AICVAS
Via Francesco Ferrucci 2
20145 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                                                                                                       
                            leggi Si me quieres escribir                                                           ascolta Si me quieres escribir                            
                                                                                                                                                       
                                    Omaggio alle Brigate Internazionali                                    
                                                                       
                                    << Clicca sui manifesti per ingrandirli >>                                    
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                    1 2 3 4 5 6 7 8                                    
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                    9 10 11 12 13 14 15 16                                    
                                    A disposizione degli eventuali aventi diritto.                                    
                                                                                                                                                     
                            Guerra di Spagna: dobbiamo ricordare
quegli uomini e quelle donne
                             
                                                         
                                                         
                            Sono ormai passati ottant'anni da quando, il 17 luglio 1936, un gruppo di generali ha tentato di rovesciare con un colpo di stato il governo, regolarmente eletto, della repubblica spagnola. I golpisti potevano contare sull'appoggio di forze e gruppi simpatizzanti per il fascismo italiano ed il nazismo tedesco, e sui finanziamenti di potenti uomini d'affari. In Spagna i governi della seconda repubblica, nata nel 1931 dopo otto anni di dittatura sostenuta dalla monarchia e decenni di democrazia manipolata dalle classi dirigenti, avevano avviato una politica di coraggiose riforme. Era stata varata una costituzione e prese misure che riducevano i forti privilegi del clero, garantivano alla Catalogna (e poi anche ai Paesi Baschi) uno statuto di autonomia, riducevano l'influenza degli ufficiali nell'esercito, tentavano, sia pure con difficoltà, di avviare una riforma agraria, ed infine davano per la prima volta nella storia della Spagna il diritto di voto alle donne. Nel 1933 le forze conservatrici, che mostravano spesso simpatie verso                              
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                       
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                fascismo e nazismo, avevano vinto le elezioni politiche bloccando il movimento di riforma. Ma due anni dopo, nel febbraio 1936, avevano nuovamente vinto i partiti operai e repubblicani stretti da un patto di fronte popolare, le riforme erano riprese. Il colpo di stato militare organizzato nel luglio del 1936 per bloccare questo processo innovatore era in buona parte fallito, la repubblica aveva dimostrato di avere le forze sufficienti per contenerlo. Le milizie operaie ed i militari rimasti fedeli alla repubblica avevano vinto nelle maggiori città spagnole (Madrid, Barcellona, Valencia) e nelle regioni industriali. Solo l'aiuto dato da Hitler e Mussolini ai golpisti, tra i quali il generale Franco andava assumendo un ruolo centrale, aveva dato ai militari la possibilità di riprendere l'iniziativa ed aveva trasformato un colpo di stato in una vera guerra che vedeva in vario modo coinvolte le maggiori potenze europee dell'epoca. Una guerra che anticipava e prefigurava quella mondiale, scoppiata alcuni mesi dopo la fine di quella spagnola, dal punto di vista militare ma anche in parte di schieramenti internazionali. 
L'Europa stava allora conoscendo l'affermazione di partiti e forze della destra estrema e totalitaria, il fascismo in Italia, il nazismo in Germania, in Portogallo il regime di Salazar, in Polonia ed Ungheria erano al potere governi militari ed autoritari, come in Grecia. Persino in Francia le potenti leghe fasciste... (continua)                             leggi e stampa il testo completo
 
                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Cinque importanti contributi storici di Pietro Ramella
sulla Repubblica e la guerra di Spagna
    Anniversari spagnoli
La repubblica - La guerra civile
Pietro Ramella
3                            
                                                           
                                                           
                                                                             

Ricorrono quest’anno due anniversari importanti nella storia millenaria della Spagna, due avvenimenti che ne mutarono profondamente la struttura sociopolitica e la proiettarono dal Medioevo nella modernità: la proclamazione della Repubblica (la niña bonita) dopo le elezioni amministrative del 16 febbraio 1931, vinte dai partiti di tendenza repubblicana, che indussero il re Alfonso XIII a lasciare la Spagna per l’esilio; l’inizio della guerra civile il 17 luglio 1936, con la rivolta dei generali a seguito della vittoria del Frente Popular alle elezioni politiche del 16 febbraio dello stesso anno.

Sono trascorsi rispettivamente settantacinque e settanta anni dai due avvenimenti sopra ricordati e vorrei in quest’occasione formulare un’ipotesi su come avrebbe potuto evolversi la Storia se le parti in causa avessero assunto un atteggiamento più deciso nei confronti di quelli che potremmo chiamare i cobelligeranti della parte avversa: il governo repubblicano spagnolo durante la guerra civile, verso la Germania e l’Italia, dichiarate sostenitrici dell’Alzamiento; il governo sovietico durante la seconda guerra mondiale, verso il governo franchista, per il sostegno dato all’aggressione nazista dell’Urss.

L’appoggio delle dittature nazifasciste alle forze reazionarie fu sempre palese e si dimostrò determinante per la loro vittoria. Il governo di Mussolini intervenne massicciamente nel conflitto con l’invio di 78.848 uomini inquadrati nel Corpo truppe volontarie, impiegato al Sud (conquista di Malaga), al Centro (sconfitta di Guadalajara) e al Nord (conquista di Santander e della Catalogna.
(continua...)
                                 leggi e stampa il testo completo
                           
                            1

Sul diario di “Aldo Morandi”Riccardo Formica,

tenente colonnello repubblicano in Spagna
Pietro Ramella (a cura di)
                               
                                                           
                                                           
                           

Gli storici di professione, scrittori o docenti, sarebbero invidiosi della fortunata coincidenza che ha permesso a me, appassionato studioso della guerra civile spagnola, di leggere in anteprima il diario inedito di Riccardo Formica “Aldo Morandi”, il volontario italiano che raggiunse il più alto grado nella gerarchia militare dell’Esercito spagnolo: tenente colonnello designato al comando di un corpo d’armata.

Dopo l’interesse generato dal libro “La Spagna nel nostro cuore”, edito dall’Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna, ed il viaggio, nel novembre 1966, dei superstiti delle brigate internazionali in occasione del sessantennio dell’inizio di quel conflitto 1, la signora Miuccia Gigante Boldi, nipote di Morandi, per onorare la memoria dello zio, ha pensato di pubblicare il diario da lui scritto ed a mezzo di un comune amico mi ha pregato di leggere il manoscritto per avere un primo giudizio di merito. È stata una scoperta entusiasmante: il Morandi racconta la sua esperienza in terra di Spagna dal 28 novembre 1936, giorno della sua partenza da Parigi, fino al 25 febbraio 1939, giorno in cui lascia il campo di internamento di Saint Cyprien, con ricchezza di particolari, tutti supportati da una ricca documentazione in gran parte inedita, che, grazie alla sua compagna, Vincenzina Fonti, cittadina svizzera, che fu infermiera in Spagna, egli riuscì a salvare prima di essere internato in Francia. Il Morandi ha pazientemente ed ordinatamente catalogato tutta una serie di documenti quali agende, tessere, lettere di nomina, attestati, manifestini di propaganda delle due parti in lotta, unitamente ad un’inedita raccolta di fotografie, che documentano tutta la sua avventura spagnola. Bellissime quelle relative ai servizi sanitari, dove si vede il dottore Friedman2 che opera poco lontano delle linee del fuoco, o quelle in cui Morandi è ritratto con personaggi importanti.
La nipote possiede inoltre una raccolta di giornali dell’epoca, tra cui molte copie de “Il Grido del Popolo”, giornali delle unità militari comandate dallo zio (alcuni stampati con il ciclostile), litografie, pubblicazioni sulle brigate internazionali, materiale di propaganda.
Interessante l’incontro con Ernest Hemingway o con Gera Taro, la compagna di Robert Capa, la quale morirà poco dopo nella battaglia di Belchite, schiacciata dalla manovra di un carro repubblicano, che per lui, ufficiale alle prese con problemi logistici di ogni genere, rappresentano solo dei giornalisti rompiscatole. Incontra più volte André Marty, di cui mette in evidenza il carattere rissoso, Luigi Longo “Gallo”, Giuliano Paietta “Giorgio Camen”, Pietro Nenni, a cui resterà legato da una lunga e sincera amicizia, Giorgio Braccialarghe, Guido Picelli ed altri.
(continua...)
                                  leggi e stampa il testo completo
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                La partecipazione fascista
alla guerra di Spagna
Pietro Ramella
4                            
                                                           
                                                           
                               

Rari sono state nel dopoguerra i libri sulla partecipazione alla Guerra Civile Spagnola dell’Italia di Mussolini. Il più importante è l’opera di un americano John F. Corvedale con i “I fascisti italiani alla guerra di Spagna” (Laterza 1977), normalmente l’intervento viene trattato in forma indiretta nel più vasto quadro del conflitto. Ora due libri usciti verso al fine dell’anno scorso ripropongono l’argomento; si tratta di un’opera pubblicata in Spagna e non ancora tradotta in italiano di Dimas Vaquero Peláez “Creer, obedecer, combatir … y morir” edito dalla Institución Fernando El Católico di Saragozza e de “I ragazzi del ‘36” di Massimiliano Griner, edito da Rizzoli. L’autore spagnolo suddivide il suo lavoro in capitoli che richiamano il famoso slogan di Mussolini che è anche il titolo del libro. Nel primo capitolo “aggredire per vincere” suddiviso in due sottocapitoli “creer” e “obedecer” esamina le motivazioni che spinsero Mussolini ad impegnarsi in Spagna. La prima è senz’altro l’aggressività che caratterizzò il fascismo, che si espresse non solo nel disprezzo delle convenzioni internazionali, infischiandosi delle decisioni del Comitato di Non Intervento, ma anche nei confronti di Francisco Franco che, malgrado fosse contrario all’invio in Spagna di truppe straniere, in quanto già sotto accusa per l’impiego di reparti marocchini, fu posto dal dittatore italiano davanti al fatto compiuto. La seconda era quella di ampliare il controllo del Mediterraneo, denominato dal Duce “Mare Nostrum” in aperto contrasto con la Francia, nonché bloccare un’eventuale alleanza tra i due governi di Fronte Popolare, solo in un secondo tempo, quando cominciarono ad arrivare le prime navi cariche di materiale bellico dalla Russia, l’intervento prese una valenza anticomunista. Occorre ricordare che il governo repubblicano dell’epoca comprendeva due soli ministri comunisti, che alle ultime elezioni politiche avevano ottenuto alle Cortes 14 seggi su 453.
L’autore insinua che i primi aiuti dell’Italia non fossero disinteressati, la componente ideologica non c’entrasse, in quanto vennero prontamente pagati sia con l’oro custodito nella Banca di Spagna dell’isola di Maiorca, in mano ai ribelli, che il 19 agosto 1936 fu trasferito sulla torpediniera “Maestrale” e portato in Italia, sia con 5.000.000 lire che il finanziere Juan March aveva depositato presso la Banca d’Italia di Roma, come testimoniano le ricevute di presa in consegna dell’istituto d’emissione. Mussolini era all’apice della sua popolarità in patria, la conquista dell’Impero aveva galvanizzato gli italiani, le sanzioni decretate dalla Società delle Nazioni non avevano funzionato, il che aveva aumentato il suo prestigio presso i conservatori europei.
(continua...)
                                leggi e stampa il testo completo

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                            2 I “diversi” e la guerra di Spagna
Ebrei - Neri - Omosessuali
Pietro Ramella
                               
                                                           
                                                           
                           

Negli anni sessanta circolava una barzelletta su di un padre statunitense che, per dimostrare alla figlia la sua condizione di “liberal”, dichiarava: “Sai che non provo discriminazioni verso alcuno, tanto che potrai, per parte mia, sposare chi vorrai, basta non sia comunista, ebreo, negro od omosessuale”. Alcune tra queste “diversità” costituirono uno degli elementi caratterizzanti i volontari che combatterono nelle brigate internazionali dalla parte lealista nella guerra civile spagnola.

Non possiamo annoverare tra i diversi i comunisti, anche se molti tra loro erano ebrei, in quanto essi costituirono l’ossatura delle brigate internazionali, create su decisione del Comintern. L’appartenenza politica, però, fu sempre attenuata per far assumere alla partecipazione una valenza antifascista. Gli storici concordano sul numero dei volontari prossimo a 35.000, di cui i 25.000 comunisti costituirono la maggioranza, pari al 70 per cento.

Una recente analisi storico-quantitativa delle biografie dei volontari italiani1, ha determinato la composizione politica di tremilaquattrocento volontari italiani2.

 

 

 

n.

       %

Anarchici

   328

        9,6

Comunisti

1.301

      38,2

Giustizia e Libertà

     39

        1,1

Repubblicani

     56

        1,6

Socialisti

   224

        6,5

Sconosciuta

1.449

      42,6

 

Se si applicano le percentuali determinate per i volontari di cui si conosce l’ideologia politica ai 1.449 di cui non si conosce, si ottengono le seguenti percentuali:

 

 

Anarchici

16,9

Comunisti

66,8

Giustizia e Libertà

  2,0

Repubblicani

  2,8

Socialisti

11,5

 

Le stesse percentuali possono essere riferite agli interbrigatisti delle altre nazionalità, tenendo conto della limitata incidenza delle caratteristiche specificatamente italiane. L’elevato numero di comunisti che combatterono in Spagna ha dato modo di alimentare la recente polemica revisionista, che tenta di “sdoganare” il successo di Franco come una vittoria contro il comunismo, che aveva come progetto la costituzione in Spagna di una Repubblica democratica popolare (eufemismo per non dire comunista) con tutte le conseguenze tragiche che lo stalinismo produsse. Si è però dimenticato che la Spagna era già repubblicana, democratica e popolare per libera scelta del suo popolo nelle elezioni del febbraio 1936.
Occorrerebbe chiedersi con quali forze il Partito comunista spagnolo avrebbe potuto impadronirsi del potere dato il limitato radicamento nella realtà spagnola (16 deputati alle Cortes e 300.000 iscritti nel gennaio 1937).
(continua...)
                                leggi e stampa il testo completo
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                I reduci della guerra di Spagna
nelle Forces françaises libres
Pietro Ramella
5                            
                                                           
                                                           
                                Ne “La retirada1 avevo affrontato l’odissea di cinquecentomila repubblicani spagnoli in fuga dalla Catalogna nel febbraio 1939 di fronte all’avanzata delle truppe franchiste. Odissea che nei suoi aspetti più tragici conobbe: l’inumano internamento in campi di raccolta improvvisati, la deportazione nei campi di sterminio nazisti, la partecipazione alla Resistenza francese, l’arruolamento nelle Forze della Francia libera, con un conseguente elevato numero di morti.

Grazie ad Internet ho potuto approfondire alcuni aspetti dell’ultimo punto, con riguardo non solo agli spagnoli, ma anche ai reduci delle Brigate internazionali, che non poterono o non vollero rientrare nei loro paesi d’origine e che si arruolarono nelle Forces françaises libres (Ffl), create da De Gaulle dopo il famoso discorso del 18 giugno 1940 con cui chiamava i francesi a continuare la lotta contro i tedeschi. All’atto dell’internamento, le autorità francesi invitarono i militari fuggiaschi a scegliere tra il ritorno forzato in Spagna e l’arruolamento nella Legione straniera. Ambedue le opzioni erano invise, in quanto la prima prevedeva, dopo un processo senza alcuna garanzia giuridica, la quasi sicura fucilazione, mentre la seconda era ugualmente rischiosa, dati i venti di guerra che spiravano sull’Europa per uomini già provati da tre anni di dure battaglie. Inoltre il Comintern, poiché erano in corso le trattative per la definizione del Patto di non aggressione tra l’Urss ed il Terzo Reich, aveva disposto che i comunisti non si arruolassero, scegliendo la clandestinità. Circa 9.000 stranieri accettarono di arruolarsi nella Legione, di cui 3.000 spagnoli, 1.800 tedeschi, 800 cecoslovacchi, 780 belgi, 639 italiani2 e 615 polacchi. Furono concentrati a Sidi Bel Abbes in Marocco per l’addestramento e circa 2.000 di loro furono incorporati nella costituenda 13e Demi-brigade (13e Dble)3. A fine marzo del 1940 Francia ed Inghilterra decisero di intervenire a fianco della Finlandia attaccata dall’Unione Sovietica e formarono un corpo di spedizione di cui fece parte la 13e Dble, ma due eventi concomitanti (la richiesta d’armistizio della Finlandia all’Urss e l’invasione tedesca della Norvegia) indussero a dirottarlo nel paese dei fiordi.
(continua...)
                                 leggi e stampa il testo completo

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            La guerra civile 1936. La cronologia
leggi e stampa il testo completo
    "I Lincolns"
leggi e stampa il testo completo
                           
                                                           
                                                           
                           

LA CRONOLOGIA - Dal 18 luglio 1936 ....
PIETRO RAMELLA   -  11/06/2002

LA GUERRA CIVILE 1936

 

18 luglio

La rivolta inizia con alcune ore di anticipo rispetto al previsto nelle città del Marocco e grazie all’appoggio determinante del “Tercio” gli insorti hanno ragione dei militari lealisti e dei militanti delle organizzazioni di sinistra. Nel frattempo Franco prende il controllo delle Canarie e lancia un proclama alla nazione: “l’Esercito si è assunto il glorioso compito di salvare la Spagna dalla sovversione e dall’anarchia”, quindi vola in Marocco e assume il comando dell’Esercito d’Africa. Nella calda mattinata radio Ceuta trasmette la frase in codice: “Su tutta la Spagna il cielo è senza nubi”.è il segnale dell’ “alzamiento” nelle guarnigioni della penisola. Il 95% degli ufficiali fa causa comune con i sediziosi trascinando con se l’80% dei soldati. La Guardia Civil nella sua quasi totalità e il 50% delle “Guardias de Asalto” si uniscono ai rivoltosi. Nella proporzione dal 75 al 90% gli alti funzionari dei ministeri, delle amministrazioni locali, delle imprese industriali fanno altrettanto. Il governo tenta di bloccare la sollevazione facendo ricorso alle procedure consentite dalla Costituzione ed ordina alle navi da guerra (la flotta era rimasta fedele in quanto gli equipaggi avevano sopraffatto gli ufficiali che volevano aderire alla rivolta) di presidiare lo stretto di Gibilterra così da contenere la ribellione in Marocco e nelle Canarie. In ogni caso non autorizza la distribuzione di armi al popolo come pretendono le organizzazioni di sinistra. La rivolta ha successo nella Galizia, Léon, Vecchia Castiglia, Navarra ed nord dell’Estremadura e parte dell’Aragona, per cui i ribelli controllano i centri di La Coruña, Valladolid, Salamanca, Burgos, Pamplona, Cáceres , Saragozza e Huesca. Occupano inoltre le principali città dell’Andalusia: Cadice, Siviglia, Granada e Cordoba, di vitale importanza per il prosieguo delle operazioni in quanto le loro forze più efficienti sono concentrate in Marocco.


19 luglio

Scontri di Barcellona. Le truppe ribelli uscite dalle caserme puntano verso la Piazza de Cataluña, ma sono bloccate dai lavoratori, in prevalenza anarchici, e dalla Guardia Civil, rimasta fedele al governo, caso quasi unico in Spagna e devono ritirarsi. Viene catturato il generale Goded, capo dei rivoltosi, che è obbligato a leggere alla radio un appello in cui invita i suoi a deporre le armi. André Malraux racconterà ne “L’Espoir” la dinamica dei combattimenti, in cui muore l’esponente anarchico Francisco Ascaso.


20 luglio

Muore in un incidente aereo in Portogallo il generale Sanjurjo, capo designato della rivolta. José Giral, nominato Primo Ministro, ordina di distribuire le armi al popolo, fatto che a Madrid consente ai lealisti di stroncare la rivolta con la conquista della caserma Montaña, centro operativo della ribellione. Pablo Neruda, il grande amico della Spagna, cantò l’epica vittoria delle forze popolari con la poesia "Madrid 1936”.


1 luglio

A Madrid il Partito Socialista costituisce i battaglioni “Largo Caballero” e “Octubre”, del quale è nominato comandante Fernando De Rosa. Vittorio Vidali organizza per il Partito Comunista il Quinto Reggimento, unità di elite dell’esercito spagnolo, che formò alcuni dei capi più validi come Enrique Lister, un tempo cavapietre, e Jaun Modesto, ex taglialegna. A Barcellona gli anarchici costituiscono diverse colonne: “Tierra y Libertad, Ascaso, Roya y Negra, Durruti…”. Il P.O.U.M. (Partido Obrero de Unificación Marxista) forma la colonna “Lenin”. Alcune di esse partono per l’Aragona per riprendere Saragozza e Huesca . Il generale Queipo de Llano che si era impadronito del centro di Siviglia alla testa di soli 130 uomini con un colpo di mano riceve in rinforzo reparti del “Tercio” con i quali attacca i quartieri operai. Il massacro che ne segue è orribile, i legionari spingono per strada tutti gli uomini poi li uccidono a colpi di baionetta. La parte bassa del quartiere di Traina viene rasa al suolo a cannonate. Dopo di che il generale inizia alla radio una serie di trasmissioni notturne piene di volgari ed incoerenti smargiassate e minacce di sterminio contro le famiglie dei “rossi” e di goffe esaltazioni delle capacità sessuali dei legionari, che lo rendono famoso in tutta Europa. In risposta Rafael Alberti compone la poesia “Radio Sevilla”.


24 luglio

I faziosi costituiscono a Burgos la Giunta di Difesa Nazionale (J.N.D.). I governi di Roma e Berlino dichiarano la loro disponibilità a sostenere la rivolta.
(continua...)
 
                                leggi e stampa il testo completo

   

UN TESTO DEL NOSTRO VALIDISSIMO STORICO PIETRO RAMELLA


"I LINCOLNS"
Il ritiro dei volontari delle Brigate Internazionali, deciso unilateralmente nell’ottobre 1938 dal Governo repubblicano spagnolo, comportò, ove possibile, il loro ritorno ai rispettivi paesi di provenienza. Eccettuati che in pochi, negli altri stati i veterani furono soggetti a dure forme di repressione da parte delle autorità, che li accusarono di aver combattuto in un esercito straniero e, come in Svizzera e Finlandia, condannati a pene carcerarie.
Anche la libera e democratica America non fu da meno, i reduci della Brigata Lincoln, i cosidetti Lincolns, al loro arrivo al porto di New York trovarono ad attenderli “more cops than people”. I doganieri ritirarono loro i passaporti per violazione della legge sulla neutralità del 31 agosto 1935, mentre gli agenti della FBI presenti in massa li sottoposero a stringenti interrogatori, ma non contestarono loro, al momento, la violazione di una legge del 1818 che proibiva l’arruolamento di cittadini americani in eserciti stranieri.
La prima dimostrazione del trattamento loro in seguito riservato fu il divieto da parte della polizia di deporre una corona “per ricordare quanti morirono per la democrazia” presso la lampada eterna nel parco di Madison Square.
La Friends of Abraham Lincoln Brigade, che per tutta la durata della guerra aveva sostenuto i compatrioti impegnati nel conflitto, si prese cura di loro e forní vestiario e denaro, raccolse fondi per ospitalizzare gli oltre 200 feriti, rientrati dagli ospedali spagnoli grazie ad una consistente donazione di un finanziere, dopo il rifiuto del governo di provvedere alle spese di viaggio.
Il ritorno alla vita civile non fu meno traumatico, intorno loro si era creato un clima di diffidenza, alimentato dalla Chiesa Cattolica, principale sostenitrice di Franco, per cui molti non riuscirono a trovare che lavori di manovalanza, precari e mal pagati. Già durante la guerra di Spagna le associazioni che avevano sostenuto negli Stati Uniti la causa della Repubblica e principalmente la Veterans of Abraham Lincoln Brigade VALB erano viste con diffidenza dalle autorità che cercarono in ogni modo di limitarne le attività, soprattutto intervenendo con violenza in occasioni delle manifestazioni di protesta a Washington contro le ambasciate tedesca ed italiana per l’intervento di queste nazioni nella guerra di Spagna o di quella francese per l’inumano trattamento riservato agli internati spagnoli. I Lincolns dovettero anche affrontare violente polemiche interne per gli sviluppi della situazione internazionale specie in occasione della firma il 23 agosto 1939 del Patto di non aggressione tra l’Unione Sovietica e la Germania nazista, contrasti che si riaccesero al momento dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale. “Questa non è la nostra guerra, la guerra europea non è una guerra antifascista ma una guerra imperialista” per suffragare questa tesi i comunisti ricordavano l’ignavia verso la Repubblica spagnola della Società delle Nazioni e del Comitato di non intervento controllate appunto dagli stati coinvolti nel conflitto. Erano contrari a queste tesi gli ebrei, in maggioranza comunisti, che denunciavano la persecuzione dei loro correligionari in Europa da parte dei nazisti, mentre i trotzkisti lo erano per avversione a Stalin responsabile delle atrocità compiute in Spagna nei confronti dei loro compagni e quanti non erano allineati alle tesi del Partito Comunista. Diversi veterani uscirono o vennero espulsi dalla VALB, tra questi un italo-americano, Humberto Galliani, che per breve tempo aveva comandato il battaglione Garibaldi in formazione per poi passare allo Stato Maggiore della XV Brigata. La principale preoccupazione dopo lo scoppio delle ostilità fu di far rientrare in patria i commilitoni ancora detenuti nei campi d’internamento francesi o prigionieri del regime franchista. Ma il loro attivismo acuì l’interesse del Dipartimento della Giustizia, che già aveva investigato sul reclutamento di volontari per la Spagna, ed anche la VALB rientrò nell’inchiesta avviata dal Presidente Roosevelt sulle attività sovversive di fascisti, nazisti e comunisti in America. A più riprese il FBI investigò ed arrestò diversi veterani e medici che avevano servito nell’American Bureau to Aid Spanish Democracy con l’accusa di aver servito in un esercito straniero.
Quando gli agenti del FBI si presentarono alla sede di New York per conoscere il recapito di un veterano, il responsabile, Milton Wolf, ultimo comandante della XV Brigata, bruciò tutti gli indirizzi degli affiliati. Malgrado fossero sottoposti a tale pressione poliziesca, quando il governo francese, nell’inverno del 1940, decise di rimpatriare tutti i profughi spagnoli ancora presenti in Francia, la VALB si fece promotrice di una dura campagna di protesta con manifestazioni davanti a tutte le sedi consolari francesi e blocchi stradali. Ciò determinò il brutale intervento della polizia e l’arresto dei capi, Milton Wolf, Fred Keller e Gerald Cook con conseguente condanna al carcere per quindici giorni. Scontata la pena fu ordinato ai tre di presentarsi davanti al House Committe on Un-American Activities HUAC per rispondere anche delle accuse formulate da diversi disertori che al rientro in patria avevano denunciato l’esecuzione di disertori americani.
(continua...) 
                               leggi e stampa il testo completo

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            Conseguenze della guerra di Spagna
sulla storia italiana
   

Ardeatine, qui erano badogliani, comunisti, socialisti, liberali, – antifascisti insomma – o al passo del Turchino od alla Benedica che di recente i seguaci dei “ragazzi di Salò hanno profanato. Questa sarebbe stata una grande occasione per onorare la Costituzione. Ma perché non è mai andato a Marzabotto, qui non erano antifascisti, erano vecchi, donne e bambini inermi, qualcuno di questi bambini era in fasce, qualcuno iniziava a camminare, altri imparavano a leggere e scrivere, forse se non fossero stati massacrati oggi voterebbero per lui per lui. Ma lui deve pagare i debiti contratti con chi lo ha portato sul proscenio mondiale, i fascisti vogliono modificare a loro uso e consumo la Storia, quelli che hanno rubato pretendono riabilitazione e legittimazione, i cattolici chiedono di modificare la scuola, favorendo quella privata, ultimi i razzisti della Lega hanno preteso la più vergognosa Legge sull’immigrazione che un popolo di emigranti come il nostro abbia approvato ed ultima la divisione dello stato in nome di una Devolution di facciata, ma di dissoluzione di fatto. Voglio chiudere leggendovi una poesia scritta da un’americana – Genevieve Taggard – dedicata ai veterani della Brigata Lincoln, che io estendo a tutti quanti combatterono per la Libertà, essa è significativa indubbiamente difficile che stiamo attraversando, in cui però un fermento nuovo pervade il paese, le forze amanti della Libertà e della Pace si stanno risvegliando ed allora guardiamo al futuro con fiducia.

Ai veterani della Brigata Lincoln

Dite pure di loro
che non conoscevano lo spagnolo
i primi giorni, e nulla dell’arte della guerra
i primi giorni:
come sparare, come attaccare, come ritirarsi,
come uccidere, come andare incontro alla morte i primi giorni.
Dite pure che conservarono l’aria azzurra
brontolando e lamentandosi,
secche parole e volti aspri. Dite pure ch’erano giovani;
gli sparuti nella trincea, i morti sul pendio d’olivi tutti giovani. E i magri, i malati, e gli sbranati,
ciechi, negli ospedali, tutti giovani.
Dite pure di loro ch’erano giovani, molte cose non le conoscevano, erano uomini come gli altri. Dite tutto; è vero. Dite pure ora che quando il personaggio eminente, l’importante, il benestante, il vecchio, e gli uomini intenti a disputare e a vendere, tradire, tacere nell’omertà, spaccare il cappello in quattro,
scrivere brutti articoli, firmare su cattivi giornali, mandare conti falsi,
corrompere, ricattare, piagnucolare, opprimere, strangolare – essi seppero e agirono compresero e morirono.

O, se non morirono, tornarono e trovarono una pace Che non è pace. Dite pure di loro
Che non sono più giovani, non hanno più appreso
le furbizie, gli espedienti della pace, di questa pace, i trucchi della paura;
e dite pure che ciò sapevano, tuttora sanno.
E ciò osarono, osano tuttora.
                                                                                                                               
Pietro Ramella

                           
                                                           
                                                           
                            Intervento di Pietro Ramella all’Assemblea Annuale dell’AICVAS il 16 novembre 2002

Conseguenze della guerra di Spagna sulla storia italiana

La partecipazione fascista alla guerra di Spagna ebbe pesanti conseguenze sulle susseguenti vicende italiane, infatti, i massicci aiuti forniti da Mussolini a Franco pesarono gravemente nel conflitto mondiale che avrebbe coinvolto l’Italia quindici mesi dopo la fine di quello spagnolo. All’atto dell’entrata in guerra, lo Stato Maggiore italiano fece presente l’impreparazione del nostro esercito soprattutto perché l’industria pesante non era riuscita a reintegrare il materiale utilizzato in Etiopia ed in Spagna. Tra le due guerre inoltre l’Italia aveva venduto all’Inghilterra, alla Francia ed alla Jugoslavia (nostre future nemiche) ed ad altre nazioni europee materiale bellico per 1.820 milioni di lire. Le conseguenze di questo depauperamento si fecero sentire soprattutto dove i gradi spazi permettevano rapidi spostamenti delle truppe. Così accadde in Africa Settentrionale, dove le truppe meccanizzate giocarono un ruolo fondamentale per la vittoria, considerando inoltre la differenza di qualità e potenza dei mezzi impiegati. I carri armati in dotazione agli inglesi avevano una corazza che era doppia di quella dei nostri, la velocità e la potenza di tiro non erano paragonabili. Mancarono soprattutto i semplici mezzi di trasporto, i camion, l’Italia aveva lasciato in Spagna 7.500 mezzi, che sarebbero tornati utili sia nelle avanzate, ma soprattutto nelle ritirate. La velocità di manovra permise ai tedeschi ed agli inglesi di catturare migliaia di prigionieri, cosa che non riuscì agli italiani. Il sacrificio degli italiani ad El Alamein non consentì alle truppe che si stavano ritirando di raggiungere le posizioni predisposte per preparare una linea di difesa, infatti, gli inglesi, superata l’eroica resistenza delle nostre retroguardie, forti della loro mobilità catturarono 20.000 italiani e 10.000 tedeschi, che non disponevano di mezzi per sganciarsi, mentre Franco utilizzava i camion portati in Spagna dal Corpo Truppe Volontarie. La stessa mancanza di mezzi costerà cara all’esercito italiano nella ben più tragica ritirata di Russia. Tutto questo porta determinare la responsabilità di chi volle partecipare alla Seconda Guerra mondiale in uno stato di così grave inferiorità, responsabilità del Duce e di tutta la classe politica dell’epoca. Veniamo alle responsabilità dei giorni nostri. Piero Calamandrei diceva “Quando vorrete sapere dove è stata scritta la nostra Costituzione andate dove i nostri giovani sono morti per la Libertà”, quindi la Costituzione è stata scritta anche sulle rive del Jarama, alla Città Universitaria di Madrid, a Guadalajara, a Brunete, sulle rive dell’Ebro, anche i combattenti di Spagna antifascisti hanno scritto con il sangue la Costituzione. In un legame di sangue e di sacrifici comprendiamo i condannati al carcere ed al confino, gli esiliati, i deportati, le vittime innocenti dei massacri nazifascisti, i morti civili e quanti altri pagarono con il sangue il sogno di grandezza di un pazzo. Ma se la Costituzione è stata scritta da tanti viene da domandarsi perché l’attuale inquilino di Palazzo Chigi non renda loro omaggio, possiamo pensare che per non urtare la suscettibilità del suo primo alleato non vada alle Fosse