno Sartori di Vicenza, se ben ricordo. Il compagno Alessandro Vaia (alias Martini) ultimo comandante italiano della Brigata Garibaldi, era già fuori della Spagna. Egli però nella storia delle Brigate va ricordato per le sue doti organizzative e militari e per la sua modestia. Non ho mai inteso, né allora, né dopo, che menasse vanto di quello che aveva fatto in Spagna.
La seconda personalità dirigente comunista italiana che era in Spagna, allora, era il compagno Luigi Longo (Gallo), Commissario politico di guerra delle Brigate Internazionali. Anche per lui gli storici giornalisti, non conoscendo appieno le cose e le funzioni, lo hanno fatto passare nella storia come il comandante Gallo. E questo anche nel numero a lui dedicato in occasione del 70° compleanno. Cosa questa, niente affatto vera e non corrispondente alle reali funzioni di Longo. In effetti le B.I. avevano un loro comandante militare proprio nella persona del generale Gomez (un compagno tedesco, di nome Zeisser, che fu poi ministro per gli interni della Repubblica democratica tedesca). Sede propria del generale Gomez era Albacete, una città a metà strada tra Valencia e Madrid; e di lì dirigeva col suo Stato Maggiore, amministrativamente e militarmente le B.I. Le singole Brigate erano poi, sempre dal punto di vista militare, sottoposte ai comandi dei diversi fronti militari nei quali erano destinate ad operare. Quindi, è chiarissimo: niente comandante - militare – Longo ( o Gallo). Longo non è stato un militare in Spagna anche se, naturalmente ha dovuto occuparsi – e come ! – anche di problemi più strettamente militari. La verità vera è che Longo è stato il vero ed effettivo – e continuativamente – Commissario politico di guerra delle Brigate Internazionali, anche se altri hanno portato lo stesso titolo (Nenni, Marty, ecc.). egli si occupava delle B.I. sotto ogni riguardo: dalla organizzazione al vettovagliamento, dalla efficienza in combattimento (armamento), fino alla preparazione politico-ideologica, sia in riferimento alla situazione spagnola sia a quella internazionale.
È stato bravo, accurato, capace politicamente e come organizzatore. Non ha avuto iattanze. Seppe elevare le B.I. a efficace strumento di politica internazionale; dimostrò capacità politiche e personali non comuni per il momento e per l’epoca; seppe lavorare con tutti, con i socialdemocratici, con i socialisti, con i repubblicani (Pacciardi e Nenni insegnano) e anche con comunisti a carattere un po’ complicato ( come André Marty e lo stesso Giuseppe di Vittorio) e, infine, per esempio, con gli anarchici della Catalogna e con gli anarchici italiani della Colonna Ascaso. È a Luigi Longo che si deve la efficienza delle Brigate Internazionali, la loro isciplinata smobilitazione, il loro rientro al fronte dopo le decisioni del governo Negrin e la loro evacuazione ordinata e regolare dalla catalogna, incalzata dal progredire dell’avanzata falangista, in Francia. Certo, egli non fu solo, ma su di lui caddero le maggiori responsabilità. Una nota particolare: era un piacere politico vederlo andare – e accompagnare – per i paesotti sul fronte dell’Ebro ad affiggere con le sue prprie mani i manifesti propagandistici delle B.I.; oppure a trattare le questioni più diverse con i rappresentanti dei volontari delle altre nazionalità. Luigi Longo, dirigente italiano del PCI, è stato – lo ripeto – il vero animatore, organizzatore e dirigente delle B.I. durante la guerra di Spagna.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                            La battaglia di monte Pelato                                
                                                           
                                                           
                           

MEMORIE DI SPAGNA Ricordi di combattenti antifascisti che hanno partecipato alla guerra civile spagnola e alla lotta contro il franchismo (1936 – 1975).1

A cura di Marco Puppini e Pietro Margheri.

La battaglia di monte Pelato
LA MEMORIA DI GIUSEPPE MARCHETTI

Il combattimento che segnò l’inizio della partecipazione antifascista italiana in Spagna, prese il nome di battaglia di Monte Pelato, battesimo occasionale di un cocuzzolo di scarso rilievo al bordo di una strada che percorre l’Aragona tra Huesca e Almudevar, su cui prese posizione, il 22 agosto, la Colonna Italiana, composta di 150 volontari e fornita, con uno sforzo organizzativo dei dirigenti catalani, di 4 mitragliatrici, muli e fucili.

La posizione si trovava come già accennato tra Huesca e Almudevar, due fortezze franchisteche non capitolarono mai durante tutta la guerra civile, nonostante parecchie offensive repubblicane; questa zona venne detta da Rosselli “posizione sandwich, posizione in aria, res nullius”. Il “comando tecnico”, auspicato dai documenti di fondazione della colonna, alla prova dei fatti si risolse in un comando politico, diviso tra Rosselli e Angeloni, in quanto si vide l’impossibilità di poter affidare il gruppo dei volontari ad un colonnello piemontese, emigrato politico a Nizza, proposto da Rosselli. Quale responsabile politico fu designato Vindice rabitti, anarchico bolognese, condannato in Italia nel 1922 perché appartenente agli “arditi del popolo”.

Dei due comandanti, Rosselli aveva pochissima esperienza militare, ma era indubbiamente dotato di una notevole capacità di comando; Angeloni era d’altro canto, un ufficiale brillantissimo, generoso e affascinante, con la grande qualità di saper stabilire un contatto diretto coi subalterni. Malgrado la diversa estrazione politica (Rosselli di “Giustizia e Libertà”, Angeloni repubblicano) l’accordo, nel clima rivoluzionario, non poté mancare e fu pieno anche sul campo; naturalmente accordo non significa assoluta identità di vedute: Angeloni era più incline a perdonare la scappatella, l’indisciplina ardita, Rosselli era maggiormente dominato dalla preoccupazione.

Questa diversità di valutazione – racconta Aldo Garosci che faceva parte della Colonna – si fece presente nella polemica riguardo al piano di difesa: Angeloni sosteneva la necessità di schierare le mitragliatrici secondo le regole della tecnica militare, cioè raggruppate in modo che battessero la strada con una coppia di fuochi incrociati, dando ascolto anche ai pareri degli spagnoli che ritenevano che un attacco potesse venire potenzialmente da Huesca (mentre poi venne da Almudevar); Rosselli invece era più preoccupato per la posizione dei fucilieri che dovevano fronteggiare un lungo prato che poteva anche essere aggirato, e solo dopo lunghe discussioni ottenne che una delle mitragliatrici si portasse sul fronte.

L’attacco franchista avvenne il 28 agosto alle 4 del mattino, contrariamente ad ogni previsione: infatti i giorno precedente, due pattuglie avevano condotto ricognizioni nei dintorni, anche per un vasto raggio, identificando alcuni nidi di mitragliatrici nemiche in un villaggio-fortezza e tagliando in seguito i fili del telegrafo, del telefono e della luce tra Huesca e Saragozza, e riportando in tal modo previsioni del tutto ottimistiche per il futuro prossimo.

L’allarme venne lanciato quando si stava dissipando l’oscurità della notte. Rosselli, in piedi davanti alla trincea, dispose la difesa con grande calma.

La Colonna Italiana aggiustò il tiro sul nemico che era di fronte, a trecento metri, difeso da cumuli enormi di grano e di paglia che servivano da ottime trincee; essa fronteggiava la strada Saragozza-Huesca, a cavallo di un ponticello aguzzo e di una collina allungata, tra i quali si abbassava un piccolo valico e attraverso cui giungevano servizi di muli e in cui si trovava la Crocerossa.

Il nemico sferrò l’attacco sul fianco sinistro, il più sguarnito; Angeloni che dormiva accanto ala piazzola della prima mitragliatrice che batteva la strada di Almudevar, balzò in piedi al primo allarme, diede ordine ad un’altra mitragliatrice di spostarsi in difesa dei fucilieri, prese un tascapane pieno di bombe a mano e si diresse al fronte principale, ma venne abbattuto da una raffica partita da un’autoblinda avanzata sulla strada. Il nemico era forte di 700 uomini circa, con mitragliatrici, autoblinde, e una batteria.

I volontari italiani erano protetti da una discreta trincea, disgrazitamente non finita, mentre all’estrema sinistra, vi erano dei semplici rialzi di terreno aggiustati un po’ per servire da ripari.

1 Testimonianza di Giuseppe Marchetti pubblicata sul periodico Per la libertà di Spagna. Giuseppe Marchetti è stata una figura centrale per l’Aicvas e per la conservazione della memoria dei garibaldini.

                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                                Ricordo di Italo Nicoletto                            
                                                           
                                                           
                                Ricordo di Italo Nicoletto, nel 10° anniversario della sua scomparsa.
A Brescia è stato letto un ricordo di Italo Nicoletto, che fu Ispettore delle Brigate Garibaldi. scritto da
Giovanni Pesce  -    -  08/01/2003

Alle volte ci si interroga sul significato d’una commemorazione. Non c’è il pericolo nel rievocare una figura incontrata, stimata e amata e che ha lasciato in noi un segno indimenticabile, di farne un ritratto in cui le parole, per affetto, possono suonare come di circostanza, i fatti come una sequenza obbligatoria, suscitando in chi ascolta o legge il dubbio di seguire un rituale, col rischio di qualche scivolone retorico o banale?
Credo che ricordando fedelmente, come la memoria ricorda e riporta i fatti da citare e le parole da usare, nel caso della figura di Italo Nicoletto i dubbi e i rischi come quelli temuti, non vi siano per nulla. Perché la figura di Nicoletto è scolpita e scandita dagli avvenimenti di cui è stato protagonista o partecipe. Uno per tutti, ma parlerò anche degli altri. Gli toccò, per esperienza, coraggio, capacità militare e politica, di reggere sulle sue spalle il comando militare del Corpo Volontari della Libertà a Torino. Uno dei centri nevralgici della Resistenza nel cuore dell’Italia industriale di allora. Quando il 25 aprile la battaglia vittoriosa era conclusa e quello che attendeva le formazioni partigiane era la consacrazione della vittoria con una cerimonia trionfale e ufficiale, Nicoletto che era stato l’animatore di quella battaglia, come del resto della Resistenza armata, disse al suo vice: “Sono stanco, non sto bene, vado a casa. Alle dodici vengono gli alleati, consegna tu la città”. Un gesto che descrive benissimo da solo il carattere d’un uomo. Nicoletto tornò a Brescia, dove c’era molto da fare, dov’era vissuto sin da quando i suoi genitori, emigrati in Germania a Oberhausen dov’era nato nel 1909, decisero di affidarlo ai nonni a Brescia, poiché le condizioni di vita e di lavoro all’estero non lasciavano né mezzi né tempo per occuparsi del piccolo Italo che a due anni venne accompagnato in Italia. Mostrò precocemente la sua sensibilità sociale il giovanissimo Italo, che a diciassette anni venne sospeso dal liceo per aver solidarizzato con i lavoratori. Da quel momento diventa quasi a tempo pieno l’impegno politico di Nicoletto che lo condurrà all’adesione alla Federazione Giovanile del Partito Comunista d’Italia e, passo dopo passo, anno dopo anno, all’arresto (la sua attività di militante si manifesta nell’epoca del fascismo ormai regime), al suo invio al confino dove frequenterà la vera Università politica della sua vita: quella dell’incontro con gli oppositori segregati nelle isole di Lipari, Ponza e Tremiti. Sono gli anni fra il 1927 e il 1936. Nicoletto scontata la condanna al confino, riprende l’attività politica. C’era stata la scuola del confino, con i militanti più preparati, ora per Nicoletto libero e maturato dalla sofferenza della deportazione, ma anche dal contatto umano e culturale con gli uomini che sarebbero stati l’anima della Resistenza, come erano pur privi di libertà, la forza di una opposizione che non conosceva la resa, adesso c’era – come sempre nella sua vita – dell’altro da fare. In quali valori crede Italo? In una società giusta, una grande speranza che diventa fede nell’avvenire, nell’umanità, nella solidarietà fra gli oppressi o, come direbbero i cattolici, fra gli ultimi che però invece di rassegnarsi alla repressione, credono in un futuro di libertà e di democrazia. E’ comunista, assieme ai comunisti: sono la forza più determinata e concreta dell’opposizione al regime. Credono ed operano perché il regime non sia eterno, come esso tende a far credere, una forza cui rassegnarsi come possono far temere gli arresti che conducono in carcere molti antifascisti nel 1937. Un’onda repressiva che colpirà a lungo, ma alla quale Nicoletto sfugge, raggiungendo Parigi attraverso un itinerario tortuoso e avventuroso che passa per la Jugoslavia e quindi per Marsiglia: lascia il Midi, ma vi tornerà anni dopo, altra tappa della sua vita di capo politico e militare. Nella capitale francese entra in contatto con il Centro estero del PCd’I. Gli viene proposto da raggiungere Mosca per frequentare la scuola leninista. Invece Nicoletto – ecco un’altra scelta che ne scandisce i connotati di combattente – chiede ed ottiene di raggiungere la Brigata Garibaldi in Spagna. Dunque niente rassegnazione ma partecipazione alla guerra contro i golpisti di Franco e i suoi alleati nazifascisti. La lotta non è in Italia stavolta, ma in Spagna. Domani però la lotta per la democrazia sarà in Italia: è la fede che anima. E’ quello che dirà il presidente repubblicano Juan Negrin ai combattenti italiani delle Brigate Internazionali. Franco vincerà ma nella battaglia di Guadalajara il fascismo con i suoi legionari avvertirà i segnali della sua disfatta futura, proprio ad opera dei garibaldini e degli altri combattenti italiani. Dopo la Spagna Nicoletto risale i Pirenei assieme ai profughi e torna a Parigi. Svolge attività editoriale antifascista. Altra scelta importante nel 1939: Nicoletto non approva il patto Molotov-Ribbentrop e quando la Francia viene invasa dai tedeschi si trasferisce con la famiglia nel Midi dove, senza perdere tempo, organizza i Franc Tireurs Partisans. La rete colpisce obiettivi militari tedeschi e dei collaborazionisti di Petain. Un rastrellamento gli è fatale: catturato, viene processato, condannato a 6 anni e trasferito in Italia. Solo un documento falso lo salva da una condanna a morte. La sua è battaglia per la libertà: prima in Italia, poi in Spagna, quindi in Francia e ora in Italia. L’8 settembre lo fa uscire dal carcere. Adesso si realizza, non solo per Nicoletto, il sogno dei combattenti delle Brigate garibaldine e internazionali del 1937: oggi la Spagna, domani l’Italia. Comincia nelle Langhe come ispettore delle Brigate garibaldine: le sue esperienze militari in Spagna e in Francia ne fanno un capo esperto che assumerà la responsabilità della lotta armata a Torino. Nicoletto sarà, di volta in volta, dirigente politico, esponente parlamentare, dirigente della federazione bresciana del PCI. Gli anni saranno sempre quelli in cui ci sarà sempre da fare per l’emancipazione dei lavoratori e per la difesa della democrazia. E Nicoletto nella sua amata terra bresciana sarà sempre protagonista attivo e schivo, fino alla conclusione della sua esistenza. Il momento in cui il PCI deciderà la sua svolta, il vecchio combattente compirà una scelta tormentata, come gli accadde di fare allorché scelse le trincee di Spagna alla scuola di Mosca, come quando fu tra gli esuli comunisti in Francia che non accettarono il patto del 1939 fra Mosca e Berlino e scelse la lotta partigiana. All’ultimo passo, Nicoletto decise per il PDS: quella scelta fu forse quella più dolorosa della sua vita.
                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                            Il battesimo di fuoco del battaglione Garibaldi                                
                                                           
                                                           
                           

IL BATTESIMO DI FUOCO DEL BATTAGLIONE GARIBALDI
Per la rubrica Memorie ... Una poesia di Rafael Alberti e un intervento di Libero Farina
PIETRO MARGHERI - MARCO PUPPINI  -  MEMORIE DI SPAGNA  -  03/04/2003

Alle Brigate Internazionali
DI LIBERO FARINA

Da lungi venite. Ma cos’è questa distanza
per il vostro sangue, che canta senza frontiere?
La necessaria morte vi nomina ogni giorno
Non importa in quali città, campi o mulattiere.
Da questo o quel paese, dal grande o dal piccolo
- quello che alla mappa dà solo una lieve tinta –
con le stesse radici di un medesimo sogno,
semplici nel parlare e anonimi siete venuti.
Non conoscete neppure il colore dei muri
che il vostro indissolubile impegno fortifica.
La terra che vi seppellisce saldi difendete
a fucilate con la morte in vesti di guerra.
Restate: così vogliono gli alberi, le pianure,
i minimi frammenti della luce che ravviva
un solo sentimento che agita il mare: fratelli!
Madrid nel vostro nome s’innalza e s’illumina.
Rafael Alberti

Ad Albacete si formavano il Battaglione Garibaldi e le due prime Brigate internazionali la XI e la XII per recarsi in soccorso all’eroico popolo madrileno e per difendere la sua capitale quasi completamente accerchiata. Lo stato maggiore franchista aveva messo definitivamente a punto il suo piano d’attacco della capitale. Le sue avanguardie non erano a più di 5 km.; l’attacco decisivo fu fissato il 7 novembre 1936.
Si combatte sulle sponde del rio Manzanares, dove le Brigate internazionali avranno il loro battesimo di fuoco. I giorni decisivi furono il 6, il 7 e l’8 novembre. Di fronte alle unità d’assalto del fascismo si trovavano i miliziani del Quinto Reggimento, già onusti di gloria, e già inquadrati in 6 brigate, primo embrione del futuro Esercito Popolare spagnolo. Con poche armi automatiche, coi loro poveri fucili, i miliziani tengono in scacco il nemico, le cui ondate d’assalto si spezzano contro la ferrea volontà di fare di Madrid la tomba del fascismo: piuttosto morire sul posto che rinculare di un passo. Tale è la parola d’ordine degli eroici difensori di Madrid tale è la parola del battaglione Garibaldi e di tutti i volontari della libertà.
Appena inquadrato, il Battaglione lascia Albacete. Pochi giorni di addestramento nelle campagne, abbandonate dai contadini accorsi alla difesa di Madrid, poi fila veloce verso la capitale. Ora la vecchia terra casigliana è serpeggiata da lunghe e profonde trincee, scavate e difese dalla milizia contadina. Si sente il nemico vicino. A Vallecas, periferia di Madrid, il Battaglione Garibaldi è salutato dal Battaglione francese Comune de Paris della XI Brigata internazionale che staziona in quella località e che attende impaziente il suo battesimo di fuoco. Ho la gioia di riconoscere nel sorriso festoso dei volontari francesi Libero Fenu che mi abbraccia: giovane figlio di emigrati sardi a Marsiglia, nato a Saint Mauront (Belle-de-Mai), caduto poi sul fronte di Madrid a 18 anni per la difesa della libertà dei popoli. Era, in una nuova epoca storica il nuovo tamburino sardo del De Amicis, il nostro nuovo e glorioso tamburino nazionale, che rinnova le imprese leggendarie di Garibaldi, lo spirito profondo del nostro Risorgimento, che limpido continuava sulla straziata terra casigliana.
Dalla strada di Valencia, il Battaglione Garibaldi arriva a Madrid, tra le case squartate dalle bombe fasciste, poi si arresta alla Puerta del Sol. Ora dai cieli si sente un ronzio di motori: sono i primi aerei sovietici che, appena giunti a Cartagena, già sorvolano la capitale. Il 9 novembre la XI Brigata internazionale prende il suo posto nelle trincee di Madrid e coi combattenti spagnoli, i volontari tedeschi, ungheresi, cecoslovacchi, greci, francesi ed altri respingono gli assalti ripetuti dai marocchini. Il generale franchista Valera dava infatti quel giorno l’ordine alle sue truppe di raggiungere ad ogni prezzo il rio Manzanares e forzare il passaggio per penetrare in Madrid. Nella Città Universitaria infuria la sanguinosa battaglia. Ma i franchismi sono respinti malgrado la presenza delle loro migliori unità, con enormi perdite. L’indomani il 10 novembre, gli attacchi franchismi si rinnovano dietro l’ordine del generale Mola, ma il risultato non cambia. Franco getta tutte le sue forze nella battaglia. Egli vuole e deve ottenere la vittoria su madrid. Ma i suoi conti si rivelano sbagliati. Il Battaglione Garibaldi attacca a Sud, a 12 km. da Madrid, nel settore del Cerro de los Angeles che protegge l’ala destra del dispositivo franchista. Il Cerro de los Angeles, convento fortificato che domina la piana al sur de la capitale, è un punto strategico importantissimo del fronte di Madrid. È in questo settore che il 13 novembre il Battaglione Garibaldi sale al fronte al fianco delle truppe spagnole. È ancora notte. La colonna dei carri attraversa silenziosa Madrid, poi la piana immediata della metropoli. Ora un canto, sull’aria popolare de La Cucaracha, si perde nella notte: antifascista antifascista los fascistas no pasaran! È l’ardente e gloriosa gioventù di Madrid che occupa cantando le nuove trincee della capitale. La colonna avanza. Una nebbia massiccia avvolge la vallata del Jarama, poi lenta dirada quando i volontari varcano il fiume, presso San Martin de la Vega. A sinistra ora il sole si leva sui glauchi declivi, cosparsi di oliveti. Lo stupendo spettacolo si anima. Nel quadro movente ora appaiono fantastiche visioni e poi si perdono nella nebbia. Lontano si sente il tiro continuo delle brigate spagnole che attaccano in questo momento l’aerodromo di Getafe. Madrid l’ardente madrid, si offre tutta intera agli occhi dei combattenti. Uno splendido cielo dell’autunno casigliano, come uscito dal pennello di Goya: un mare di bianche case, ove emerge radiosa la centrale telefonica. È con questa visone che i volontari del Battaglione Garibaldi – con tutta l’eroica XII Brigata internazionale – avanzano verso i muti massicci del convento medievale che corona il Cerro de los Angeles. Galvanizzati e pieni di entusiasmo il battaglione e il battaglione francese Comune de Paris, fraternamente uniti, partono all’assalto delle vetuste mura con ardimento. Dai muri massicci una pioggia di pallottole e di granate è scagliata contro di noi. Il giovane Battaglione Garibaldi ha il suo battesimo di fuoco.
                               
                                                           
                                La figura di Tina Modotti                            
                                                           
                                                           
                               

LA FIGURA DI TINA MODOTTI, GRANDE ARTISTA, ANTIFASCISTA, MILITANTE DEL MOVIMENTO COMUNISTA INTERNAZIONALE, PERSEGUITATA ED ESULE POLITICA.
Una delle donne più rappresentative nel panorama delle figure di Spagna
Ketty Carraffa-  12/09/2002

 

TINA MODOTTI:
Tina Modotti nacque a Udine il 17 agosto 1896 e morì a Città del Messico il 5 gennaio 1942. Dopo l'improvvisa scomparsa, il riconoscimento della personalità umana, artistica e politica di Tina Modotti fu quasi immediato e per alcuni anni la sua vita e la sua opera restarono vive in buona parte dell'America latina. L'opera fotografica di Tina Modotti si trova in buona parte negli Stati Uniti e per molto tempo venne tenuta nascosta nei cassetti dei Dipartimenti di fotografia per la nefasta influenza del maccartismo che rese impossibile, per molti anni e non solo in America, lo studio e la presentazione di un'artista che aveva creato immagini di qualità e militato nel movimento comunista internazionale.

                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                               

LA SUA STORIA:

Assunta Adelaide Luigia Modotti, detta Tina, nasce nel popolare Borgo Pracchiuso a Udine, da famiglia operaia aderente al socialismo della fine Ottocento. Il padre Giuseppe lavora come meccanico e carpentiere, mentre la madre Assunta Mondini fa la cucitrice.

All'età di soli due anni, la famiglia si trasferisce nella vicina Austria per lavoro. Nel 1905 la famiglia rientra a Udine e Tina frequenta con ottimo profitto le prime classi della scuola elementare. A dodici anni, per contribuire al sostentamento della numerosa famiglia (sono in sei fratelli), lavora come operaia in una filanda. Apprende elementi di fotografia frequentando lo studio dello zio Pietro Modotti.

Il padre decide di partire per gli Stati Uniti, presto raggiunto da quasi tutta la famiglia. Tina arriva a San Francisco nel 1913, dove lavora in una fabbrica tessile e fa la sarta, frequenta le mostre, segue le manifestazioni teatrali e recita nelle filodrammatiche della Little Italy. Durante una visita all'Esposizione Internazionale Panama-Pacific conosce il poeta e pittore Roubaix del'Abrie Richey, dagli amici chiamato Robo, con cui si unisce nel 1917 e si trasferisce a Los Angeles. Entrambi amano l'arte e la poesia, dipingono tessuti con la tecnica del batik; la loro casa diventa un luogo d'incontro per artisti e intellettuali liberal.

Tina Modotti nel 1920 si trova a Hollywood: interpreta The Tiger's Coat, per la regia di Roy Clement e, in seguito, alcune parti secondarie in altri due film, Riding with Death e I can explain. Si tratta di una esperienza deludente, che decide di abbandonare per la natura troppo commerciale di quanto il cinema propone. Per la sua bellezza ed espressività viene ripresa in diverse occasioni dai fotografi Jane Reece, Johan Hagemayer e, soprattutto da Edward Weston con cui ben presto nascerà un legame sentimentale. Il 9 febbraio 1922 Robo muore di vaiolo durante un viaggio in Messico, lei arriva in tempo per i funerali e scopre, in questa triste occasione, un paese che a lungo l'affascinerà. Rientra a San Francisco per l'improvvisa morte del padre Giuseppe. Alla fine dell'anno scrive un omaggio biografico in ricordo del compagno, che verrà pubblicato nella raccolta di versi e prose The Book of Robo.

A fine luglio 1923 Tina Modotti e Edward Weston (con il figlio Chandler) arrivano in Messico, si stabiliscono per due mesi nel sobborgo di Tacubaja e, quindi, nella capitale. Uniti da un forte amore, vivono entro il clima politico e culturale post-rivoluzionario, a contatto con i grandi pittori muralisti David Alfaro Siqueiros, Diego Rivera e Clemente Orozco, che appartengono al Sindacato artisti e sono i fondatori del giornale El Machete, portavoce della nuova cultura e, in seguito, organo ufficiale del Partito Comunista Messicano. A contatto con la capacità e l'esperienza di Weston, Tina Modotti accelera l'apprendimento della fotografia e in breve tempo conquista autonomia espressiva; alla fine del 1924 un'esposizione delle loro opere viene inaugurata nel Palacio de Minerìa alla presenza del Capo dello Stato. Fra il 1925 e il 1926, in tempi brevi e diversi, tornano a San Francisco, dove Tina incontra la madre ammalata, conosce la fotografa Dorothea Lange, acquista una camera Graflex. Rientrati in Messico intraprendono un viaggio di tre mesi nelle regioni centrali a

raccogliere immagini per il libro di Anita Brenner Idols Behind Altars. Il loro legame affettivo si deteriora e Weston torna definitivamente in California; i contatti continueranno per alcuni anni in forma epistolare. Tina vive con la fotografia ed esegue molti ritratti, si unisce al pittore e militante Xavier Guerrero (che ben presto andrà a Mosca alla scuola Lenin), aderisce al Partito Comunista, lavora per il movimento sandinista nel Comitato "Manos fuera de Nicaragua" e partecipa alle manifestazioni in favore di Sacco e Vanzetti durante le quali conosce Vittorio Vidali, rivoluzionario italiano ed esponente del Komintern.

Tina trasforma il suo modo di fotografare, in pochi anni percorre un'esperienza artistica folgorante: dopo le prime attenzioni per la natura (rose, calli, canne di bambù, cactus, ...) sposta l'obiettivo verso forme più dinamiche, quindi utilizza il mezzo fotografico come strumento di indagine e denuncia sociale, e le sue opere, comunque realizzate con equilibrio estetico, assumono di frequente valenza ideologica: esaltazione dei simboli del lavoro, del popolo e del suo riscatto (mani di operai, manifestazioni politiche e sindacali, falce e martello,...). Sue fotografie vengono pubblicate nelle riviste Forma, New Masses, Horizonte. In questo periodo conosce lo scrittore John Dos Passos e l'attrice Dolores Del Rio, ed entra in amicizia con la pittrice Frida Kahlo. Nel settembre del 1928 diventa la compagna di Julio Antonio Mella, giovane rivoluzionario cubano, con cui Tina vive un amore profondo e al cui fianco intensifica il lavoro di fotografa impegnata e di militante politica.

Ma il loro legame dura pochi mesi, perché la sera del 10 gennaio 1929 Mella viene ucciso dai sicari del dittatore di Cuba Gerardo Machado proprio mentre sta rincasando con Tina, che rimane scossa da questo dramma e deve inoltre subire una campagna scandalistica con cui le forze reazionarie tentano di coprire mandanti ed esecutori del delitto politico. Partecipa alle manifestazioni in ricordo di Mella e, in segno di protesta, rifiuta l'incarico di fotografa ufficiale del Museo nazionale messicano. Si dedica alla militanza e al lavoro fotografico, realizzando un significativo reportage nella regione di Tehuantepec. All'Università Autonoma di Città del Messico il 3 dicembre si inaugura una rassegna delle sue opere, che si trasforma in atto rivoluzionario per il contenuto e la qualità delle fotografie e per l'infuocata presentazione tenuta dal pittore Siqueiros. La rivista Mexican Folkways pubblica il manifesto "Sobre la fotografia" firmato da Tina Modotti.

Nel frattempo il clima politico é molto cambiato, le organizzazioni comuniste vengono messe fuori legge: il 5 febbraio 1930 Tina viene ingiustamente accusata di aver partecipato a un attentato contro il nuovo capo dello Stato, Pasqual Ortiz Rubio, arrestata ed espulsa dal Messico. Si imbarca sul piroscafo olandese Edam, compie il viaggio fino a Rotterdam assieme a Vittorio Vidali e raggiunge Berlino, dove conosce Bohumìr Smeral, fondatore del Partito comunista di Cecoslovacchia, lo scrittore Egon Erwin Kisch e la fotografa Lotte Jacobi nel cui studio espone le opere che aveva portato con se dal Messico. tenta di riprendere l'attività fotografica, viene a contatto con le grandi novità dell'informazione giornalistica, specialmente con la stampa popolare di Willy Münzerberg: quotidiani e periodici come il prestigioso "Arbeiter - Illustrierte - Zeitung" che pubblica fotografie di Tina in diverse occasioni. In ottobre decide di partire per Mosca, dove la attende Vidali. Nella capitale sovietica allestisce la sua ultima esposizione, lavora come traduttrice e lettrice della stampa estera, scrive opuscoli politici, ottiene la cittadinanza e diventa membro del partito; abbandona la fotografia per dedicarsi alla militanza nel Soccorso Rosso Internazionale. Fino al 1935 vive fra Mosca, Varsavia, Vienna, Madrid e Parigi, per attività di soccorso ai perseguitati politici.

Nel luglio del 1936, quando scoppia le guerra civile spagnola, assume il nome di Maria e si trova a Madrid assieme a Vittorio Vidali, suo compagno da anni, che diventa Carlos J. Contreras, Comandate del Quinto Reggimento. Durante tre anni di guerra, lavora negli ospedali e nei collegamenti, stringendo amicizia con altre combattenti come Maria Luisa Laffita, Flor Cernuda, Fanny Edelman, Maria Luisa Carnelli; si dedica ad attività di politica e cultura: scrive sull'organo del Soccorso Rosso Ayuda, nel 1937 a Valencia fa parte dell'organizzazione del Congresso internazionale degli intellettuali contro il fascismo e, assieme a Carlos, promuove la pubblicazione di Viento del Pueblo, poesia en la guerra con le opere del poeta Miguel Hernandez. Ha occasione di conoscere Robert Capa e Gerda Taro, Hemingway, Antonio Machado, Dolores Ibarruri, Rafael Alberti, Malraux, Norman Bethune e tanti altri della Brigate internazionali. Nel 1938 è tra gli organizzatori del Congreso Nacional de la Solidariedad che si tiene a Madrid.

Durante la ritirata, con la Spagna nel cuore, aiuta i profughi che si avviano alla frontiera e si trova in pericolo sotto i bombardamenti. Arriva a Parigi con Vidali. Nonostante sia ricercata dalla polizia fascista, chiede alla sua organizzazione il permesso di trasferirsi in Italia per svolgere attività clandestina, ma le viene negato per la pericolosità della situazione politica.
Maria e Carlos, come tanti altri esuli, rientrano in Messico, dove il nuovo presidente Lazaro Cardenas annulla la precedente espulsione. Conducono un'esistenza difficile e Tina vive facendo traduzioni, si dedica al soccorso dei reduci, lavora nell'"Alleanza internazionale Giuseppe Garibaldi" e frequenta pochi amici, fra cui Anna Seghers e Constancia de La Mora. Nella notte del 5 gennaio 1942, dopo una cena con amici in casa dell'architetto Hannes Mayer, Tina Modotti muore, colpita da infarto, dentro un taxi che la sta riportando a casa. Come già era accaduto dopo l'assassinio di Julio Antonio Mella, la stampa reazionaria e scandalistica cerca di trasformare la morte di Tina in un delitto politico e attribuisce responsabilità a Vittorio Vidali.
Pablo Neruda, indignato per queste polemiche, scrive una forte poesia che viene pubblicata da tutti i giornali e contribuisce a tacitare lo "sciacallo" che ...sul gioiello del tuo corpo addormentato ancora protende la penna e l'anima insanguinata come se tu potessi, sorella, risollevarti e sorridere sopra il fango. I primi versi sono scolpiti sulla tomba di Tina che si trova al Pantheon de Dolores di Città del Messico.

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                            Dalla guerra civile alla lotta politica                                
                                                           
                                                           
                            MEMORIE DI SPAGNA - A CURA DI MARCO PUPPINI E PIETRO MARGHERI
Pubblichiamo interventi dei combattenti di Spagna

Ricordi di combattenti antifascisti che hanno partecipato alla guerra civile spagnola e alla lotta contro il franchismo (1936 – 1975). Dalla guerra civile alla lotta politica - Di Clemente Maglietta.
PIETRO MARGHERI - MARCO PUPPINI  -   -  26/03/2003

DALLA GUERRA CIVILE ALLA LOTTA POLITICA
Di Clemente Maglietta

Riandando indietro nel tempo, al 1936, alla mia fuga dall’Italia per raggiungere i combattenti internazionali in Spagna, cerco di dare un significato più misurato agli eventi che mi coinvolsero direttamente.
Passato in Spagna, attraverso una lunga marcia sui Pirenei, avevo una sola incontenibile volontà: quella di combattere contro il fascismo oppressore del mio Paese.
È facile immaginare la delusione immediata, che si manifestò in me, nel lungo peregrinare da Figueras ad Albacete e poi a Madrigueras dove fui inviato per l’addestramento. Ebbi l’impressione di essere coinvolto in un ingranaggio amministrativo di cui ero vittima involontaria ed insofferente.
Eppure, fu questo un contatto un po’ burocratico con la realtà spagnola che sollecitò il mio impegno per la comprensione dei contenuti reali della complessa vicenda politica della Spagna.
Mi impegnai ad apprendere la lingua leggendo la stampa e parlando con la gente, cercando di avere una idea dei fermenti di opinione e dei contrasti e delle polemiche molto vive in campo repubblicano per la scelta della strategia e della tattica in campo economico e sociale oltre che militare.
Ricorso come la prima cosa che impegnò la mia attenzione fu quella della trasformazione di una milizia eroica e volontaria in un esercito organizzato e disciplinato.
Così per la prima volta nella mia vita già impegnata nella clandestinità, presi contatto, alla luce del sole e nel pieno di uan guerra implacabile, con la complessa realtà di un popolo che doveva dare contenuti e rigore alle istituzioni, costruire una unità di impegno politico ed attuare le scelte imposte dalla trasformazione di un regime democratico e sociale, accentuando lo sforzo comune nella guerra.
La mia inesperienza si arricchì delle difficoltà per la costruzione di una democrazia moderna in un Paese dalle complesse e arcaiche istituzioni con vecchi rancori e con drammatiche incomprensioni a livello di classe e di nazionalità. La attuale unità delle forze democratiche ha origine lontane ed è costata duri sacrifici al popolo spagnolo, dopo la vittoria elettorale del '36 che vide insieme un’area moderata ed il movimento operaio profondamente diviso per ragioni ideologiche nei partiti e nelle organizzazioni sindacali.
La resistenza all’aggressione armata fascista aveva trovato, nello slancio ideale, molti disposti a combattere ed a morire ma quando si dovette disporsi a sostenere una guerra lunga e logorante ripresero vigore le diverse valutazioni politiche e i molti comportamenti individuali, con scelte radicalmente diverse, talora opposte, in campo economico e sociale.
Occorre parlare oggi di queste cose per misurare il costo e la solidità della esperienza maturata dagli spagnoli nei quarant’anni che sono trascorsi dal 1936. Una esperienza che, parzialmente, vissi anch’io comprendendo così meglio le componenti politiche della lotta in Italia, perché il franchismo aveva saputo legare gli interessi della grossa proprietà alla tradizione ed al fanatismo religioso, esaltando un passato deformato dalla propaganda di tipo patriottico e nazionalista al solo scopo di sopprimere le libertà e le riforme indispensabili per un nuovo modo di vivere e per il progresso delle forze del lavoro e del popolo.
Come da noi e più che da noi, le forze di ispirazione democratica erano divise da contrasti che ne indebolivano la capacità di resistenza e di organizzazione. A differenza dell’Italia, tuttavia, in Spagna lo sforzo unitario poté realizzarsi nel pieno di una eroica guerra civile combattuta insieme ed insieme perduta. Ogni soluzione concreta delle cose imposte dalle necessità della guerra fu un passo avanti verso la chiarificazione politica e verso la unità.
Un processo continuato all’estero ed all’interno del paese che, in Italia, si concluse con la lotta armata contro il fascismo e che in Spagna, iniziato con la guerra civile, si sta concludendo sul terreno della intesa politica delle forze che hanno per obiettivo la fine del franchismo e della oppressione.
Dopo 40 anni, già vicini alla meta, sono evidenti le difficoltà che ancora non hanno coronato gli sforzi di quanti hanno lottato con impegno e dedizione.
Oggi, tuttavia, si opera nel più ampio quadro di un impegno europeo e mondiale che probabilmente, trova nelle comuni esperienze una precisa posizione di quei Paesi mediterranei che più furono impegnati nella lotta politica e che cercano e trovano orientamenti affini nella complessa lotta per la democrazia ed il progresso e per la mobilitazione unitaria di tutte le forze socialmente impegnate. Riprendendo il filo dei ricordi, un altro episodio si inserisce nel quadro del discorso iniziato.
Poco dopo le assunzioni di responsabilità politica al Battaglione, toccò a me di accogliere le reclute catalane assegnate alla Brigata Garibaldi per completarne l’organico.
Mi trovai, così, coinvolto in un discorso assolutamente nuovo, con ampi risvolti politici e con accentuate punte di nazionalismo autonomista.
I giovani catalani, chiamati alle armi, figli probabilmente di miliziani autonomisti e di orientamento anarchico, dovevano trovare un ambiente che rendesse facile l’inserimento in una unità combattente provata da molte battaglie ma, fino ad allora, fondata sulla perfetta unità tra italiani e casigliani. Toccò a me accoglierli al battaglione e spigare le caratteristiche di una Brigata internazionale mista basata sull’alto livello di intesa politica e militare, fondamento per una disciplina fortissima.
Il mio spagnolo lasciava molto a desiderare e il mio parlare era improvvisato. Procedendo un po’ a tentoni e poi, via via cercando contenuti politici ed umani, feci ampio ricorso al gesticolare tipico dei napoletani usando locuzioni dialettali che parvero agli ascoltatori abbastanza comprensibili.
Scherzando, ebbi poi a dire che i catalani comprendevano il napoletano ma più seriamente oggi posso dire che il calore umano, la locuzione ed il gesto semplice poterono trovare una eco favorevole perché avevano riscontro in un ambiente unitario consolidato in mille e mille episodi e in tante prove di solidarietà. Dopo pochi giorni, in battaglia, quelle giovani reclute seppero battersi come sperimentati anziani, con commovente impegno.
Le differenze ideologiche e la stessa autonomia rivendicata dai catalani aveva trovato la misura e la dimensione dell’unità.
E la mia esperienza si arricchì di contenuti fino ad allora sconosciuti e di impegni che ebbero tanto peso nella successiva azione politica in Italia. Desidero, infine, ricordare un ultimo episodio nella mia breve vicenda di combattente. Nelle immediate retrovie di Belchite, la lotta politica condotta da gruppi avventuristici aveva gettato il discredito sulle Brigate Internazionali che dovettero subentrare a milizie che avevano sguarnito il fronte.
Il nostro ingresso nelle diverse località era accompagnato dalla scomparsa della gente barricata nelle proprie case. Un vuoto che faceva inpressione!
Spettò a me di stabilire i rapporti con la popolazione, beneficiando della collaborazione e della iniziativa di tutti, benché stanchi e malandati per i combattimenti.
Un lavoro politico fatto di mille iniziative individuali e di molti atti di comprensione e di solidarietà. Tutti rinunciarono al soldo e tutti misero le proprie risorse a disposizione del paese.
Dopo qualche giorno non c’era ragazzo che non accompagnasse i canti italiani e non c’era giovane donna che non avesse al collo i fazzoletto garibaldino.
Una grande festa doveva celebrare la raggiunta unità e la reciproca amicizia. Non potei partecipare perché trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Lerida, con le due gambe spezzate.
Molti dei protagonisti di quella vicenda sono scomparsi, qualcuno potrà ancora ricordare l’episodio il cui contenuto umano e politico trova nella unià democratica la sua naturale conclusione.

Ricordi di ieri, di quarant’anni fa che si riconoscono nelle vicende di oggi e che meritano la sanzione definitiva della libertà riconquistata dal popolo spagnolo circondato dall’affetto e dalla riconoscenza di un’Europa che cerca la propria unità.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                                Una breve biografia di Trevisson Celeste                            
                                                           
                                                           
                               

Una breve biografia di Trevisson Celeste, bellunese, consegnataci da sua nipote
Peppino Zangrando  -  Spagna grande amore  -  26/11/2002

In occasione di un incontro svoltosi nel 1976, presso l’Istituto Storico Bellunese della Resistenza, fra alcuni volontari superstiti (Dal Borgo, D’Alpaos, De Pasqual e Fontanive), il senatore Piero Dal Pozzo, eminente protagonista della lotta antifascista in Spagna e in Italia, mi consegnò un elenco, una trentina di nomi, di bellunesi impegnati a fianco dei Repubblicani in quella cruenta e sfortunata battaglia per la libertà del popolo spagnolo. Si trattava di una cartellina anonima, pervenutagli per estratto da elenchi approssimativi, sia nei nominativi che nell’indicazione dei luoghi di origine, custodita attraverso travagliate vicende personali talora drammatiche, gelosamente conservata dai sopravvissuti ed approdata, a tanti anni di distanza, negli schedari della Fratellanza Garibaldina di Spagna di Bologna, curati dal brigatista internazionale Lorenzo Vanelli. Quei nomi, di casa nostra, apparivano talora deformati nelle desinenze, talora erano solo un cognome, una località d’origine anch’essa storpiata, in qualche caso l’indicazione, frutto di testimonianza orale dei commilitoni, era chiaramente deviata dalle necessità della riservatezza e della vigilanza clandestina, tanto da dissolvere l’identità dell’interessato nel mero anno di nascita in quel Comune della provincia. Una prima ricerca, sui dati più attendibili, mi consentì di pubblicare, nel numero 9/76 della “Rivista Bellunese” una nota che suscitò un certo interesse. Ma quell’iniziale indagine portava alla luce gradualmente, per i successivi apporti dei pochi superstiti in vita nei nostri paesi, per le lettere che pervenirono all’Istituto Storico Bellunese della Resistenza e più avanti, per la collaborazione dell’Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna ed infine per il lavoro scrupoloso di Ferruccio Vendramini presso l’Archivio Centrale dello Stato in Roma, un dato esaltante per il ricercatore di memorie storiche: la partecipazione dei bellunesi, nella milizia volontaria a difesa della Repubblica Spagnola, era stata di gran lunga superiore a quanto (poco) già si sapesse. Essa comprendeva decine di uomini di questa provincia, in gran parte proletari emigranti, provenienti da almeno 29 comuni, anche i più lontani ed isolati: di essi, e soprattutto delle loro aspre vicissitudini, delle loro vite sofferte, delle loro morti nella lotta, delle loro solitudini nei campi di prigionia, nelle isole di confino, nelle carceri, di quel loro primo anticipo della Resistenza armata al fascismo, troppo poco sapevamo e il lungo oblio rischiava di travolgere e seppellire ogni traccia di memoria. Si trattava quindi di scavare in quelle pagine della nostra storia, pazientemente, cercando, nei paesi d’origine (e in Italia e in Francia, Belgio, Lussemburgo, Svizzera, URSS, Argentina) ogni frammento della loro presenza, ogni traccia dei loro atti, per comporre, con l’esattezza che i lunghi decenni già trascorsi ha permesso, il quadro di questa straordinaria pagina della Resistenza Europea. Perché di questo si tratta: di far risaltare l’opera di questi uomini, nell’inedita storia dell’emigrazione politica e della milizia più coerente e combattiva per l’emancipazione delle genti.
 

UNA STORIA DA SCRIVERE

Non solo una storia sociale e politica della nostra emigrazione nel continente e oltreoceano attende ancora di essere scritta, ma nessuno ha finora (salvo recenti studi sulle migrazioni di altro secolo in America Latina) scritto compitamente della storia dell’emigrazione bellunese. E sì che i documenti non mancano e le fonti orali non sono ancora inaridite. Solo recentemente, nel quadro di una più generale ricerca sulla dimensione e direzione mitteleuropea del fenomeno, si è pervenuti alla identificazione dei nuclei, di origine bellunese, tuttora esistenti a Plostine in Croazia, in Bosnia, in Transilvania. La ricerca si è però ad oggi attestata nei termini pre-unitari dello spostamento di intere popolazioni all’interno dei vecchi confini imperiali, spostamento determinato dalla politica austroungarica di nuovi spazi di insediamento, legati alla lavorazione del prodotto boschivo, praticamente evidenziando i soli aspetti etnici della vicenda, spesso al livello della mera indagine linguistico-semantica e della rievocazione di una “bellunesità” di basso profilo. Ed è inevitabile che lo studio si arresti a langua, allorquando si eviti di scavare all’interno del magma sociale che ha originato il trasferimento di intere collettività, misconoscendo le profonde motivazioni di ordine economico ed in primo luogo le storiche responsabilità dei ceti dominanti, la cui politica ha, da sempre ad oggi, cagionato l’esodo della popolazione “esubere” dalla società della montagna. Il discorso va troppo lontano per i limiti di questo breve saggio. Sta, però, di fatto che per noi (e per le popolazioni del Friuli, della montagna vicentina e trevigiana, della bergamasca e di gran parte delle zone alpine), la rivoluzione industriale si è tradotta nel massimo di sfruttamento delle risorse, prima forestali e poi idriche, senza insediamenti stabili e con espulsione di mano d’opera oltre i confini, in occupazioni precarie e bassamente qualificate dapprima e, più tardi, nella costruzione delle grandi strutture edilizie, in particolare stradali e ferroviarie. Basti qui ricordare la stagionale opera degli emigranti di Valcellina, impiegati nella costruzione dei ponti sul Danubio a Budapest; dei cadorini in Austria per le strade imperiali; dei feltrini in Tirolo e in Germania nei lavori sulle linee ferroviarie. Queste vicende umane hanno avuto egregio spazio nella narrazione di due insigni scrittori veneti: nelle opere del vicentino Mario Rigoni Stern (La storia di Tonle) e del friulano Carlo Sgorlon (La conchiglia di Anataj). Nell’una, il montanaro degli altipiani di Asiago che a piedi percorre il Nordeuropea per il suo gramo commercio, ci richiama mille figure, a noi note, del piccolo traffico della povera gente; cucchiai di legno da Erto, figurine di terracotta dal Cadore, frutta cotta dallo Zoldano, sedie impagliate da Gosaldo. Nell’altra, i manovali friulani e cadorini, sperduti nell’immensa santa Russia dello zar a costruire la Transiberiana, nelle tundre e nelle taighe, sono gli stessi di Bariloche, del Canadà, del Transvaal, dell’Australia e di Instambul, delle foreste, delle paludi e savane.
Mille e mille figure di uomini e di donne il cui ricordo è una data di nascita su ingialliti registri parrocchiali, cui molto spesso non corrisponde la data di una morte.

--------------------------------------------------------
 

TREVISSON Celeste, fu Francesco. Nacque il 19.6.1907 a Limana. Espatriato in Francia fu ricercato e perseguitato. Fu tenente delle Brigate Internazionali e nel gennaio 1939 si trovava al centro di smobilitazione di Alciros-Levante. Rientrato in Francia fu internato nel campo di Gurs.
Secondo i familiari (un fratello a Pedavena e due sorelle a Limana) il Trevisson, sposato a Madrid, sarebbe rientrato clandestinamente in Spagna per rivedere la famiglia e, identificato dalla polizia franchista, sarebbe stato arrestato e ucciso. E’ certo che, fino al 1970, una figlia del Trevisson (Garcia Maria Luisa), scriveva agli zii a Belluno.
La sua scheda biografica è contenuta nel libro dedicato ai Volontari Antifascisti Bellunesi che hanno combattuto in Spagna a difesa della Repubblica: “Spagna grande amore” scritto da Peppino Zangrando e pubblicato dall’Istituto storico della Resistenza di Belluno (1986).
                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                         
                            Teresa Noce: Estella                                
                                                           
                                                           
                            Teresa Noce: Estella.
Una grande figura nella storia del movimento operaio
Enciclopedia della Resistenza  -  30/09/2002

Nata a Torino il 29.7.1900, morta a Bologna il22.1.1980; organizzatrice sindacale. Di famiglia poverissima, cominciò a lavorare da bambina e dovette lasciare la scuola dopo la IV elementare. Nel 1917 entrò in fabbrica, tornitrice alla Fiat Brevetti. Partecipò attivamente alle lotte del proletariato torinese contro la guerra, al termine della quale perse il fratello maggiore, unica figura famigliare in cui sentiva di identificarsi. Decise così di impegnarsi nell’azione politica. “Fu terribile. Non mi rassegnai alla morte di mio fratello. Non potevo e non era giusto. Non avevo che lui. Il dolore, fin da allora, mi si trasformò in furore e in desiderio di lotta”. “Rivoluzionaria professionale”
Di carattere volitivo e spesso angoloso, Teresa Noce fu certamente un personaggio di spicco nelle file del movimento torinese, poi nel gruppodell’emigrazione comunista italiana.
Nel 1920 la giovane operaia fu tra i fondatori del
                                 
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                                                             
                           

Circolo giovanile socialista del popoloso rione torinese di Porta Palazzo e, più tardi, ne venne eletta segretaria. Nel 1921 vi conobbe Luigi Longo, allora studente di ingegneria ma già con funzioni responsabili nel Partito Comunista a Torino, con il quale contrarrà matrimonio e avrà tre figli (uno dei quali morirà in tenerissima età).
Redattrice de “La voce della Gioventù” nel 1923 a Milano (dove subì anche un breve arresto e il rinvio a Torino con foglio di via), nel gennaio 1926 seguì il marito a Mosca, poi a Parigi. Nel 1928 fu inviata a frequentare la scuola leninista per quadri del Komintern, dove rimase circa un anno. Di nuovo a Parigi nel 1929, fece parte del gruppo ristretto di funzionari che sotto la guida di Palmiro Togliatti, Ruggero Greco e dello stesso Longo, all’inizio degli anni ’30 mirò a sviluppare lotte di massa in Italia.
Nel quadro della “svolta” imposta a questo lavoro, tra il 1931 e il 1932 anche Teresa Noce compì viaggi clandestini in varie regioni italiane, finché i numerosi arresti di militanti e funzionari imposero al partito di sospendere tale attività. Nel 1933-34 la Noce seguì nuovamente Longo a Mosca e lavorò nel Profintern (Internazionale dei sindacati rossi). Poi ancora a Parigi, dove contribuì alla nascita di Noi Donne , mensile diretto da Xenia Sereni.
Nel 1936 fu inviata in Spagna per curare la pubblicazione di Il Volontario della Libertà, destinato agli italiani combattenti nelle Brigate Internazionali.
Rientrata in Francia nel 1938, allo scoppio della Seconda guerra mondiale fu internata (in quanto cittadina di paese nemico) nel campo di Rieucros. Ne venne liberata, dopo l’armistizio franco-tedesco, per intervento delle autorità sovietiche (allora alleate alla Germania nazista) e autorizzata a lasciare la Francia insieme a Longo per raggiungere l’U.R.S.S., dove già risiedevano i suoi due figli. Sennonché si trovò improvvisamente bloccata a Marsiglia in seguito all’invasione tedesca dell’Unione Sovietica (giugno 1941). Mentre il marito, arrestato, veniva consegnato alla polizia italiana, la Noce poté sfuggire all’arresto e, da quel momento, cominciò a lavorare per il Partito Comunista Francese come responsabile della M.O.I. (Mano d’opera immigrata) a Marsiglia. Collaborò all’organizzazione della lotta armata condotta dai Francs-tireurs-et-partisans finché, all’inizio del 1943, durante un viaggio illegale a Parigi fu a sua volta arrestata. Trascorsi alcuni mesi in carcere senza essere individuata, partì con un convoglio di deportate destinate in Germania. Dopo una breve tappa nel campo di transito di Ravensbruck, fu inviata a Holleischen (Cecoslovacchia) dove lavorò in una fabbrica di munizioni fino al termine della Seconda guerra mondiale, allorché il campo venne liberato dalle truppe dell’Armata Sovietica.

Dopoguerra
Tornata a Parigi nel maggio 1945, al suo arrivo fu arrestata dalla polizia militare francese, questa volta per sospetto “collaborazionismo” con i tedeschi. Rimase in carcere fino a luglio, quando un intervento del P.C.F. ne ottenne la liberazione.
Rientrata in Italia, riprese l’attività politica nelle file del P.C.I.. Eletta membro del Comitato centrale e della Direzione del partito al 5° Congresso (1946), fu riconfermata nelle cariche al 6° e al 7° congresso. Nello stesso tempo veniva designata consultrice nazionale, poi eletta alla Costituente e infine alla Camera nella prima e seconda legislatura.
Segretaria generale della F.I.O.T. (Federazione impiegati e operai tessili) dal 1947 al 1965, dal 1949 al 1958 fu anche presidente dell’Unione internazionale sindacale dell’abbigliamento. La separazione da Longo (cui seguirà il divorzio) verso la fine del 1953 determinò nella vita di Teresa Noce “una svolta personale e politica”. Perdute le cariche politiche e sindacali, dal 1959 fece parte per alcuni anni del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro in rappresentanza della C.G.I.L., poi si ritirò a vita privata. Racconterà per esteso le proprie esperienze di comunista e di donna nel libro “Rivoluzionaria professionale”, edito da La Pietra nel 1974.

Fra le altre sue opere si ricordano : Garibaldini in Spagna, Madrid 1938 (reprint Milano 1966); Gioventù senza sole, Roma 1950; Domani farà giorno (Milano); Vivere in piedi (Milano 1978)